1. Casa
  2. Articoli
  3. Come il raccolto di coca potrebbe rafforzare la Colombia

Come il raccolto di coca potrebbe rafforzare la Colombia

Mentre la Colombia passa alla pace, i coltivatori e le piantagioni di coca potrebbero svolgere un ruolo determinante nella progressione del paese verso la sostenibilità e l'inclusività. Un nuovo rapporto pubblicato da Open Society Foundations, Industrializzazione della coca: un percorso verso l'innovazione, lo sviluppo e la pace in Colombia, esplora il potenziale offerto dalla pianta di coca.

Per migliaia di anni, la pianta di coca (Erythroxylum spp) è stato considerato un raccolto sacro nella regione andina. È stato usato dagli indigeni come alimento nutrizionale, come medicina e persino come valuta. Al contrario, l'uso del derivato più famoso della coca, la cocaina, è un fenomeno relativamente nuovo che si discosta ampiamente dall'uso tradizionale della pianta.

La crociata internazionale contro la cannabis, l'oppio e la coca, a partire dagli anni '20th Secolo, ha avuto un impatto importante sull'approccio della Colombia alla pianta e ai suoi derivati. Nel 1961, le Nazioni Unite promulgarono la Convenzione unica sugli stupefacenti, che richiedeva agli stati di "imporre lo sradicamento di tutti i cespugli di coca che crescono spontaneamente [...], distruggere i cespugli di coca se coltivati ​​illegalmente". Il documento afferma inoltre che “la masticazione delle foglie di coca deve essere abolita entro venticinque anni”.

La ratifica di questa convenzione è stata seguita dal sistematico incendio dei raccolti e dall'irrorazione aerea delle piantagioni di coca, che ha causato innumerevoli problemi agli agricoltori e alle comunità locali. Quest'ultima pratica essendo particolarmente pericoloso, in quanto dissipa le sostanze chimiche nel suolo e nelle riserve idriche, avvelenando cibo, acqua e animali.

Negli anni '1990 e all'inizio degli anni 2000, la costituzione colombiana e diverse sentenze dei tribunali hanno riconosciuto che le popolazioni indigene hanno diritto a un ambiente sano e sostenibile e alla partecipazione alle decisioni che riguardano il loro benessere quotidiano. Con questo riconoscimento in mano, diverse comunità hanno riacquistato fiducia nel praticare le tradizioni della coltivazione della coca. Tuttavia, l'autorità nazionale per l'alimentazione e i medicinali INVIMA, sfidando molteplici sentenze di tribunali e statali, rifiuta di rilasciare certificazioni per i prodotti a base di coca e mette in guardia contro il loro uso. Ciò impedisce agli agricoltori locali di mettere i loro prodotti a disposizione di supermercati e farmacie.

Altri paesi latinoamericani produttori di coca, tra cui Perù e Bolivia, hanno riconosciuto l'importanza di rimodellare i loro approcci alla pianta di coca e di facilitare la produzione di prodotti a base di coca da parte di imprese legittime. La National Coca Company of Peru e il Coca Leaf Vice Ministry of Bolivia sono due esempi di progetti di industrializzazione della coca che forniscono mezzi di sussistenza sostenibili e redditizi per i coltivatori di coca, producendo complessivamente oltre 150 prodotti.

Mentre la Colombia si sforza di mantenere la stabilità su un fragile accordo di pace, la regolamentazione del commercio di coca potrebbe offrire profondi benefici al paese. Spostando la coltivazione della coca verso prodotti legittimi, redditizi e competitivi, i coltivatori di coca potrebbero acquisire forza economica e riaffermare la propria identità e il rapporto con le autorità locali. Con la crescente volontà politica di riconoscere le proprietà tradizionali e benefiche della pianta di coca, l'industrializzazione della coltura potrebbe essere un approccio sostenibile per migliorare l'integrazione economica e la crescita. Inoltre, combatterebbe la stigmatizzazione della pianta di coca e la riaffermerebbe come uno dei beni più preziosi della Colombia.

Mentre la Colombia continua a sperimentare cambiamenti sociali e politici, un'ulteriore legittimazione della pianta di coca contribuirebbe a migliorare l'inclusività e la sostenibilità per tutti, in particolare per le comunità indigene.

Leggi il nuovo rapporto di Open Society Foundations: Industrializzazione della coca: un percorso verso l'innovazione, lo sviluppo e la pace in Colombia

 

*Karen Mamo ha un master in Risoluzione dei Conflitti e Sicurezza nel Mediterraneo e un vivo interesse per la riforma della politica sulle droghe.

Articoli precedenti
Il primo dispensario africano di cannabis terapeutica apre in Sudafrica
pagina successiva
Un altro "Bad Batch"?

Contenuti correlati