L’Islanda dovrebbe introdurre sale per il consumo di droghe

Svandís Svavarsdóttir, the Minister of Health, has backed the introduction of drug consumption rooms

(Source: Facebook)

Sale per il consumo di droghe (SCD) dovrebbero essere introdotte in Islanda, dato che i parlamentari e la ministra della salute hanno sottoscritto appelli per un emendamento alla legislazione nazionale sulla droga.

Svandís Svavarsdóttir, la ministra della salute, ha dichiarato al Parlamento il 21 Marzo che il suo governo vorrebbe emendare la legislazione sulla droga esistente, affinché le SCD possano legalmente aprire ed operare nel paese.

Una SCD in Islanda, ha detto, sarebbe un “ambiente legalmente protetto dove i maggiorenni possono consumare [droghe illegali] sotto la supervisione di operatori sanitari. Dove misure sono prese per assicurare una totale igiene, sicurezza e controllo dalle infezioni.”

Le SCD prevengono overdose mortali, dato che professionisti controllano l’uso di droghe delle persone e possono quindi amministrare naloxone – una medicina che previene le overdosi da oppiacei – quando necessario. Nei 9 paesi che operano SCD, non vi è mai stata un’overdose fatale dentro una struttura.

Le SCD forniscono anche materiale sterile e un ambiente più sicuro per l’uso di droga, riducendo così il rischio di malattie trasmesse per via ematica, così come il comportamento antisociale associato all’uso pubblico di droga – inclusi l’abbandono di rifiuti legati alla droga e l’intossicazione pubblica.

L’emendamento proposto è stato sostenuto dalla Croce Rossa, che ha messo in guardia sul fatto che oggi in Islanda muoiono più persone per overdose che in incidenti d’auto. Nel 2018 ci sono state 17 morti legate alla droga nel paese, che conta solo 330,000 abitanti.

“C’è una maggiore quantità di senzatetto, il che vuol dire che le persone si iniettano in condizioni pessime”, ha sottolineato Þórir Guðmundsson, direttore della Croce Rossa a Reykjavík. “C’è un grande bisogno per [le persone] di poter accedere a un alloggio caldo dove ci sono degli operatori sanitari.”

Secondo molti l’emendamento dovrebbe passare, avendo ricevuto un supporto unanime da parte dei deputati durante un recente dibattito parlamentare. Svavarsdóttir ha preventivamente promesso 50 milioni di ISK (407,000 dollari) di fondi pubblici per supportare la creazione di una SCD, una volta l’emendamento passato.