1. Casa
  2. Articoli
  3. I legislatori olandesi prendono in considerazione la riforma della cannabis in mezzo alla violenza dei coffeeshop

I legislatori olandesi prendono in considerazione la riforma della cannabis in mezzo alla violenza dei coffeeshop

I recenti attacchi violenti ai coffeeshop di cannabis nei Paesi Bassi evidenziano l'urgente necessità per il paese di regolamentare la coltivazione della droga.

Nei Paesi Bassi, i coffeeshop sono strutture in stile caffetteria in cui la vendita di cannabis per il consumo personale è tollerata dalle autorità locali. Tuttavia, secondo la legge olandese, la coltivazione o la vendita di cannabis su larga scala è illegale. Pertanto, mentre i coffeeshop hanno "porte d'ingresso" legali per la vendita di cannabis ai consumatori, la loro "porta di servizio" immagazzina illegalmente cannabis da organizzazioni criminali.

Ci sono stati sette sparatorie in auto nei coffeeshop olandesi nel 2016 finora. Sebbene la polizia non abbia ufficialmente attribuito la colpa per la violenza, questi atti di intimidazione sono apparentemente indicativi di controversie tra i gruppi illegali che riforniscono di cannabis i coffeeshop.

Questi attacchi sono un'indicazione dell'evidente paradosso della politica olandese, che consente la vendita della cannabis nei coffeeshop ma ne criminalizza la produzione e la coltivazione. Queste controversie, che mettono in pericolo il pubblico, potrebbero essere immediatamente ridotte se il governo regolamentasse la coltivazione.

In effetti, un partito di opposizione nel parlamento olandese ha presentato un disegno di legge che legalizzerebbe e regolerebbe la coltivazione della cannabis. Il disegno di legge, presentato dal partito D66, consentirebbe ai coltivatori registrati di coltivare piantagioni di cannabis su larga scala e di vendere i loro prodotti ai coffeeshop locali.

Lo suggeriva un sondaggio del 2013 65 per cento del pubblico olandese sosterrebbe che la produzione, la vendita e il consumo di cannabis siano legali e regolamentati.

Nel mese di settembre 2016, una risicata maggioranza dei parlamentari ha suggerito di sostenere il disegno di legge.

Se il disegno di legge verrà approvato, il governo olandese autorizzerà alcune aziende ad acquistare e vendere cannabis. Parte della legislazione proposta D66 è quella di includere un'analisi del contenuto di cannabis venduta ai coffee shop che includono contenuto di cannabinoidi, livello di THC e informazioni sulla provenienza.

Attualmente, è illegale per le persone coltivare più di cinque piante di cannabis e tutte le piante devono essere alte meno di un metro. I coffeeshop possono immagazzinare fino a 500 grammi di cannabis alla volta, il che è spesso insufficiente per soddisfare la domanda delle grandi città, in particolare nelle zone turistiche.

Consentendo ai coffeeshop di essere riforniti da un mercato illegale, il governo olandese sta indebolendo la propria credibilità, la sicurezza pubblica e il potere delle forze dell'ordine. Sta anche mettendo in pericolo la salute pubblica, in quanto non vi è alcuna supervisione su come le piantagioni coltivano la cannabis.

Vera Bergkamp, ​​la deputata del D66 che ha fatto pressioni per questa riforma, ha espresso questa preoccupazione il mese scorso durante un'intervista colloquio con la Trasmissione nazionale olandese (NOS): “Le persone al giorno d'oggi non hanno idea di cosa stiano fumando”.

Nel frattempo, tutte queste vendite non vengono tassate, riducendo la capacità del governo di contrastare le conseguenze negative del traffico illegale di droga.

Nonostante ciò, continua a esserci opposizione alla riforma. Ard van der Steur, il ministro della giustizia olandese, sì espresso preoccupazione alla prospettiva di una coltivazione regolamentata. Ha affermato che tale riforma sarebbe in conflitto con la strategia del governo di scoraggiare l'uso di cannabis tra i giovani, secondo Notizie olandesi.

Nel 2014, il governo olandese ha chiarito di opporsi all'idea di una coltivazione su larga scala proibito favoreggiamento o assistenza alla produzione illegale di cannabis.

Nonostante la mancanza di consenso, il disegno di legge gode di un forte sostegno e dovrebbe passare alla Camera dei Rappresentanti. Il D66 sta spingendo affinché il disegno di legge venga approvato prima delle prossime elezioni generali del marzo 2017. 

Articoli precedenti
La California, la Nuova Zelanda, il Messico e il Massachusetts propongono delle proposte legali per i marittimi. Аризона против
pagina successiva
Nella regione russa России число людей, живущих с ВИЧ, sconto 1%

Contenuti correlati