1. Casa
  2. Articoli
  3. Considerare l'uso illegale di droghe come un problema di salute, afferma la revisione del governo del Regno Unito: ecco perché

Considerare l'uso illegale di droghe come un problema di salute, afferma la revisione del governo del Regno Unito: ecco perché

La portata del traffico illecito di stupefacenti nel Regno Unito è immensa. Lo scorso anno il prima parte di una revisione indipendente del commercio di droga ha rilevato che il mercato nel Regno Unito è stato stimato in un valore di 9.4 miliardi di sterline all'anno - con i danni sanitari, sociali e penali causati da questo settore che costano alla società circa 19 miliardi di sterline all'anno.

La revisione è stata condotta da Dama Carol Black, medico e ricercatore, ex direttore nazionale per la salute e il lavoro del governo. Il suo primo rapporto ha rivelato che circa 3 milioni di persone hanno fatto uso di droghe illecite in Inghilterra e Galles nel 2020. Questi numeri sono sbalorditivi, soprattutto se si considera che i decessi correlati alla droga sono saliti a registrare i numeri in Inghilterra e Galles negli ultimi otto anni.

Il seconda parte della rassegna, che è stato appena pubblicato, formula una serie di raccomandazioni su come il governo può affrontare al meglio i problemi di droga nel Regno Unito. Black formula un totale di 32 raccomandazioni, che coprono tutti gli aspetti della politica sulle droghe, dalla prevenzione dei problemi di droga fino alla valutazione dell'efficacia dei trattamenti.

Alcune delle principali raccomandazioni includono:

  • Creazione di una "unità antidroga" che metta la leadership e la responsabilità per la politica, la prevenzione e il trattamento delle droghe in un unico dipartimento del governo centrale.
  • Fornire finanziamenti per "mentori tra pari" nei centri per l'impiego per incoraggiare l'accesso dei tossicodipendenti al sostegno all'occupazione.
  • Creazione di un fondo per ricercare quali misure funzionano meglio per cambiare il comportamento dei consumatori di droghe ricreative.
  • Fornire denaro alle autorità locali per i servizi antidroga per garantire che le risorse siano fornite a coloro che ne hanno bisogno.

Data la portata del traffico di droga nel Regno Unito e il numero di persone che usano droghe illecite, è ovvio investimenti e riforme necessario che abbia luogo. Ma per garantire che questi cambiamenti avvengano, una delle più grandi raccomandazioni che Black fa è che dobbiamo smetterla di continuare a inquadrare il consumo problematico di droghe come un Attività criminale.

Al contrario, il consumo problematico di stupefacenti deve essere affrontato allo stesso modo di altri problemi di salute cronici, come il diabete o il cancro. Trattare la tossicodipendenza come altri problemi di salute significherebbe fornire ai pazienti l'aiuto di operatori sanitari qualificati - come infermieri, assistenti sociali e psichiatri - piuttosto che operatori e volontari che sono a volte non addestrato.

Ma il trattamento per problemi di droga non è stato un priorità per anni per il governo del Regno Unito, con spese e budget per servizi e cure ridotti drasticamente. Questo non è stato aiutato dal fatto che molti considerano ancora la tossicodipendenza come un scelta personale. Ma questo non è necessariamente vero, poiché molte esperienze diverse - come traumi – può portare una persona a sviluppare problemi con la droga. Questo ci mostra che, in molti casi, i problemi di droga si intrecciano con problemi di salute e di salute mentale.

 

Lo stigma spesso impedisce alle persone di cercare le cure di cui hanno bisogno. Fonte: Nigel Brundson

 

La ricerca mostra che lo stigma derivante dall'inquadrare l'uso di droghe come un problema criminale, piuttosto che un problema di salute, può scoraggiare le persone in cerca di cure. In alcuni casi, questo ritardo può essere fatale, in quanto il trattamento è un modo efficace per ridurre i decessi correlati alla droga. Il trattamento tempestivo può anche ridurre il diffusione dei contagi come l'HIV e l'epatite fornendo aghi e siringhe sterili a coloro che si iniettano droghe.

Significa anche considerare l'uso di droghe come una questione criminale meno finanziamenti investe nella ricerca sulla visualizzazione di trattamenti efficaci per questi problemi. Tradizionalmente, gli investimenti sono stati destinati alla ricerca per indagare sul legame tra droga e criminalità. Investire nella ricerca che esplori gli aspetti sanitari del consumo problematico di stupefacenti potrebbe portare a risultati positivi, come la ricerca di interventi mirati in grado di ridurre al minimo i danni.

Inquadrare l'uso di droghe come una questione criminale ha visto anche finanziamenti destinati a trattamenti che cercano principalmente di ridurre l'attività criminale associata tossicodipendenza. In quanto tali, molti servizi terapeutici sono diventati involontariamente "oppiate-centric", come loro principalmente fornire supporto per chi ha problemi dovuti all'eroina, che sono associati alla criminalità. Anche questo è stato guidato da una politica e da un focus sulle risorse che cerca di ridurre la criminalità ma non riflette la gamma di problemi di droga che le persone presentano.

Ma con l'uso di altri farmaci in aumento, incluso cocaina ed canapa – un numero crescente di persone si presenta ai servizi con problemi diversi dall'eroina. Investendo quasi esclusivamente nel fornire supporto e trattamento a coloro che hanno problemi con gli oppiacei, le persone che hanno problemi con altre droghe potrebbero non ricevere il tipo di aiuto di cui hanno bisogno. È urgente investire nella ricerca per sviluppare trattamenti basati sull'evidenza per tutti i problemi legati alla droga.

Forse la necessità più urgente di trasferire la politica sulle droghe ai servizi sanitari è il numero di registrazione dei decessi per droga. Migliorare l'accesso e la qualità delle cure non solo aiuta a mantenere più persone in trattamento, ma riduce anche il rischio di ricadute, riducendo in definitiva i decessi correlati alla droga. Ma finora, i politici lo hanno fatto ignorato questo consiglio sulla riduzione delle morti evitabili. Fornire servizi alle persone al di fuori del trattamento – come l'accesso all'alloggio e all'occupazione – può anche aiutare le persone a spezzare il circolo vizioso del consumo problematico di stupefacenti.

Suo non a caso che da quando dieci anni fa sono stati imposti tagli ai servizi terapeutici, i decessi correlati alla droga hanno iniziato ad aumentare e raggiungere un nuovo record. Se l'atteggiamento nei confronti dei problemi di droga viene cambiato e vengono investiti maggiori investimenti nello sviluppo di trattamenti più efficaci a cui le persone in difficoltà possono accedere, più persone potrebbero essere in grado di riprendersi con successo.The Conversation

Questo articolo è ripubblicato da The Conversation sotto una licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale. 

Ian Hamilton, professore associato di dipendenza, Università di York

Articoli precedenti
Gli scambi di siringhe negli Stati Uniti sono ancora sotto attacco (parte 2)
pagina successiva
Pragmatica della droga – Chi decide: la polizia o il medico?

Contenuti correlati