1. Casa
  2. Articoli
  3. Il programma estone di riduzione del danno inverte brillantemente la sua epidemia di overdose

Il programma estone di riduzione del danno inverte brillantemente la sua epidemia di overdose

Precedentemente un duro esempio dei danni degli oppioidi sintetici, l'Estonia ha implementato con successo una serie di programmi di riduzione del danno che hanno invertito la sua cupa crisi di salute pubblica degli oppioidi.

Un recente studio europeo che fa il punto sulla risposta estone all'aumento dei decessi correlati alla droga dall'inizio del secolo dimostra come la riduzione del danno sia una parte essenziale di qualsiasi programma di sanità pubblica.

Prodotto all'interno del più ampio Prevalenza, uso e overdose di oppioidi sintetici in Europa (SO-PREP) Progetto europeo, che mira a produrre raccomandazioni basate su prove per prepararsi a una potenziale crisi degli oppioidi sintetici, loro rapporto estone ha descritto come gli oppioidi sintetici sono entrati nel Paese e come ha risposto l'Istituto Superiore di Sanità.

 

La sfida sintetica estone

L'Estonia è un esempio particolarmente distinto di un mercato in cui gli oppioidi sintetici sono stati più diffusi rispetto agli oppioidi convenzionali. Interruzioni nella fornitura di eroina afgana in Europa all'inizio del 21st secolo ha portato all'adozione diffusa di nuove sostanze psicoattive, in particolare il fentanil. Entro un anno dall'introduzione del fentanil, aveva superato l'eroina come l'oppioide più comunemente consumato nel mercato estone. In quanto oppioide sintetico, il fentanil lo è stimato essere 100 volte più forte della morfina, con una dose di appena 3 mg sufficiente per uccidere un adulto. Di conseguenza, l'Estonia aveva il più alta mortalità tasso di overdose in Europa tra il 2007 e il 2017.

Entrambe le fiale contengono la dose letale di eroina e fentanyl necessaria per uccidere un adulto di taglia media.

 

Con il picco delle morti per overdose nel 2012, c'era bisogno di un cambiamento radicale per evitare che questa crisi precipitasse ulteriormente. Sebbene le persone che hanno usato il fentanil siano naturalmente passate dall'iniettare la droga al fumarla, era necessaria un'azione politica per prendere il controllo della narrativa sui danni causati dalla droga e rimodellare il futuro della nazione.

L'Istituto nazionale estone per lo sviluppo della salute (NIHD) ha lanciato il suo programma di prevenzione dell'overdose nel 2013. In particolare, questo programma ha introdotto rapidamente l'agonista degli oppioidi naloxone (un farmaco in grado di invertire le overdose da oppioidi) nel paese, distribuendolo non solo alle persone che si iniettano droghe, ma anche alle loro famiglie, amici, operatori sanitari e qualsiasi organizzazione che entrasse abitualmente in contatto con la popolazione vulnerabile. Aljona Kurbatova, responsabile dell'abuso di droghe e delle malattie infettive presso il NIHD, ha dichiarato a TalkingDrugs che "il lancio del programma nazionale di naloxone da portare a casa finanziato dal governo nel 2013 è stato considerato uno dei passi più importanti per risolvere la crisi del fentanil". Il numero di decessi per overdose è diminuito proprio mentre la distribuzione del naloxone è aumentata in tutto il paese.

Non solo il programma naloxone ha fornito una soluzione di emergenza per invertire le overdose, ma ha integrato le persone che fanno uso di droghe nella soluzione sanitaria. Aljona ha evidenziato come le persone che hanno fatto uso di droghe si sentano più responsabilizzate quando portano con sé il naloxone in quanto offre loro l'opportunità di salvare gli altri: “Salvare la vita di qualcuno ha aumentato la loro [persone che fanno uso di droghe] autostima e senso di autostima”.

 

La fornitura di naloxone in Estonia ha contribuito a ridurre il numero di morti per overdose. Fonte: Istituto nazionale per lo sviluppo della salute

Il programma di diversione SÜTIK

Anche i programmi di diversione della polizia sono stati importanti per fornire un'alternativa alla punizione e il sostegno alle persone ove necessario. SUTIK, un servizio di supporto sociale volto a migliorare la qualità della vita delle persone che fanno uso di droghe, è stato adattato da un programma americano e implementato dalle forze dell'ordine e dai funzionari sanitari nel 2018. Gli agenti di polizia possono indirizzare le persone che hanno commesso un reato correlato alla droga a un sostenere 'pari' come alternativa alla punizione. Questo pari, che è impiegato da SÜTIK, supporterà quindi i clienti ascoltandoli e incoraggiando il cliente verso comportamenti meno rischiosi. Gli obiettivi a breve ea lungo termine vengono fissati con entrambe le parti per almeno 12 mesi, con il peer che indica al cliente i servizi sociali ed economici pertinenti per facilitarne il recupero.

I coetanei di SÜTIK che hanno vissuto esperienze simili di consumo di droga e possono ascoltare e consigliare le persone, indirizzandole ai servizi sociali se necessario. Tali servizi di supporto, oltre ad aiutare le persone ad accedere ai servizi psicologici, di riduzione del danno e sociali, aiutano a costruire un rapporto non giudicante e di fiducia con individui che sono stati spesso privati ​​dei propri diritti dalla società in generale.

Cosa riserva il futuro?

La riduzione del danno ha dimostrato la sua efficacia nel ridurre i decessi per overdose. Tuttavia, si può fare di più per consolidare questi miglioramenti. Mart Kalvet, membro della ONG LUNEST (l'Associazione estone dei consumatori di sostanze psicotrope) ha affermato di sostenere ulteriormente la creazione di stanze per il consumo di droga in tutto il paese, come un modo per riunire i servizi di riduzione del danno in uno spazio fisico. Sostengono anche l'abolizione delle sanzioni per il possesso di droga, che è comprovata per migliorare i risultati di salute per le persone che fanno uso di droghe.

Per il NIHD, Aljona ha affermato che quest'anno verrà rilasciata una nuova politica estone sulla droga, che enfatizzerebbe la necessità di soluzioni e sostenitori incentrati sulle persone e si muoverebbe verso l'eliminazione del linguaggio stigmatizzante dal discorso pubblico. La risposta del pubblico in generale è stata generalmente positiva nei confronti dei progetti di riduzione del danno a causa della loro efficacia nel ridurre le overdose. Sempre più spesso, il consumo problematico di stupefacenti viene visto come un problema di salute mentale piuttosto che come un comportamento criminale.

Sebbene siano sempre necessari ulteriori progressi per normalizzare il consumo di droga e migliorare l'accesso ai servizi di riduzione del danno, l'esempio estone di come invertire una crisi sanitaria pubblica così grave è encomiabile e dovrebbe essere esaminato come caso di studio da Regno Unito, Stati Uniti e altre giurisdizioni che stanno vivendo una crisi di overdose da oppiacei.

 

Articoli precedenti
Perché i giganti dei social media censurano le informazioni salvavita?
pagina successiva
Critiche al modello di trattamento Awakn come seconda clinica aperta per il trattamento della dipendenza

Contenuti correlati