1. Casa
  2. Articoli
  3. Gruppi della società civile condannano le violazioni dei diritti umani in Messico in vista della visita di Peña Nieto in Argentina

Gruppi della società civile condannano le violazioni dei diritti umani in Messico in vista della visita di Peña Nieto in Argentina

Inviate organizzazioni per i diritti umani argentine una lettera al presidente Macri prima della visita ufficiale di Enrique Peña Nieto.

Sig. Maurizio Macri
Presidente della Repubblica Argentina

Signor Presidente,

Nel contesto della prossima visita in Argentina del presidente degli Stati Uniti messicani, Enrique Peña Nieto, le organizzazioni elencate di seguito esprimono la nostra preoccupazione per la crisi strutturale dei diritti umani che il Messico sta attraversando oggi. Qualsiasi decisione del governo argentino in merito alle sue relazioni con il Messico richiede una presa di posizione ferma sulle gravi violazioni dei diritti che stanno avvenendo in quel paese.

La scomparsa dei 43 studenti di Ayotzinapa, Guerrero, ha attirato l'attenzione del mondo. Diversi rapporti di meccanismi internazionali per la protezione dei diritti umani hanno dimostrato che il caso Ayotzinapa rivela il modello di violazioni e di assoluta impunità che caratterizza oggi il Messico – un fatto che il governo messicano si rifiuta di riconoscere. In quell'area geografica e in molte altre parti del Paese sono state scoperte tombe con centinaia di resti umani. Negli ultimi anni, i record indicano che ci sono stati almeno 150,000 morti, più di 28,000 sparizioni*, innumerevoli detenzioni arbitrarie e lo sfollamento forzato di molte popolazioni, oltre ad altre gravi violazioni dei diritti.

I recenti rapporti del Gruppo interdisciplinare di esperti indipendenti (GIEI in spagnolo) della Commissione interamericana per i diritti umani (IACHR) hanno dimostrato la falsità della versione ufficiale su quanto accaduto ai 43 studenti. Hanno anche fornito informazioni molto rilevanti sul rapporto tra gravi violazioni dei diritti umani e le azioni di varie forze di sicurezza al servizio di organizzazioni criminali associate al traffico di droga.

In Messico, le vittime e le loro famiglie meritano verità e giustizia. Allo stesso tempo, per prevenire ulteriori violazioni, è necessaria una profonda revisione della militarizzazione della risposta dello stato nella fallita "guerra alla droga".

L'Argentina deve tenere conto dei risultati del lavoro del GIEI, dei rapporti della Commissione Interamericana e di diverse Procedure Speciali delle Nazioni Unite che hanno recentemente visitato quel paese, e chiedere allo Stato messicano di rispettare con urgenza i suoi obblighi internazionali in materia di diritti umani. È imperativo che il governo messicano intraprenda le necessarie riforme strutturali, tra cui l'istituzione di una legge generale sulle sparizioni forzate che rifletta le voci delle famiglie delle vittime per affrontare il problema delle sparizioni, e che accetti un meccanismo di follow-up alle raccomandazioni del GIEI riguardo al caso Ayotzinapa, esattamente come ha proposto la IACHR.

Il processo di memoria, verità e giustizia per i crimini contro l'umanità commessi durante l'ultima dittatura ha fatto guadagnare al nostro Paese un ampio riconoscimento da parte della comunità internazionale. L'Argentina ha guidato la stesura della Convenzione internazionale per la protezione di tutte le persone dalle sparizioni forzate, nonché la creazione da parte del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite di un relatore speciale sulla promozione della verità, della giustizia, della riparazione e delle garanzie di non ripetizione. La storia recente dell'Argentina dovrebbe permeare la sua politica estera e, di conseguenza, i suoi rapporti bilaterali con uno Stato oggi segnato dalla scomparsa in massa di persone in un contesto di diffusa impunità.

* Secondo il Registro nazionale dei dati sulle persone scomparse o scomparse (RNPED in spagnolo), a gennaio 2016 c'erano 28,161 persone scomparse in Messico.

Nonne di Plaza de Mayo
Madres de Plaza de Mayo - Línea Fundadora
Centro Studi Legali e Sociali (CELS)
Familiares de Detenidos y Desaparecidos por Razones Politicas
Fondazione Memoria Histórica y Social Argentina
Liga Argentina dei Derechos del Hombre
Assemblea permanente dei diritti umani (APDH)

Articoli precedenti
L'Indonesia eseguirà reati di droga tra accuse di processi iniqui
pagina successiva
Per quanto riguarda l'1% di людей, живущих с гепатитом С в странах ВЕЦА, имеет доступ к лечению – ВИДЕО

Contenuti correlati

Mirovыe лидеры призывают декриминализировать мелкие наркопреступления

In un nuovo articolo della Commissione Globale su Наркополитике «На пути реформы наркополитики. Новый подход к декриминализации», опубликованном в ноябре 2016 года…