1. Casa
  2. Articoli
  3. Rotto! Come la polizia rileva e gestisce il possesso di droga in tutto il mondo

Rotto! Come la polizia rileva e gestisce il possesso di droga in tutto il mondo

Essere scoperti con la droga può essere estremamente stressante. I precedenti penali per possesso personale di droga possono rovinare carriere e opportunità. Costa anche alla polizia e al sistema legale molto tempo e denaro per guadagni incerti.

Al problema si aggiunge che le leggi sulla droga non sono applicate in modo uniforme, con significativi pregiudizi razziali quando si tratta di sanzioni e persino versioni diverse delle stesse droghe che comportano sanzioni diverse. Uno degli esempi più noti di quest'ultimo si può trovare negli Stati Uniti, dove la cocaina crack è molto peggio della cocaina in polvere quando si tratta di condannare: grammo per grammo la pena è 18 volte maggiore per il crack*.

I paesi si differenziano per quanto si spingono per trovare persone in possesso di droghe, con alcuni che amano usare cani da fiuto e test antidroga su strada rispetto ad altri. E, naturalmente, c'è la sostanziale variazione internazionale per quanto riguarda le sanzioni per semplice possesso. Possono variare dall'indifferenza casuale della polizia, uno schiaffo al polso o una cautela informale, a un'apparizione in tribunale, precedenti penali, multe, prigione o peggio.

Con tale variazione è piuttosto strano che non ci sia un profilo solido delle differenze e delle somiglianze negli approcci adottati alla polizia antidroga a livello globale. Le seguenti domande, ad esempio, rimangono in gran parte senza risposta: quali paesi utilizzano cani antidroga per la polizia antidroga di routine? E quanto spesso le persone che fanno uso di droghe vengono fermate e ricercate per droga?

Questo è un divario significativo e uno che il 2017 Global Drug Survey sta per collegare.

Collaborando con la dott.ssa Caitlin Hughes, criminologa ed esperta di politiche sulla droga presso l'Università del New South Wales, in Australia, forniremo la prima visione transnazionale sulla frequenza degli incontri di polizia legati alla droga in diverse parti del mondo; la natura e la gravità di questi incontri; e, i fattori che prevedono incontri di polizia ad alta frequenza per le persone che fanno uso di droghe, ad esempio età, sesso ed etnia.

Le domande chiave che porremo includono se le persone hanno incontrato la polizia con cani antidroga nell'ultimo anno in qualsiasi ambiente esclusi gli aeroporti (ad esempio, a un festival musicale); se sono stati fermati e perquisiti per droga; e se sono stati arrestati per droga. Esamineremo anche le opzioni diversive: se le persone hanno incontrato la polizia per droga ma hanno ricevuto un avvertimento o un rinvio al trattamento invece di essere accusate.

Capire come le leggi sulla droga vengono applicate in tutto il mondo in un momento di enormi cambiamenti nella politica e nella tecnologia è estremamente importante per aiutare i governi a considerare approcci alternativi e identificare ciò che è più giusto e umano (e le vere implicazioni in termini di risorse dell'investimento nella polizia antidroga).

Agli occhi della legge, tutte le persone dovrebbero essere uguali. Ma sappiamo che ciò che è scritto nei libri di statuto e ciò che dovrebbe accadere sono spesso diversi dalla realtà vissuta da migliaia di persone ogni giorno.

Quindi, se sei mai stato annusato da un cane o perquisito dalla polizia e ti sei chiesto "è questo ciò che sperimentano tutti?" o, "cosa succederebbe se vivessi in un altro paese?" quindi prenditi qualche minuto per condividere la tua esperienza in modo che possiamo raccontare al mondo come la polizia gestisce la droga in tutto il mondo.

Vai su www.globaldrugsurvey.com/GDS2017.

*Il Fair Sentencing Act del 2010 ha cambiato il rapporto tra crack e cocaina in polvere (allo scopo di imporre la stessa pena per il possesso di ciascuna forma di droga) da 100 a uno a 18 a uno.

Articoli precedenti
Ecco quali sono i commenti e le informazioni sui nuovi
pagina successiva
I leader mondiali chiedono la fine della criminalizzazione delle persone che forniscono droghe e coltivatori illegali

Contenuti correlati