1. Casa
  2. Articoli
  3. La politica sulle droghe dovrebbe proteggere i leader sociali, non esporli

La politica sulle droghe dovrebbe proteggere i leader sociali, non esporli

Lucas Marín Llanes di recente pubblicato un'indagine per l'International Journal of Drug Policy su come il programma colombiano di sostituzione delle colture sta influenzando i leader sociali e, in alcuni casi, portandoli alla morte.

 

Di recente, ho visitato Putumayo e Guaviare, dipartimenti situati nel sud della Colombia, in una gita sul campo per studiare il recente programma di sostituzione delle colture (PNIS dal suo acronimo spagnolo). Il PNIS ha offerto incentivi economici alle famiglie di coltivatori di coca per sostituire la loro coltivazione di coca con prodotti legali come cacao, caffè, tra gli altri. Questo programma è stato progettato durante la negoziazione dell'accordo di pace tra il governo colombiano e il primo Fuerzas Armadas Revolucionarias de Colombia (FARC). Dopo il raggiungimento dell'accordo finale, il PNIS ha iniziato la sua attuazione nel 2017 e ha beneficiato 99,000 famiglie.

Uno degli obiettivi della gita era quello di intervistare i leader sociali coinvolti nella promozione del programma. In Colombia, i leader sociali sono attivisti locali che promuovono e proteggono gli interessi delle loro comunità. Inoltre, i leader sociali non sono attori passivi in ​​contesti di conflitto. Attraverso la loro leadership e la coesione sociale, loro contrastare gli interessi dei gruppi armati e l'espansione delle economie illecite. I leader sociali hanno dovuto affrontare maggiori rischi dall'accordo di pace, principalmente a causa di dispute territoriali tra i restanti gruppi armati. Inoltre, i leader con cui ho parlato hanno identificato la promozione del PNIS come un fattore di rischio crescente nei loro confronti e nel loro lavoro. Ho affrontato questa questione empirica nella mia recente pubblicazione sull'International Journal of Drug Policy.

In Colombia, diverse fonti monitorano la violenza contro i leader sociali e denunciano le loro uccisioni. Nella mia carta, ho usato 'Somos Defensores' dati in quanto è la ONG con la più lunga serie di dati sulle uccisioni di leader sociali. Anche se ci sono alcune differenze tra le fonti, tutte rapporto una tendenza in aumento negli ultimi anni.

Per valutare l'effetto del programma di sostituzione del raccolto sulla violenza nei confronti dei leader sociali, ho confrontato i comuni in cui il programma era già stato attuato con un gruppo di controllo di altri comuni coltivatori di coca in cui il programma non era stato attuato. Il metodo empirico impiegato è una strategia di studio degli eventi che controlla le caratteristiche invarianti nel tempo non osservabili e le differenze nelle uccisioni dei leader sociali prima dell'attuazione del programma. Attraverso questi metodi, ho stimato l'effetto causale del programma PNIS sulle uccisioni dei leader sociali.

Il grafico sottostante presenta l'evoluzione del tasso di uccisione dei leader sociali per 100,000 abitanti nei comuni PNIS e non. L'effetto del programma è semplice. Prima della linea verticale rossa, che rappresenta l'inizio dell'attuazione del programma, l'evoluzione delle uccisioni dei leader sociali era simile in entrambi i gruppi di comuni, mentre dopo il programma si è registrato un aumento sproporzionato della violenza nei confronti dei leader sociali nei comuni del PNIS. Il programma ha aumentato il tasso di uccisione dei leader sociali del 481% e la probabilità di un'uccisione mensile è aumentata del 122%. Non sono stati riscontrati effetti sulla violenza generale misurata attraverso i tassi di omicidio. Quindi, il programma ha solo aumentato la violenza specificamente orientata verso i leader sociali.

Uccisioni di leader sociali nei comuni PNIS e non PNIS implementati.

Inoltre, ho esplorato altri effetti del PNIS in base alle caratteristiche del comune. Il programma ha aumentato le uccisioni di leader sociali nei comuni con minore densità di coltivazioni di coca. Questa scoperta è potenzialmente spiegato dalla più forte opposizione dei leader sociali agli interessi dei gruppi armati nelle aree in cui il loro controllo non è consolidato. Coerentemente con la letteratura precedente, il programma ha aumentato il rischio dei leader sociali nelle regioni con presenza di gruppi armati e dispute per il controllo territoriale tra questi attori.

Questi risultati hanno implicazioni politiche convincenti per la politica sulle droghe. Questo è il primo documento, per quanto ne so, che identifica empiricamente le conseguenze indesiderate dei programmi di sostituzione delle colture come il PNIS. Questi interventi dovrebbero proteggere le comunità ei leader sociali invece di esporli. Olisticamente, invece di concentrarsi sul numero di acri di coca, la politica sulla droga dovrebbe migliorare il benessere delle famiglie, a cominciare dalle condizioni di sicurezza. La progettazione dei programmi di sostituzione delle colture deve includere meccanismi di sicurezza e intelligence per anticipare l'aumento del rischio che le comunità ei leader sociali dovranno affrontare. In Colombia, altre politiche – come la restituzione della terra – nei territori legati al conflitto includevano consigli di intelligence per garantire maggiore sicurezza alla comunità e riduzione della violenza contro i leader sociali. È possibile replicare questo meccanismo per futuri progetti politici e garantire sicurezza alle comunità e ai loro leader.

Infine, ci sono diverse opportunità per costruire prove sul PNIS in quanto è il programma di sostituzione delle colture più grande al mondo in termini di famiglie dei beneficiari (99,000) e spesa pubblica (che rappresenta lo 0.4% del PIL nazionale). È necessario determinarne gli effetti sui raccolti di coca e sulle condizioni socioeconomiche delle famiglie. In questo senso, anche per le progettazioni future è richiesta una valutazione dell'efficienza di ogni componente del programma.

La politica sulle droghe in Colombia dovrebbe andare avanti e verso obiettivi desiderabili: protezione dei leader sociali, condizioni socioeconomiche delle famiglie e conservazione delle foreste. Coerentemente con questi obiettivi, gli Stati Uniti hanno recentemente ha riorientato le sue relazioni legate alla droga con la Colombia e i responsabili politici dovrebbero approfittare di questa opportunità per attuare interventi innovativi come il meccanismo di intelligence precedentemente descritto, pagamenti aggiuntivi per i servizi ecosistemici, sostituzione delle colture di coca per la conservazione delle foreste, tra gli altri. In questa direzione, il mondo accademico e i responsabili politici possono impiegare metodi come studi di controllo randomizzati (RCT) per valutare politiche innovative sui farmaci e aumentare la nostra comprensione degli interventi, promuovendo a loro volta programmi efficienti, desiderabili e sicuri per le comunità locali.

 

Lucas Marín Llanes è attualmente assistente di ricerca presso il Centro de Estudios de Seguridad y Drogas, Universidad de Los Andes (Colombia). Puoi seguirlo Twitter.

Articoli precedenti
Quello che vorrei che qualcuno mi avesse detto quando ho iniziato a fare uso di droghe
pagina successiva
Myro Rolim: L'educazione alla droga come emancipazione

Contenuti correlati