1. Casa
  2. Articoli
  3. La droga potrebbe presto essere depenalizzata nel territorio della capitale australiana. Ecco perché sarebbe un passo positivo.

La droga potrebbe presto essere depenalizzata nel territorio della capitale australiana. Ecco perché sarebbe un passo positivo.

Nel febbraio di quest'anno, il backbencher laburista Michael Pettersson ha introdotto a conto dei privati rimuovere le sanzioni penali per il possesso di piccole quantità di alcune droghe illecite nell'Australian Capital Territory. Questo potrebbe sembrare un passo radicale per alcuni, ma i ricercatori e gli operatori sanitari lo sono stati chiedendo da tempo questa riforma. La maggior parte degli australiani sostiene la depenalizzazione e a meno punitivo approccio al consumo di droga. Il disegno di legge è attualmente all'esame dell'a commissione parlamentare che esaminerà le prove e le osservazioni di professionisti, persone che fanno uso di droghe e il pubblico in generale, e riferirà nell'ottobre di quest'anno.

 

La riforma della droga è all'ordine del giorno dell'ACT nel 2021, con un disegno di legge per fare di Canberra il primo posto in Australia a depenalizzare piccole quantità di eroina, MDMA e altre droghe illecite. https://t.co/qqT6bC9F4P

— Il nuovo quotidiano (@TheNewDailyAu) Dicembre 14, 2020

 

Come funzionerà la depenalizzazione?

 

La depenalizzazione della droga non è la stessa cosa della legalizzazione. La depenalizzazione significa che è ancora illegale, ma potresti ricevere una multa, piuttosto che un'accusa penale. In questo caso, la proposta riguarda solo la depenalizzazione dell'uso e del possesso. La produzione e la vendita saranno ancora un reato penale.

Il possesso di cannabis è già stato depenalizzato nell'ACT dal 1992. Pettersson ha anche introdotto un disegno di legge che entrato in vigore nel 2020, che ha fatto un ulteriore passo avanti. Ha permesso ai residenti adulti nell'ACT di coltivare legalmente e possedere piccole quantità di cannabis per uso personale.

Il possesso di cannabis è stato depenalizzato anche nel South Australia e nel Northern Territory da quasi 30 anni.

Se la nuova legislazione passa, il possesso di piccole quantità di un numero limitato di droghe illecite non sarà più un reato penale. Saranno depenalizzati, come lo fu la cannabis tra il 1992 e il 2020 nell'ACT.

Se qualcuno viene trovato in possesso di droghe illecite e l'importo è inferiore al "limite di possesso personale", rischia una multa civile di 1 unità di penale ($ 160). IL sanzione penale attuale è una multa massima di 50 unità di pena ($ 8,000) o due anni di reclusione o entrambi.

Ciò significa che le persone che fanno uso di droghe possono evitare una fedina penale se pagano la sanzione civile entro il periodo di tempo prescritto, un po' come una multa per eccesso di velocità.

Il limite personale proposto per il possesso è di 0.5 grammi di MDMA, 0.002 grammi di LSD e due grammi di cocaina, anfetamine, psilocibina ed eroina. Questi sono livelli molto più bassi rispetto alle attuali definizioni di "uso personale" nell'ACT.

 

Perché depenalizzare le droghe?

 

D'Australia politica nazionale ufficiale sulle droghe include la riduzione dei danni causati dalle droghe legali e illegali. Gli sforzi per ridurre i danni causati dalle droghe illecite sono gravemente ostacolati perché il possesso e l'uso sono un reato penale.

Lo status legale di alcune droghe ha più a che fare con storia rispetto al rischio di danni. In effetti, alcuni dei maggiori danni derivanti dall'uso di droghe illecite sono dovuti al fatto che sono illegali.

Uno dei maggiori danni derivanti dall'uso illecito di droghe è avere precedenti penali per possesso di piccole quantità di droga per uso personale. La maggior parte delle persone che usano droghe illecite lo fanno molto occasionalmente e solo in piccole quantità, e lo fanno non dipendenti né necessitano di cure. Una fedina penale può avere un impatto negativo di lunga durata sul futuro di una persona, compresa la sua carriera e la sua capacità di viaggiare.

Renderli un reato significa anche che c'è molto stigma associato all'uso di questi farmaci. Sappiamo che lo stigma rende più difficile per le persone cercare aiuto quando ne hanno bisogno.

Ci sono nessun beneficio evidente dalla criminalizzazione delle droghe illecite. Nel sistema giudiziario, una grande quantità di tempo e denaro viene spesa per affrontare i reati legati alla droga. L'ex commissario della polizia federale australiana Mick Palmer ha noto: "l'applicazione della legge sulla droga ha avuto un impatto minimo sul mercato australiano della droga". C'è nessuna prova la criminalizzazione ha ridotto l'uso di droghe illecite.

La depenalizzazione riduce significativamente il coinvolgimento del sistema giudiziario e consente di utilizzare meglio le risorse esistenti per sostenere il trattamento delle persone che ne hanno bisogno o per concentrare gli sforzi del sistema giudiziario altrove.

Valutazione della depenalizzazione della droga in altri paesi, come il Portogallo, ha scoperto che aumenta il numero di persone che accedono a trattamenti per alcol e droghe e non comporta un aumento del consumo di droghe.

Nel Northern Territory, South Australia e ACT, il consumo di cannabis non è aumentato quando è stata introdotta la depenalizzazione 30 anni fa. Tariffe di utilizzo non sono più alti di altri stati. Ciò suggerisce che la depenalizzazione comporta più vantaggi che rischi.

Recentemente, lo stato dell'Oregon negli Stati Uniti ha depenalizzato tutte le droghe per uso personale che seguono un voto dai residenti.

Sempre più giurisdizioni si stanno muovendo verso questo approccio. La depenalizzazione delle droghe illecite è la conclusione naturale di decenni di ricerca sui danni correlati alla droga.The Conversation

 

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Nicole Lee, Professore al National Drug Research Institute (Melbourne), Curtin University ed Jarryd Bartle, Docente Sessione, Università RMIT

Articoli precedenti
L'UNDP Brasile giustifica l'astinenza forzata e la patologizzazione religiosa delle persone che fanno uso di droghe
pagina successiva
La campagna nazionale di sensibilizzazione sull'overdose e sul naloxone viene lanciata nel Regno Unito

Contenuti correlati