1. Casa
  2. Articoli
  3. Antigua e Barbuda si preparano a depenalizzare la cannabis, poiché il primo ministro afferma che è "parte della cultura del paese"

Antigua e Barbuda si preparano a depenalizzare la cannabis, poiché il primo ministro afferma che è "parte della cultura del paese"

I legislatori della camera bassa di Antigua e Barbuda hanno votato per depenalizzare il possesso di cannabis, consentire ai rastafariani di usare la cannabis ritualmente e cancellare le precedenti condanne per possesso.

Il 6 febbraio, i legislatori della Camera dei rappresentanti della nazione caraibica hanno votato per approvare il Progetto di legge sull'abuso di droghe (emendamento).. Il disegno di legge, che ha il sostegno del primo ministro Gaston Browne, cerca di depenalizzare il possesso di meno di 10 grammi di cannabis per tutti gli adulti e consentire ai rastafariani di usare legalmente la cannabis durante i rituali e le cerimonie religiose. Mira anche a compensare i danni che la criminalizzazione ha causato cancellando precedenti condanne per reati minori legati alla cannabis.

La cannabis è illegale nella nazione multi-isola di Antigua e Barbuda da quando il governatore Wilfred Jacobs ha firmato il Misuse of Drugs Act 1973 in legge, mentre il paese era governato dall'impero britannico.

Intervenendo al dibattito parlamentare sulla cannabis, il primo ministro Browne ha ricordato di aver assistito personalmente alla polizia che usava la forza eccessiva contro i rastafariani per presunti reati legati alla cannabis prima che il paese ottenesse l'indipendenza dai governanti britannici.

“[La polizia] era dilagante. Solo l'odore della marijuana, entravano letteralmente nelle case private delle persone e ne abusavano letteralmente […] Ricordo che un paio di volte ho visto ragazzi correre, scappare letteralmente dagli agenti di polizia ancor prima che si avvicinassero a loro perché conoscevano le conseguenze. Le conseguenze non sono state solo azioni penali. È stata anche brutalizzazione", ha detto Browne, secondo il Antigua Observer, “Voglio cogliere l'occasione per chiedere scusa ai familiari di quelle persone per gli abusi che si sarebbero verificati nel corso dei decenni”.

Il disegno di legge è in attesa di approvazione da parte della camera alta del paese, il Senato, prima di passare alla legge, ma il primo ministro Browne ha già rivolto un appello diretto agli agenti di polizia affinché smettano di perseguire le persone per uso di cannabis.

"Voglio segnalare ai membri delle forze di polizia, nel frattempo, che desisteranno dall'incriminare individui", ha detto in un'intervista con Pointe FM. “Il governo ha reso la sua politica molto chiara. Anche se la legge non è stata cambiata, almeno devono rispettare l'intento e dare tregua a chi fa uso di marijuana”.

Il disegno di legge sottolinea che nessun adulto può essere addebitato per il semplice possesso di meno di 10 grammi di cannabis, ma quello fumo la cannabis in un luogo pubblico può potenzialmente portare a una condanna. Le persone scoperte a fumare cannabis in pubblico dovrebbero subire un avvertimento e una multa rispettivamente per la prima e la seconda infrazione, ma "i trasgressori per la terza o successiva occasione" potrebbero subire una condanna e una multa fino a $ 1500, afferma il disegno di legge. I rastafariani sarebbero esentati da questa regola in determinate circostanze, poiché il disegno di legge consentirebbe loro di utilizzare "la cannabis in modo legale durante le cerimonie rituali sacre".

Samantha Marshall MP – capo della commissione governativa sulla cannabis – avvertito che il grande pubblico dovrebbe capire che questa non è piena legalizzazione e che "l'uso di quella sostanza dovrebbe essere nella tua casa privata".

La legge sulla cannabis di Antigua e Barbuda va oltre una legislazione simile all'estero nell'eliminare le conseguenze della criminalizzazione, in quanto funzionerebbe retrospettivamente. Secondo la clausola 6 del disegno di legge, qualsiasi persona condannata per un reato che coinvolge 10 grammi di cannabis o meno - indipendentemente dal reato - vedrebbe la propria condanna "spesa ed annullata".

Sebbene il disegno di legge debba ancora essere approvato dal Senato, il suo significativo sostegno politico interpartitico suggerisce che è probabile che proceda senza intoppi alla legge. Primo ministro Browne crede che dovrebbe avere un forte sostegno anche tra il pubblico: "L'uso della marijuana è ora socialmente accettabile", ha detto, "è, in sostanza, una parte della cultura del paese".

Aggiornare: Il 5 marzo 2018 è entrato in vigore il Misuse of Drugs (Amendment) Act 2018, il che significa che il possesso di 15 grammi di cannabis o meno (da parte di un adulto) non è più un reato penale.

Articoli precedenti
Estonia: нарушение прав женщин, употребляющих наркотики
pagina successiva
Carta interattiva: che cosa è stato fatto nel 2017 nel mercato globale?

Contenuti correlati