1. Casa
  2. Articoli
  3. Le autorità della Tanzania si dividono sulla repressione delle persone che fanno uso di droghe

Le autorità della Tanzania si dividono sulla repressione delle persone che fanno uso di droghe

Le autorità tanzaniane affermano di intensificare la repressione del traffico illegale di stupefacenti, ma i critici, inclusi alcuni membri del governo, affermano che l'approccio prende di mira le persone che fanno uso di droghe piuttosto che quelle coinvolte nel traffico.

“In questa guerra contro i narcotici, nessuno è troppo importante per essere arrestato, anche se si tratta di politici, agenti di sicurezza, ministri di gabinetto o figli di una persona di spicco”, ha dichiarato il 6 febbraio il presidente della Tanzania John Magufuli, in un discorso alle forze dell'ordine.

“Anche se è mia moglie a spacciare droga dovrebbe affrontare la musica”, ha detto aggiunto.

Sebbene non ci siano state modifiche legislative, la Tanzania ha intensificato la sua attuazione della guerra alla droga e il presidente è uno dei tanti funzionari di spicco a mostrare pubblicamente il suo sostegno. L'affermazione di Magufuli secondo cui nessuno è esente dalla politica antidroga del paese è stata esemplificata all'inizio di febbraio, quando le autorità sembravano dare l'esempio di individui di alto profilo.

Lo era Wema Sepetu, vincitrice del concorso Miss Tanzania 2006 arrestato per possesso di cannabis la scorsa settimana. Diversi famosi artisti hip hop sono stati successivamente convocati dalle autorità per presunti, ma non specificati, reati di droga.

Questo approccio altamente pubblicizzato ha creato polemiche nella nazione dell'Africa orientale.

Il ministro del governo Nape Nnauye ha criticato il targeting di celebrità, sostenendo che "la maggior parte di questi elencati sono vittime del consumo di droga".

“Sono malati come le altre vittime dell'abuso di droga; la differenza è che hanno grandi nomi e li conosciamo tutti”, Nnauye proclamato.

Le autorità hanno accennato a perseguire le persone più potenti nel traffico di droga arrestando 17 agenti di polizia per presunto coinvolgimento con la droga, tuttavia, coloro che fanno uso di droghe sembrano essere l'obiettivo principale.

In effetti, un importante funzionario spera di creare un elenco di tutte le persone in Tanzania che fanno uso di droghe illegali.

Il commissario regionale di Dar es Salaam, Paul Makonda, ha dichiarato in una conferenza stampa il 7 febbraio di aver incaricato tutti i leader locali di fornire al governo un elenco di "tossicodipendenti e venditori ambulanti" entro una settimana, Il Cittadino rapporti. Lui minacciato conseguenze non specificate per i leader che non hanno fornito un elenco esaustivo di persone che fanno uso di droghe nella loro giurisdizione.

Makonda ha anche invitato i genitori di persone con un uso problematico di droghe a denunciare i propri figli.

La deputata Esther Bulaya, ministro ombra responsabile del controllo della droga, denunciato l'approccio come una "trovata pubblicitaria", e ha criticato personalmente Makonda per "inseguire pesciolini e tossicodipendenti".

"Questi tossicodipendenti che Makonda sta perseguitando sono solo vittime, hanno bisogno del nostro aiuto. Devono essere sotto metadone", ha aggiunto, "la guerra dovrebbe prendere di mira i baroni".

In effetti, la Tanzania e altre parti dell'Africa orientale sono diventate sempre più utilizzate nel transito dell'eroina dall'Afghanistan all'Europa e oltre.

Nonostante sia geograficamente lontana sia dall'origine che dalla destinazione principale dell'eroina, la Tanzania ha sperimentato un ondata nel traffico di eroina tra il 2008 e il 2013. Ciò è stato in gran parte dovuto alla natura scarsamente sorvegliata della costa del paese, l'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine rapporti.

Si presume aneddoticamente che questo aumento dell'eroina che scorre attraverso il paese abbia portato a un salire nelle persone con consumo problematico di eroina, di cui nel 25,000 erano circa 2013.

As Segnalato da TalkingDrugs nel 2014, l'attuazione nel paese di un programma sul metadone ha avuto molto successo nel ridurre i danni di questo consumo problematico di eroina. I dati attuali, tuttavia, non sono disponibili.

Nel 2016, la Tanzania ha ospitato la riunione di dialogo politico regionale ad alto livello sull'HIV e la riduzione del danno nell'Africa orientale, in cui i parlamentari di diversi paesi hanno firmato la dichiarazione di Arusha chiamata per "l'aumento, il rafforzamento e il finanziamento dei servizi di riduzione del danno per le persone che fanno uso di droghe in tutta l'Africa orientale, nonché la creazione di ambienti politici abilitanti in cui questi servizi basati sull'evidenza possano operare e ottenere i loro potenziali impatti".

La continua repressione e stigmatizzazione delle persone che fanno uso di droghe sembra segnare un passo indietro rispetto all'approccio precedentemente incentrato sulla salute della Tanzania.

Articoli precedenti
In Украине создают региональные команды для защиты прав наркопотребителей
pagina successiva
Chiede test antidroga prematrimoniali obbligatori per gli uomini in Arabia Saudita

Contenuti correlati