1. Casa
  2. Articoli
  3. Con l'aumento delle overdose, la polizia di Toronto si è dotata di farmaci contro l'overdose, il naloxone

Con l'aumento delle overdose, la polizia di Toronto si è dotata di farmaci contro l'overdose, il naloxone

Mentre le overdose da oppioidi continuano ad aumentare a Toronto e in tutto il Canada, oltre un migliaio di agenti di polizia della città vengono dotati di naloxone, un farmaco contro l'overdose.

Secondo un comunicato pubblicato dal servizio di polizia di Toronto (TPS) il 5 luglio, Agenti di polizia 1,034 vengono dotati di naloxone sulla loro cintura di utilità. Gli ufficiali che riceveranno il farmaco includeranno quelli di gruppi specializzati (tra cui la Squadra Antidroga e la Task Force di Emergenza della città), così come tutti gli ufficiali di supervisione e i sergenti della città. Il numero di agenti a cui viene fornito naloxone sembra destinato ad aumentare in futuro, poiché il TPS descrive la fornitura di questa settimana come la "prima fase del dispiegamento".

Il naloxone è un farmaco salvavita, inclusa in quella dell'Organizzazione Mondiale della Sanità Elenco di farmaci essenziali, che funziona scaricando l'oppioide dai recettori cerebrali, invertendo qualsiasi depressione respiratoria indotta dal farmaco. È economico da produrre e non ha alcun potenziale per un uso improprio. Gli operatori sanitari di emergenza portano già il naloxone a Toronto.

Questo sviluppo è stato innescato da un aumento delle overdose da oppiacei a Toronto, secondo l'ispettore del TPS Paul MacIntyre.

"Un lancio graduale [del naloxone] aiuta ad alleviare le preoccupazioni del pubblico e dei funzionari in merito ai problemi di sicurezza degli oppioidi, in particolare nei quartieri che circondano i siti di consumo sorvegliati", ha spiegato MacIntyre. “Le nostre richieste di assistenza in materia di overdose sono aumentate, da inizio anno, da 903 nel 2017 a 1,024 quest'anno. È importante fornire ai nostri membri questo farmaco salvavita fino a quando non sarà disponibile l'assistenza medica".

Esistono almeno quattro siti di consumo vigilati (noti anche come stanze per il consumo di droga – DCR) operanti a Toronto. Queste strutture, insieme a un maggiore accesso al naloxone, fanno parte di un approccio di riduzione del danno sempre più diffuso nel tentativo del Canada di affrontare la crisi dell'overdose. Nessuno è mai morto per overdose in un DCR, poiché consentono alle persone di usare droghe in presenza di professionisti medici qualificati.

I DCR di Toronto sono stati deliberatamente collocati in quartieri dove “il consumo di droga sta già avendo un impatto sulla comunità”, il ha detto il governo locale. Pertanto, fornendo naloxone agli agenti di polizia che lavorano nelle vicinanze dei DCR, i TPS migliorano ulteriormente i potenziali esiti di salute per le persone a rischio di overdose da oppioidi.

I dati del dipartimento della salute della provincia dell'Ontario, di cui Toronto è la capitale, mostrano a recente notevole aumento nei decessi correlati agli oppioidi. Nell'area di Toronto Central, il tasso di decessi correlati agli oppioidi era di 76 per milione di persone nel luglio 2017, un aumento del 90% rispetto al tasso di cinque anni prima.

A livello nazionale, c'erano circa 4,000 decessi correlati agli oppioidi in Canada nel 2017, un aumento rispetto ai circa 3,000 del 2016. Si stima che il 72% dei decessi dello scorso anno sia stato attribuito al fentanil, un oppioide molto potente.

Articoli precedenti
Il commercio di eroina sta diventando "Uberizzato" in Mozambico
pagina successiva
La politica sulle droghe del Regno Unito sta alimentando un'epidemia di HIV in Scozia

Contenuti correlati