Charlotte's web: come la cannabis può aiutare i bambini epilettici

Realm Oil, o Alepsia, è stato sviluppato dai fratelli Stanley, tra i maggiori produttori di marijuana e proprietari di un dispensario in Colorado, attraverso un processo che ha creato una varietà di marijuana con meno tetrahydrocannabinol (THC) e più cannabidiol (CBD) rispetto alle normali piante. Dato che è così povero di THC non induce l'effetto psicoattivo tipicamente associato all'uso di marijuana  per scopi ricreativi. Per questa ragione originariamente fu chiamato “Disappunto degli Hippie”, ma ora è famoso come Charlotte's web.

A Charlotte Figi fu diagnosticata la sindrome di Dravet quando aveva solo due anni. Questa sindrome le provocava fino a 300 attacchi al mese, durante i quali perdeva coscienza ed aveva violenti spasmi. I suoi genitori hanno provato tutte le cure possibili, fino a quando, facendo delle ricerche in internet, scoprirono che la marijuana poteva dare alla loro bambina un'ultima possibilità. Charlotte ora usa un olio d'oliva contenente molto CBD estratto dalla marijuana che lei assume sotto la lingua o nel cibo. Nel 2013 ha avuto soltanto 4 attacchi al giorno e adesso può vivere un'infanzia quasi normale.

La sua storia ha ispirato nel 2013 un documentario della CNN “Weed” presentato dal dott. Sanjay Gupta. Il documentario ricevette una pubblicità inaspettata e fece conoscere al pubblico la Charlotte's web e la possibilità di usare questo olio nel trattamenti per epilessia e per altre condizioni.

Molti genitori da allora sono accorsi in Colorado con i loro figli malati alla ricerca della Charlotte's web e di altre forme di marijuana medicinale. Nel novembre 2013 la CBS di Denver ha riportato che c'è una comunità di 93 famiglie con figli epilettici che usa marijuana ogni giorno e che il numero è destinato ad aumentare, dato che centinaia sono in lista d'attesa e migliaia stanno chiamando per informarsi. Sono stati definiti profughi della marijuana, in quanto parte di una migrazione di famiglie pronte a sradicare la propria vita per trasferirsi in Colorado, dove l'uso della marijuana a scopo terapeutico è consentita, fuggendo da stati in cui invece la cannabis è off limits.

Sono state fatte un significante numero di ricerche negli ultimi 50 anni che suggeriscono qualsiasi potenziale positivo della marijuana, tra i quali: antinfiammatorio, neuro protettivo, antidolorifico ed antipsicotico. Alcuni ritengono possa avere anche proprietà antitumorali. È per tutte queste proprietà che i fratelli Stanley iniziarono a coltivare ed a isolare il CBD. Dal 2012 molti più di 180 pazienti epilettici pediatrici hanno iniziato il trattamento e molto stati nord americani stanno dibattendo su questo olio che dovrebbe essere accessibile a tutti coloro che ne hanno bisogno. Infatti mentre l'uso della marijuana a scopo terapeutico è possibile in 20 degli stati USA lo status legale del Realm Oil è meno chiaro.