1. Casa
  2. Articoli
  3. Trinidad e Tobago per depenalizzare la cannabis, prendere in considerazione la legalizzazione

Trinidad e Tobago per depenalizzare la cannabis, prendere in considerazione la legalizzazione

Mentre la riforma della cannabis investe i Caraibi, Trinidad e Tobago ha annunciato che terrà consultazioni pubbliche sulla questione, prima di depenalizzare la droga per uso personale nel giugno 2019.

Alla fine di dicembre, il primo ministro Keith Rowley ha annunciato che la cannabis sarebbe stata depenalizzata in tutta la nazione caraibica entro la metà del 2019, ma che il governo non aveva intenzione di legalizzare la droga.

“Prevediamo che da maggio a giugno del 2019 la depenalizzazione sarebbe stata effettuata”, ha ha detto ai giornalisti. “C'è una grande differenza tra la depenalizzazione e la legalizzazione della marijuana. Ci siamo impegnati per la depenalizzazione. Quello su cui stiamo lavorando ora è il metodo con cui e cosa rappresenta in termini di fruizione”.

Tuttavia, una recente dichiarazione del procuratore generale ha lasciato intendere che la legalizzazione potrebbe effettivamente essere in vista, poiché le autorità si consultano con le parti interessate pubbliche per configurare la forma più appropriata di riforma della cannabis.

L'11 gennaio, il procuratore generale Faris Al-Rawi ha dichiarato che il suo ufficio ospiterà una serie di prossime consultazioni con professionisti, professionisti medici e studenti per accertare come porre fine alla proibizione della cannabis nel paese. Parlando con pubblicazione regionale Newsday, Ha detto:

"Sebbene possano esserci vantaggi per l'uso [di cannabis] dal punto di vista medicinale e sebbene vi sia un certo grado di sostegno alla legalizzazione, riteniamo che dovremmo ascoltare dalle consultazioni delle parti interessate, quali sono i pro e i contro del feedback delle parti interessate della società e quindi muoviamoci in una decisione informata.

Le discussioni nazionali sulla riforma della cannabis nei Caraibi sono state rinvigorite nell'agosto 2018, dopo la pubblicazione di un rapporto dell'influente Comunità caraibica (CARICOM), un'organizzazione regionale di quindici stati e dipendenze. Il rapporto ha chiesto la fine al "divieto e sanzioni penali draconiane" per il possesso di cannabis e ha consigliato ai paesi di prendere in considerazione sia la depenalizzazione che la legalizzazione.

Trinidad e Tobago

A Trinidad e Tobago, la legalizzazione definitiva è stata approvata da diversi gruppi, tra cui All Mansion of Rastafari (AMOR), che insistono sul fatto che la depenalizzazione è insufficiente per affrontare i danni del proibizionismo. Jesse Daniel, avvocato e membro di AMOR, detto in conferenza stampa a gennaio quella piena legalizzazione - compresa un'industria regolamentata della cannabis e una coltivazione personale legalizzata - ridurrebbe la violenza delle bande e la pressione sul sistema giudiziario, migliorando anche l'economia agricola del paese.

Daniel ha anche denunciato lo stato per aver continuato a criminalizzare le persone per possesso di cannabis durante l'attuale periodo provvisorio.

“Quello che […] sta accadendo [su] base quotidiana [è che] la polizia continua ad arrestare molti giovani per piccole quantità di [cannabis]. È come se stessero cercando di dire 'prima che la legge venga cambiata, stendiamo una rete quanto più ampia possibile in modo da poter vedere [quanto] possiamo incassare'”, ha detto.

Trinidad e Tobago segue numerosi altri paesi caraibici nell'attuazione o nella pianificazione della riforma progressiva della cannabis negli ultimi anni.

Antigua e Barbuda hanno depenalizzato la droga nel 2018 e intendono farlo regolare la produzione nei prossimi mesi. Prima dell'approvazione del disegno di legge sulla depenalizzazione in quel paese, il primo ministro ha ordinato alla polizia di farlo porre fine a tutti i procedimenti giudiziari per uso personale di cannabis, rilevando la natura discriminatoria della legge nei confronti della comunità rastafariana in particolare.

La Giamaica ha depenalizzato il possesso personale e la coltivazione della cannabis nel 2015, St Vincent e Grenadine lo hanno piani annunciati per creare un'industria legale della cannabis medica e il Primo Ministro della Dominica ha chiamato per la depenalizzazione del possesso personale.

Le consultazioni pubbliche a Trinidad e Tobago si svolgeranno tra gennaio e febbraio e saranno seguite da una decisione più concreta del governo sul tipo di riforma da attuare.

Articoli precedenti
Il commercio di metanfetamine ora domina il più grande stato del Myanmar
pagina successiva
Singapore crea nuovi reati di droga con condanne lunghe

Contenuti correlati