1. Casa
  2. Articoli
  3. Cani da fiuto da inviare alle scuole statali del South Australia per trovare droga

Cani da fiuto da inviare alle scuole statali del South Australia per trovare droga

Il premier del South Australia si è impegnato a inviare cani da fiuto nelle scuole statali per trovare giovani in possesso di droghe, in particolare metanfetamina, comunemente chiamata "ghiaccio".

Il 15 maggio, il premier Steven Marshall giurato per attuare il suo Fermare il flagello nelle scuole politica, che aveva promesso durante la sua campagna elettorale. La polizza, quella di Marshall sito web afferma, intende “fare ogni sforzo per fermare il flagello della droga – anche intraprendendo azioni preventive nelle nostre scuole [perché] droghe come il ghiaccio distruggono il potenziale, danneggiano le famiglie e sprecano vite umane”.

In particolare, “ciò includerà l'utilizzo dei cani antidroga della polizia come strumento efficace nella lotta alla droga nelle nostre scuole. I cani da fiuto potranno essere utilizzati nel campus su richiesta della direzione della scuola o su indicazione [della polizia del South Australia]”.

Parlando alla riunione annuale del suo partito nel 2017, Marshall ha dichiarato: "Non annuseremo le singole classi e gli studenti quando sono presenti, ma andremo negli spogliatoi, ispezioneremo le borse e faremo tutto il possibile. Questo sarà obbligatorio nelle nostre scuole statali e invitiamo anche le scuole private ad aderire".

La natura obbligatoria di questo programma nelle scuole statali, ma non nelle scuole private, suggerisce che i bambini delle fasce più povere della società australiana hanno maggiori probabilità di affrontare il peso maggiore di queste tattiche delle forze dell'ordine, inclusa la criminalizzazione.

Tuttavia, la mossa è stata approvata dal primo ministro Malcolm Turnbull, che promesso per sostenere le proposte di Marshall nel 2017. Ha descritto la metanfetamina come una "minaccia scioccante e miserabile" e ha annunciato di essere "ispirato a sentire la passione di ... Steven Marshall che parla di come è determinato che il governo che guiderà manterrà il Sud Bambini australiani liberi dalla piaga della droga”.

Consumo di droga tra i giovani

Adelaide, la capitale del South Australia, continua ad avere uno dei più alti tassi di consumo di metanfetamine nel paese, secondo l'indagine sulle famiglie sulla strategia nazionale in materia di droga del 2016. Tuttavia, il tasso di utilizzo tra gli adolescenti è diminuito drasticamente negli ultimi decenni; la percentuale di giovani di età compresa tra i 14 e i 19 anni che ha riferito di aver fatto recente uso di metanfetamine è scesa dal 6.2% nel 2001 allo 0.8% nel 2016. Ciò aderisce a un diminuzione graduale nel consumo di droga segnalato tra gli adolescenti riportato da altre indagini statistiche.

Ciò suggerisce una discrepanza tra il tasso di consumo di droga tra i giovani e il ragionamento alla base dell'introduzione della controversa politica di Marshall.

Una tattica efficace?

Professore associato della School of Medicine dell'Università di Adelaide, specialista in dipendenze Dr Rob Ali, detto In tutti i giorni che la proposta di Marshalls "non ha una solida base di prove per supportarla, [è] probabile che aumenti i problemi piuttosto che ridurli, [ed è] straordinariamente costosa per un rendimento minimo o nullo". Ha avvertito che l'invio di cani da fiuto nelle scuole potrebbe incoraggiare i bambini a usare sostanze più pericolose, poiché alcuni giovani potrebbero cercare sostanze difficili da riconoscere per i cani da fiuto.

L'approccio ha stato criticato dal leader dell'opposizione del South Australia, Peter Malinauskas – che è stato in precedenza ministro della polizia dello stato, come “assurdo” e “ridicolo”. Il difensore civico australiano ha descritto l'uso di cani da fiuto come inefficace; "In modo schiacciante, l'uso di cani antidroga ha portato a perquisizioni pubbliche di individui in cui non è stata trovata alcuna droga, o all'individuazione di adulti (per lo più giovani) in possesso di piccolissime quantità di cannabis per uso personale".

Il campo di battaglia per la politica sulla droga in Australia

Le iniziative di riduzione del danno che si svolgono altrove in Australia sono in netto contrasto con i piani di politica antidroga incentrati sull'applicazione di Marshall.

Nell'ottobre 2017, il governo dello stato di Victoria introdotto una sala di consumo più sicura per l'eroina a Melbourne, quali autorità più tardi detto consentirebbe l'uso di metanfetamine. Intanto a Canberra, la capitale australiana, il primo tentativo del Paese consentendo il test della pillola a un festival australiano è stato salutato come un successo dopo che sono stati trovati due campioni di droga potenzialmente mortali.

Sembra che diverse parti dell'Australia stiano scegliendo approcci notevolmente diversi alla politica sulle droghe. Resta da vedere se l'approccio del premier Marshall avrà successo nel ridurre l'uso di metanfetamina tra gli scolari, ma le prove esistenti suggeriscono che non sarà così.

Articoli precedenti
Due dosi di CBD composto di cannabis riducono le convulsioni del 40% nei pazienti con forme gravi di epilessia
pagina successiva
Di seguito sono riportate le istruzioni: nei bagni canadesi si avvia il programma di attivazione

Contenuti correlati