1. Casa
  2. Articoli
  3. L'inutilità di combattere i mercati della droga nel dark web

L'inutilità di combattere i mercati della droga nel dark web

L'uso dei mercati della droga nel dark web sta crescendo in modo esponenziale. Mentre le forze dell'ordine hanno costantemente fallito nel ridurre le vendite online, le iniziative senza scopo di lucro stanno lavorando per ridurre i potenziali danni delle droghe acquistate attraverso il dark web.

Dati recenti indicano che i mercati della droga online stanno rapidamente guadagnando popolarità a livello internazionale. Ciò è particolarmente evidente nei risultati del Indagine globale sulla droga 2016 (GDS), che ha intervistato oltre 100,000 intervistati – principalmente coloro che fanno uso di droghe illegali – provenienti da oltre 50 paesi in tutto il mondo. Circa un partecipante su 10 ha riferito di aver acquistato droghe attraverso il dark web almeno una volta, mentre il cinque per cento degli intervistati ha affermato di "non aver consumato droghe prima di accedervi attraverso" il dark web.

I dati dell'Economist indica che il giro d'affari delle vendite internazionali di stupefacenti attraverso il dark web è aumentato di oltre l'800 per cento negli ultimi quattro anni; da circa $ 16 milioni nel 2012 a tra $ 150 milioni e $ 180 milioni nel 2015.

Il dark web è una rete online a cui è possibile accedere solo con software crittografato, ad esempio Tor. Per acquistare articoli illeciti, gli utenti del dark web utilizzano Bitcoin, una valuta virtuale decentralizzata che fornisce l'anonimato; rendendo così il commercio estremamente difficile da tracciare per le forze dell'ordine. L'Economist riporta che i rivenditori di farmaci del dark web chiudono sottovuoto gli imballaggi delle loro spedizioni, li immergono nella candeggina per distruggere le prove del DNA e inviano le consegne da uffici postali non monitorati. UN stimato Il 90% delle spedizioni di droga nel dark web raggiunge con successo il proprio acquirente.

I funzionari delle forze dell'ordine di tutto il mondo hanno tentato di chiudere i mercati della droga sul dark web sin dal primo sito di questo tipo, Via Della Seta, è stato lanciato nel 2011. La natura crittografata di questi siti Web rende il processo notevolmente difficile, e spesso inutile, per la polizia. Via Della Seta è stato chiuso nel 2013 quando il suo fondatore è stato arrestato, ma meno di un mese dopo, è stato sostituito da Silk Road 2.0. Via della Seta 2.0 è stato poi chiuso alla fine del 2014, eppure poche ore dopo, Via della Seta 3.0 è stato istituito e continua a funzionare fino ad oggi. Il GDS descrive la persistente prevalenza di tali siti come "la più grande sfida alle leggi sulla droga e alla loro applicazione in un secolo".

L'immagine che appare sull'originale Via Della Seta dopo che è stato chiuso

Analogamente alla polizia antidroga del mondo reale, le forze dell'ordine online sono occasionalmente in grado di chiudere i venditori di droga, ma non sono in grado di impedire a nuovi venditori di cogliere immediatamente il vuoto commerciale. I servizi di riduzione del danno online stanno ora intervenendo per fare ciò che la polizia non è stata in grado di fare: migliorare la sicurezza delle persone che acquistano dai mercati della droga del dark web.

Nel 2014, Controllo energetico – un'organizzazione spagnola senza scopo di lucro – ha iniziato a offrire un servizio internazionale di test antidroga per gli utenti del dark web. Il servizio analizza e rileva il contenuto delle sostanze inviate in cambio di donazioni di Bitcoin. Mireia Ventura, coordinatrice del controllo antidroga di Energy Control, descritto la strategia come fornire "riduzione del rischio […] all'interno del dark web".

Energy Control ha scoperto che i livelli di purezza dei farmaci online sono considerevolmente più alti; la media livello di purezza per la cocaina sul dark web era di circa il 71%, rispetto a una media del 48% tra la cocaina venduta nelle strade spagnole. Questa discrepanza evidenzia l'importanza delle strutture per i test antidroga, poiché le persone possono consumare droghe dal dark web assumendo una bassa purezza a livello di strada.

Questa tendenza orientata alla salute si sta diffondendo online. Dott. Fernando Caudevilla, un medico spagnolo noto come Dottor X sul dark web, offre consulenza professionale su droghe e salute su Via della Seta 3.0 forum. Mentre Fondazione A-Clinic, un gruppo finlandese, sta compilando un "database di sostanze circolanti online" pubblico e consultabile.

Le forze dell'ordine non riescono ad affrontare i mercati della droga nel dark web, le vendite continuano ad aumentare e la purezza delle sostanze rimane elevata. I servizi di riduzione del danno online sono, quindi, fondamentali. Con l'aumentare di questa nuova manifestazione di proibizione della droga, crescerà anche la necessità di programmi innovativi di riduzione del danno che migliorino la sicurezza delle persone che acquistano droghe da essa.

Articoli precedenti
Il voto italiano sulla legalizzazione della cannabis è stato ritardato ma il potenziale di riforma rimane
pagina successiva
Copenhagen apre uno spazio per un consumo sicuro di droghe

Contenuti correlati