1. Casa
  2. Articoli
  3. Il Guatemala inizia a discutere il regolamento sulla cannabis

Il Guatemala inizia a discutere il regolamento sulla cannabis

Al Congresso del Guatemala sono iniziati dibattiti sull'opportunità o meno di regolamentare la cannabis da parte del paese, ma dato il conservatorismo del paese e la storia di tentativi di riforma in fase di stallo, un cambiamento tangibile sembra improbabile.

Le discussioni pubbliche aperto alla fine del mese scorso dopo il deputato Alvaro Velasquez del partito socialista Convergencia ha presentato un disegno di legge in aprile che propone di regolamentare sia la cannabis ricreativa che terapeutica. 

Diverse parti interessate contribuiranno ai dibattiti, che dureranno fino ad agosto. Successivamente, verrà presa una decisione se la proposta va per un dibattito congressuale completo. 

Velasquez ha sottolineato la necessità di affrontare le politiche antidroga del Guatemala dal punto di vista della salute piuttosto che della giustizia penale. Ha anche sottolineato che la regolamentazione avrebbe potuto ed i benefici economici per lo stato e potrebbe alleviare la pressione sul paese sistema carcerario sovraccaricato.

Il disegno di legge non è la prima volta che la regolamentazione della cannabis viene discussa in Guatemala. Ex presidente Otto Perez Molina ha suggerito in un'intervista del novembre 2014 che il paese potrebbe esplorare la regolamentazione il prossimo anno. Mentre il Guatemala è Commissione nazionale per la riforma della politica sulle droghe – lanciato nel 2014 – avrebbe dovuto alimentare questo processo producendo raccomandazioni per la riforma della politica in materia di droga nel paese, il rapporto finale della Commissione deve ancora essere pubblicato.

In effetti, dopo l'arresto di Molina lo scorso anno con l'accusa di corruzione e l'insediamento del nuovo presidente Jimmy Morales nel gennaio 2016, sembra che la riforma della politica sulle droghe di qualsiasi tipo - per non parlare della regolamentazione della cannabis - è ancora molto lontano in Guatemala. Per uno, parlando con El Pais l'anno scorso Morales ha respinto ogni possibilità di regolamentazione sulla base del fatto che il Guatemala non poteva rischiare di alimentare la dipendenza e fare pressione sul sistema sanitario.

Inoltre, il Guatemala è socialmente un paese estremamente conservatore, dove dominano ancora le opinioni religiose, come ha detto Velasquez all'agenzia di stampa Stampa Latina.

Alla luce di questo e della storia del paese di tentativi bloccati di riforma della politica sulle droghe, sembra improbabile che il disegno di legge di Velasquez abbia successo.

Articoli precedenti
Test antidroga vitali per ridurre i decessi per MDMA nel Regno Unito
pagina successiva
La brutale guerra alla droga dell'ISIS riflette le norme di proibizione globali

Contenuti correlati