1. Casa
  2. Articoli
  3. Gli esseri umani hanno usato droghe con il sesso per millenni - Le ragioni sono molto più ampie di quanto pensi

Gli esseri umani hanno usato droghe con il sesso per millenni - Le ragioni sono molto più ampie di quanto pensi

Di per sé, il sesso e la droga sono tabù culturali. Combinarli non fa che aumentare la nostra riluttanza a parlarne. Ma capire come il sesso e la droga sono collegati non è qualcosa da cui dovremmo rifuggire o percepire come deviante.

 

Gli esseri umani hanno intenzionalmente usato droghe per facilitare e migliorare le loro esperienze sessuali per millenni. Gli antichi egizi usati estratti dal fiore di loto blu per aumentare il desiderio sessuale. Più recentemente, negli anni '1960, l'avvocato psichedelico Timothy Leary ha dichiarato: "L'LSD è l'afrodisiaco più potente mai scoperto dall'uomo".

Nonostante questa lunga storia, la nostra comprensione della relazione tra sesso e droga rimane limitata. I ricercatori hanno tradizionalmente avuto la tendenza a concentrarsi sulle associazioni tra uso di droghe e comportamenti sessuali "rischiosi", come il mancato uso del preservativo o l'avere più partner sessuali.

Gli studi hanno anche evidenziato collegamenti tra uso di droghe e funzione sessuale "compromessa", come difficoltà nel mantenere un'erezione o raggiungere un orgasmo. Questo ci lascia con un'immagine del sesso con droghe che è sproporzionatamente focalizzata sul negativi.

 

Oltre il chemsex

 

Più recentemente la ricerca che esplora la relazione tra sesso e droga si è concentrata sul "chemsex". Chemsex di solito si riferisce a uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini che usano droghe come metanfetamine o mefedrone per migliorare e prolungare la loro esperienza sessuale.

Sebbene questo sia importante, non cattura le esperienze di persone che hanno identità di genere e sessuali diverse. Le campagne di riduzione del danno sulla combinazione di sesso e droga lo sono rivolto a uomini gay e bisessuali, il che significa che è improbabile che altri gruppi che si impegnano in questa attività accolgano tali informazioni.

A causa dell'enfasi sulla chemsex, sappiamo poco delle esperienze sessuali delle donne sotto l'effetto di droghe e di quale potrebbe essere il miglioramento in questi contesti. Dall'approvazione della FDA del Viagra per il trattamento della disfunzione erettile negli anni '1990, ci sono stati chiamate per lo sviluppo di una controparte femminile. Ma non è chiaro quale condizione medica possa "trattare" un farmaco del genere per le persone con vagina.

 

Sesso e sessualità

 

La nostra visione ristretta della relazione tra sesso e droga sta iniziando a essere corretta man mano che emergono nuove ricerche che si occupano di piacere e beneficio.

Uno studio recente rivela un gruppo eterogeneo di persone in una gamma di identità sessuali e di genere che usano droghe per migliorare il sesso, con motivazioni ed esperienze altrettanto diverse. Per alcuni si trattava di migliorare la connessione emotiva, mentre per altri il desiderio era accresciuto o le sensazioni corporee erano aumentate. Alcuni hanno anche scoperto che il sesso ha migliorato l'esperienza di droghe e droghe che migliorano l'esperienza sessuale. Lo studio dimostra i limiti del pensare al miglioramento sessuale in termini puramente fisici evidenziando i modi in cui le droghe possono migliorare gli aspetti emotivi del sesso.

Un altro studio esplora come le persone LGBTQ usano droghe per trasformare e migliorare le loro esperienze di genere, spesso in relazione al sesso. Le droghe hanno permesso loro di esprimere le loro identità di genere e sessuali in modi diversi e sfidare i binari tradizionali. Per molti dei partecipanti le droghe hanno fornito l'opportunità di giocare e sperimentare con il genere, con alcuni uomini gay che descrivono la liberazione e il legame sociale derivanti dall'uso di droghe.

 

Le droghe che usiamo con il sesso

 

I farmaci che le persone combinano con il sesso tendono a riflettere modelli di consumo di sostanze più ampi. Utilizzando i dati da Indagine globale sui farmaci, un 2019 studio ha scoperto che le tre droghe più comunemente usate con il sesso erano rispettivamente alcol, cannabis e MDMA. Questo era vero per i partecipanti di tutte le categorie di genere e identità sessuale. Lo studio ha anche scoperto che mentre l'uso di "droghe chemsex" (metanfetamina, mefedrone e GHB / GBL) con il sesso era più alto tra gli uomini gay e bisessuali, anche altri gruppi riferiscono di aver fatto sesso con queste droghe.

L'alcol è la droga che la maggior parte delle persone conoscerà e che alcuni potrebbero avere apposta lo usava per rilassarsi prima del sesso. Per la maggior parte, l'alcol è abituato facilitare sesso mentre le droghe sono usate per migliorare l'esperienza. Tuttavia alcuni useranno combinazioni di farmaci piuttosto che l'uso esclusivo di una sostanza.

Alcol e cocaina sono usati combinazione - poiché la cocaina è uno stimolante, compensa l'effetto depressivo dell'alcol. La cocaina, come altri stimolanti come la metanfetamina, è usata prolungare l'esperienza sessuale.

 

Dai un'occhiata a questo Guida a Chemsex più sicuro dai nostri amici di menrus.co.uk

 

Le droghe illecite o ricreative non sono le uniche usate per il sesso, anche alcuni farmaci lo sono. L'antidolorifico Tramadol è noto per essere efficace nel superare l'eiaculazione precoce negli uomini, anche se alcuni usano questo farmaco senza prescrizione o controllo medico.

Comprendere i vantaggi dell'uso di droghe per migliorare le esperienze sessuali è un argomento di ricerca importante a sé stante, sebbene fino ad ora trascurato.

Ma un'ulteriore conoscenza del piacere e di come funziona potrebbe aiutarci a comprendere i problemi legati al sesso che anche le persone sperimentano. Sarebbe un peccato se la nostra timidezza culturale riguardo al sesso e alle droghe ci impedisse di migliorare un aspetto della vita che tutti abbiamo il diritto di sperimentare.The Conversation

 

 

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Ian Hamilton, professore associato di dipendenza., Università di York ed Alex Aldridge, Candidato al dottorato, Royal Holloway

Articoli precedenti
Le Nazioni Unite danno il via libera alla cannabis medicinale, ma non riescono a sfidare l'eredità coloniale del suo divieto
pagina successiva
In che modo il COVID-19 sta influenzando le donne coltivatrici di papaveri a Guerrero, in Messico 

Contenuti correlati