1. Casa
  2. Articoli
  3. L'Oregon ha appena depenalizzato tutte le droghe: ecco perché gli elettori hanno approvato questa rivoluzionaria riforma

L'Oregon ha appena depenalizzato tutte le droghe: ecco perché gli elettori hanno approvato questa rivoluzionaria riforma

L'Oregon è diventato il primo stato degli Stati Uniti a depenalizzare il possesso di tutte le droghe il 3 novembre 2020.

misurare 110, un'iniziativa di scrutinio finanziato dalla Drug Policy Alliance, un gruppo di difesa senza scopo di lucro sostenuto in parte da Mark Zuckerberg di Facebook, approvato con oltre il 58% dei voti. Il possesso di eroina, cocaina, metanfetamina e altre droghe per uso personale non è più un reato penale in Oregon.

Quei farmaci sono ancora contro la legge, così come la vendita. Ma il possesso è ora una violazione civile, non penale, che può comportare una sanzione o una terapia ordinata dal tribunale, non il carcere. La marijuana, che l'Oregon ha legalizzato nel 2014, rimane completamente legale.

La mossa dell'Oregon è radicale per gli Stati Uniti, ma per diversi paesi europei hanno depenalizzato i farmaci in una certa misura. Ci sono tre argomenti principali per questa importante riforma della politica sulle droghe.

 

# 1. La proibizione della droga è fallita

 

Nel 1971, il presidente Richard Nixon dichiarò la droga "il nemico pubblico numero uno" e lanciò un "guerra alla droga"Che continua ancora oggi.

L'apparente logica per punire duramente i tossicodipendenti è scoraggiare il consumo di droga. Ma decenni di ricerca - compreso il nostro sulla marijuana più farmaci in genere - ha trovato il file effetto deterrente di una severa punizione penale per essere piccolo, ammesso che esista. Ciò è particolarmente vero tra i giovani, che sono la maggioranza dei tossicodipendenti.

Ciò è in parte dovuto alla natura della dipendenza e anche perché ci sono semplicemente dei limiti a quanto la punizione può scoraggiare il crimine. Di conseguenza, gli Stati Uniti hanno entrambi il tasso di incarcerazione più alto del mondo più tra i più alti tassi di consumo di droghe illegali. Più o meno 1 persona incarcerata su 5 negli Stati Uniti è per reato di droga.

I criminologi trovano che altre conseguenze del consumo problematico di droghe - come danni alla salute, ridotta qualità della vita e relazioni personali tese - sono deterrenti più efficaci delle sanzioni penali.

Poiché criminalizzare le droghe non impedisce realmente l'uso di droghe, la depenalizzazione non la aumenta realmente. Portogallo, che ha depenalizzato il possesso personale di tutte le droghe nel 2001 in risposta all'elevato uso di droghe illecite, ha tassi di consumo di droga molto più bassi rispetto alla media europea. Il consumo di cocaina tra i giovani adulti di età compresa tra i 15 ei 34 anni, ad esempio, è dello 0.3% in Portogallo, rispetto al 2.1% nell'UE. Anche il consumo di anfetamine e MDMA è inferiore in Portogallo.

 

2. La depenalizzazione consente di utilizzare meglio il denaro

 

Arrestare, perseguire e imprigionare persone per reati legati alla droga è costoso.

L'economista di Harvard Jeffrey Miron stima che tutte le spese del governo relative al divieto di droga erano 47.8 miliardi di dollari a livello nazionale nel 2016. L'Oregon ha speso circa 375 milioni di dollari per la proibizione della droga in quell'anno.

L'Oregon ora devierà parte del denaro precedentemente utilizzato per l'applicazione della droga per pagare una dozzina di nuovi centri di prevenzione e cura della droga in tutto lo stato, che è stato trovato per essere molto più conveniente strategia. Alcune entrate fiscali da vendite di marijuana ricreative, che ha superato i 100 milioni di dollari nel 2019, andrà anche ai servizi di dipendenza e recupero.

Oregon ha speso circa $ 470 milioni per il trattamento dell'abuso di sostanze tra 2017 e 2019.

Non tutti coloro che usano droghe hanno bisogno di cure. La depenalizzazione rende gli aiuti accessibili a coloro che ne hanno bisogno e tiene lontani dalla prigione sia quegli utenti che quelli ricreativi.

 

3. La guerra alla droga prende di mira le persone di colore

 

Un altro obiettivo della depenalizzazione è mitigare il significativo disparità razziali ed etniche associate alla lotta alla droga.

 

Lo è l'uso di droghe illegali approssimativamente paragonabile in tutta la razza negli Stati Uniti Ma le persone di colore hanno molte più probabilità di esserlo cercato, arrestato e incarcerato per reati legati alla droga. I crimini di droga possono incorrere in lunghe pene detentive.

La discrezione nell'applicazione della droga e nella condanna significa che il divieto è tra i principali cause di incarcerazione di persone di colore negli Stati Uniti - un'ingiustizia molti americani su entrambi i lati del corridoio riconoscere sempre di più.

Liberati dal controllo del consumo di droga, i dipartimenti possono reindirizzare le proprie risorse verso la prevenzione e la risoluzione dei crimini crimini violenti come omicidio e rapina, che richiedono molto tempo per le indagini. Ciò potrebbe aiutare a ripristinare un po 'di fiducia tra le forze dell'ordine e le comunità di colore dell'Oregon.

 

Rischi di depenalizzazione

 

Una preoccupazione comune tra gli Oregoniani che hanno votato contro la depenalizzazione era che la riduzione delle sanzioni penali avrebbe messo in pericolo i bambini.

"Penso che invii loro un messaggio davvero negativo e influenzi la loro percezione dei rischi", James O'Rourke, un avvocato difensore che ha contribuito a organizzare l'opposizione per misurare 110, ha detto a Oregon Public Broadcasting in ottobre.

Ma gli Stati Uniti affermano che la marijuana legalizzata non ha visto aumentare in modo significativo l'uso da parte degli adolescenti. In effetti, il consumo di marijuana tra gli adolescenti - sebbene non tra gli americani in età universitaria - in realtà è diminuito in alcuni stati con la marijuana legale. Ciò può essere dovuto al fatto che la marijuana legale e regolamentata è più difficile da ottenere per i minori rispetto alle droghe del mercato nero.

La ricerca mostra anche che per alcune persone, in particolare i giovani, vietare un comportamento lo rende più allettante. Quindi definire le droghe come una preoccupazione per la salute piuttosto che come un crimine potrebbe effettivamente renderle meno attraenti per i giovani dell'Oregon.

Un'altra preoccupazione per la depenalizzazione è che attirerà le persone che cercano di usare droghe.

Il cosiddetto "turismo della droga" non è stato davvero un problema per il Portogallo, ma è successo in Svizzera dopo che i funzionari negli anni '1980 e '1990 hanno iniziato ufficialmente a "ignorare" l'eroina nel parco Platzspitz di Zurigo. La gente veniva da tutto il paese iniettare eroina in pubblico, lasciando gli aghi scartati sul terreno.

Il governo locale ha chiuso il parco Platzspitz. Ma invece di scacciare o arrestare coloro che lo frequentavano, iniziò a offrire metadone e prescrizione di eroina aiutare le persone con disturbo da uso di oppioidi. Iniezioni pubbliche, tassi di HIV e overdose - che erano diventati tutti un problema a Zurigo - crollati.

Alcune parti dell'Oregon hanno già tassi più elevati di consumo pubblico di droghe, vale a dire Portland ed Eugene. Poiché l'uso pubblico di droghe è ancora illegale in Oregon, tuttavia, non ci aspettiamo che emerga una scena della droga aperta in stile Platzspitz Park. Questi luoghi dovrebbero beneficiare dell'espansione dei programmi di metadone e di altri trattamenti assistiti da farmaci, che sono approvati dal American Medical Association.

Se il vicino stato di Washington depenalizzasse la droga, cosa che sta valutando, le possibilità del turismo della droga diminuirebbero ulteriormente.

 

Upside - and downside

 

Ci sono rischi con qualsiasi cambiamento di politica importante. La domanda è se la nuova politica produca un vantaggio netto.

In Portogallo, la completa depenalizzazione si è dimostrata più umana ed efficace della criminalizzazione. Poiché i tossicodipendenti non si preoccupano di dover affrontare accuse penali, coloro che hanno bisogno di aiuto hanno maggiori probabilità di cercarlo - e prendilo.

del Portogallo il tasso di mortalità per overdose è cinque volte inferiore alla media dell'UE - che è se stesso di gran lunga inferiore a quella degli Stati Uniti. Tassi di infezione da HIV anche tra i consumatori di droghe iniettabili caduto massicciamente dal 1991.

Queste politiche dimostrano che il consumo problematico di droghe è una sfida per la salute pubblica da gestire, non una guerra che può essere vinta.

 

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Scott Akins, Professore, Dipartimento di Sociologia, Oregon State University più Clayton Mosher, Professore, Dipartimento di Sociologia, Washington State University

Articoli precedenti
Aggiornamenti sulle droghe parlanti dall'Europa orientale e dall'Asia centrale [ottobre-novembre 2020]
pagina successiva
I nuovi Talking Drugs della regione Восточной Европы и Центральной Азии [Ноябрь 2020]

Contenuti correlati