1. Casa
  2. Articoli
  3. Linee guida per la nuova politica sulle droghe della Colombia sotto Petro

Linee guida per la nuova politica sulle droghe della Colombia sotto Petro

Nel tentativo di guidare la futura politica sulle droghe colombiana, diversi ricercatori del Centro de Estudios y Seguridad y Drogas (CESSATO) dell'Università delle Ande si sono riuniti per identificare gli obiettivi chiave che il governo nazionale dovrebbe perseguire in futuro.

 

La Colombia è il più grande produttore di cocaina al mondo. Uno stimato Il 68.8% della cocaina mondiale viene prodotta in questo paese. Nel 2018 è stato stimato che Il mercato della cocaina in Colombia rappresentava l'1.8% del prodotto interno lordo (PIL); il doppio del prodotto del mercato del caffè.

Con l'economia della cocaina rimasta illegale, le sue attività sono state legate alla violenza urbana generata dai cartelli della droga negli anni '1980, al microtraffico negli ultimi decenni e ai conflitti armati come fonte di reddito per questi gruppi. Numerosi studi hanno dimostrato che esiste a spaziale correlazione tra la presenza di coltivazioni di coca, laboratori di lavorazione della cocaina e la presenza di gruppi armati. Sebbene i raccolti di coca non spieghino completamente il violenza nei comuni, sia la loro presenza che strategie di controllo dal lato dell'offerta sono associati con controversie territoriali  a causa dei redditi derivanti da questa economia illecita.

Nonostante gli sforzi economici e istituzionali, come la politica annuale sulle droghe spesa di 1 trilione di pesos colombiani, i risultati del tradizionale approccio proibizionista sono limitati. Anche se non è la misura corretta per valutare l'evoluzione della produzione di cocaina, lo stesso numero di ettari di coltivazioni di coca rilevati in 2020 erano gli stessi del 2000. Ci sono stati pochi progressi nel controllo di questo mercato.

La produzione potenziale di cocaina è aumentata dal 2013, passando da circa 300 tonnellate a circa 1,200 tonnellate nel 2020, nonostante l'intensificazione delle operazioni di contrasto. Le imprese criminali sono diventate più produttive nella produzione di cocaina: anche quando la coltivazione di coca è diminuita del 7% nel 2020, il potenziale della produzione di cocaina è aumentato da 8%.

Programmi di sviluppo alternativi basati sulla sostituzione volontaria sono stati implementati dal 1996. L'accordo di pace includeva la progettazione del programma nazionale globale per la sostituzione delle colture ad uso illecito (PNIS in spagnolo): 99,000 famiglie sono state iscritte al PNIS, che ha incoraggiato le persone a sradicare la coltivazione della coca in cambio di sicurezza alimentare immediata, assistenza tecnica, orti coltivati ​​​​in casa e passaggio a progetti produttivi. Il programma prevedeva che i progetti produttivi sarebbero stati consegnati nove mesi dopo la verifica delle eradicazioni. Cinque anni dopo l'inizio del programma, il 9% delle famiglie iscritte ha ricevuto questo beneficio.

In termini di consumo di droga in Colombia, gli ultimi dati nazionali disponibili sono stati calcolati l'ultima volta nel 2013. Tra il 2008 e il 2013, la prevalenza una tantum del consumo di qualsiasi sostanza è aumentata dall'8.8% al 12.2%. Ha riferito che l'87% dei consumatori dell'anno scorso ha consumato cannabis. Le sostanze con la più alta frequenza di consumo, dopo la marijuana, sono la cocaina, bazuco ["cocaina crack"] ed ecstasy. Nello specifico, a Bogotà, c'è informazioni disponibili per il 2013, 2015 e 2017. È stato osservato che la prevalenza una tantum del consumo di marijuana e cocaina è aumentata tra il 2013 e il 2017: il consumo di marijuana è aumentato dal 31.3% nel 2013 al 51.8% nel 2017; per la cocaina l'aumento è passato dal 7.4% al 16.7%.

In quanto nazione produttrice, la Colombia ha affrontato per decenni il peso dei costi di un mercato illegale, avvertiti soprattutto dai gruppi di popolazione più vulnerabili, come i contadini, le donne, le minoranze etniche e i leader delle comunità. Nel frattempo, il consumo globale di cocaina continua ad aumentare, attualmente stimato a 20 milioni di consumatori. Questi indicatori riflettono il fallimento dell'approccio proibizionista, sia a livello globale che all'interno della Colombia, che non ha portato a una riduzione né del consumo né della produzione.

Sulla base della nostra ricerca e dello stato attuale della politica sulle droghe, presentiamo dieci idee basate su prove esistenti, che riteniamo debbano essere incluse nella politica sulle droghe del governo colombiano.

 

  1. Una discussione globale sulla regolamentazione della cocaina

Il governo colombiano dovrebbe guidare la discussione globale sulla necessità di una regolamentazione della cocaina. In 2016, il governo colombiano ha inserito questa discussione nell'agenda globale e gli sforzi dovrebbero continuare in quella direzione. Le esperienze del Portogallo sono lezioni apprese che aiutano ad affrontare il consumo di sostanze. Nel 2001, loro consumo depenalizzato da un approccio di salute pubblica creando centri di cure mediche e fornendo supporto ai consumatori per affrontare la crisi dei consumi che hanno dovuto affrontare alla fine del secolo scorso, con conseguente diminuzione a breve termine del consumo problematico di stupefacenti.

  1. Un efficace controllo dell'offerta

Il fulcro di una politica sulle droghe non può trovarsi sugli anelli più deboli della catena di produzione della cocaina. La riduzione degli ettari coltivati ​​non dovrebbe essere al centro della politica antidroga e l'irrorazione aerea non dovrebbe essere ripresa dato il suo inefficacia e potenziale Salute ed rischi ambientali. Nell'attuale contesto di divieto di produzione e di traffico di sostanze psicoattive, le azioni dovrebbero concentrarsi principalmente sullo smantellamento delle organizzazioni criminali. Pertanto, i sistemi informativi e di monitoraggio finanziario devono essere rafforzati al fine di aumentare i sequestri delle risorse del traffico di droga. Allo stesso modo, è necessario attaccare gli anelli della catena di produzione della cocaina che generano il più alto valore aggiunto al prodotto finale, come tratta, attraverso sequestri e distruzioni di laboratori.

  1. Interventi completi e pianificati

Pur essendo più efficaci e meno costosi, i programmi di sviluppo alternativo non dovrebbero limitarsi alla sostituzione delle piantagioni di coca con altre colture. Il successo di questi interventi è determinato dalla loro sostenibilità nel tempo, che richiede una visione di lungo periodo per risolvere i problemi strutturali. Pertanto, la progettazione di questi programmi dovrebbe essere completa: includendo la proprietà terriera e una migliore fornitura di servizi pubblici come la costruzione di strade terziarie e il rafforzamento della sicurezza della comunità.

Inoltre, i programmi di sviluppo alternativi devono avere chiari meccanismi di partecipazione della comunità che dovrebbero essere mantenuti durante l'attuazione dell'intervento. Questi programmi dovrebbero essere concepiti in termini ambientali ed etnici, tenendo conto delle caratteristiche dei territori. Le barriere poste dall'attuale programma di sostituzione ei conflitti tra le comunità che ha generato possono essere evitati in futuri interventi applicando un disegno rigoroso che affronti le controversie territoriali preesistenti.

  1. La politica sulla droga deve proteggere le comunità

Produzione di cocaina e suo traffico è associato con livelli di violenza più elevati. Inoltre, gli interventi per controllarne la produzione hanno ulteriormente accresciuto la violenza. È stato mostrato che la fumigazione ha intensificato gli attacchi dei gruppi ribelli e che l'attuale programma di sostituzione è aumentato gli omicidi di leader sociali. Come accennato in precedenza, una politica sulle droghe con un approccio globale dovrebbe essere orientata alla fornitura di beni pubblici, compresa la sicurezza delle comunità. Lo sviluppo di politiche sulle droghe insieme ai meccanismi di sicurezza delle forze armate lo sono fondamentale per garantire la sicurezza della comunità, in particolare quando vengono implementati programmi di sviluppo alternativi.

  1. Regolamentazione dell'uso per adulti e ricreativo della cannabis

Nella regione latinoamericana, solo l'Uruguay e il Messico hanno regolamentato il mercato della cannabis per uso ricreativo. Argentina, Cile, Colombia e Paraguay ne hanno regolamentato l'uso medico. In Colombia è stato depenalizzato il possesso della dose minima, ma non la sua commercializzazione. L'argomento più importante qui è che la regolamentazione della cannabis impedisce il consumo precoce e ne controlla l'accesso. Inoltre, la criminalizzazione del consumo di questa sostanza alloca in modo errato le risorse delle forze dell'ordine da altre attività criminali, come omicidi e furti. Ad esempio, l'Osservatorio colombiano sulla droga ha mostrato che un arresto su tre per detenzione di sostanze corrisponde a quantità inferiori ai 25 grammi. Pertanto, gli sforzi della Polizia e del Potere Giudiziario sono sovraccaricati da attività che non incidono sulla criminalità. C'è prova di una riduzione dei tassi di criminalità quando il possesso di cannabis viene depenalizzato. Per quanto riguarda la produzione, è necessario progettare modelli di benefici condivisi e proteggere i coltivatori di cannabis in modo che possano ricevere i benefici economici derivanti dalla regolamentazione dell'uso ricreativo e medico.

  1. Prigioni sovraffollate

La maggior parte delle persone arrestate per reati associati a droghe illecite sono per reati minori e piccole quantità di sostanze. Il costo della cattura di persone per possesso, traffico e produzione di droghe illecite è stato stimato in circa 11 miliardi pesos negli anni 15, dove una persona su tre è stata detenuta per possesso di meno di 25 grammi di sostanze illecite.

A ciò si aggiunge la popolazione carceraria femminile aumentato notevolmente negli ultimi anni, soprattutto a causa di reati legati alle droghe illecite. Dal 1991 il carcere femminile la popolazione si è moltiplicata per 5.5, di cui una donna privata della libertà su due è detenuta per reati legati a sostanze illecite. Il 52% della popolazione detenuta femminile è madre capofamiglia, il che aggrava i problemi sociali dovuti al loro arresto. Devono essere attuate misure diverse dall'incarcerazione, in linea con le attuali disposizioni penali, per reati minori legati alle droghe illecite, nel rispetto dei diritti umani e della proporzionalità.

  1. Sanità pubblica per l'uso problematico di droghe

L'uso problematico di sostanze psicoattive dovrebbe essere affrontato dal punto di vista della salute pubblica, ponendo l'accento sulla prevenzione del consumo da parte dei minorenni, anziché sulla criminalizzazione dei consumatori. In Colombia, i programmi ambulatoriali devono essere implementati da un approccio di riduzione del danno, così come i programmi di prevenzione a scuola. I calcoli del CESED basati su studi precedenti mostrano che la spesa media annua per i programmi di riduzione della domanda è pari allo 0.02% del PIL, mentre lo 0.09% del PIL viene speso ogni anno per arrestare persone per possesso, traffico e fabbricazione. Le risorse devono essere riorientate per rafforzare gli investimenti nella sanità pubblica, compresi i programmi per la riduzione del danno e la prevenzione del consumo di droghe da parte dei minorenni.

  1. Ricerca scientifica sulla foglia di coca

In Colombia, la foglia di coca è stata tradizionalmente utilizzata dalle comunità indigene. Noi deve riconoscere gli usi tradizionali di queste comunità indigene e promuovere questa conoscenza. Inoltre, è necessario creare modelli di condivisione dei benefici, come si fa con la cannabis, includendo comunità etniche e contadine che possano beneficiare e partecipare all'intera catena di produzione dei prodotti leciti derivati ​​dalla foglia di coca. A tal fine, è fondamentale attuare azioni che rafforzino le capacità locali, non solo nella coltivazione, ma anche nel potenziamento delle imprese sociali e nella promozione della ricerca interculturale.

La foglia di coca ha componenti inesplorate che non sono state studiate a causa degli ostacoli posti dalle normative internazionali e nazionali. Questi componenti possono avere benefici nutrizionali e medicinali che sono rimasti poco esplorati. IL processi per ottenere licenze per far progredire la ricerca sui componenti della foglia di coca e per promuovere alleanze tra le comunità produttrici, il mondo accademico e le associazioni industriali dovrebbero essere promosse al fine di aumentare la conoscenza dei suoi potenziali benefici.

  1. Micro-Traffico

La regolamentazione della produzione e dell'uso di sostanze non è sufficiente per porre fine alla criminalità e alla violenza. La lotta al fenomeno della microtratta richiede misure efficaci. Uno degli effetti più nefasti della microtratta è il controllo territoriale di bande criminali su strade, parchi o interi quartieri, portando al degrado degli ambienti urbani.

Una strategia globale per combattere questo problema dovrebbe includere programmi di prevenzione della comunità, un rapporto più stretto tra le autorità e le comunità e uno sforzo di controllo territoriale da parte delle autorità competenti.

  1. Valutazione coerente della politica in materia di droga

Tutte le politiche pubbliche dovrebbero essere valutate e la politica sulle droghe non fa eccezione. Ad esempio, non si conosce l'impatto dei programmi di sostituzione delle colture in corso, né sulle colture di coca né sulle condizioni socioeconomiche delle famiglie beneficiarie. Tuttavia, le risorse impegnate per finanziare i sussidi delle famiglie che hanno aderito al programma all'inizio sono pari allo 0.4% del PIL della Colombia. Valutare l'efficacia della spesa su diversi programmi e interventi è fondamentale per massimizzare i ritorni sociali.

Gli interventi sperimentali potrebbero contribuire in modo significativo alla progettazione delle politiche sulle droghe. Pertanto, come in altri programmi, è necessario condurre progetti pilota prima di espandere gli interventi per comprendere i potenziali risultati e l'efficacia dei loro progetti. È possibile condurre progetti pilota, come è stato fatto attraverso i trasferimenti di denaro condizionati, allo scopo di conoscere i risultati e di adeguare quegli elementi di politica che possono essere corretti.


Siamo consapevoli dei limiti e delle barriere che la regolamentazione globale della cocaina deve affrontare a breve termine. Ciononostante, nell'attuale contesto internazionale, c'è una finestra di opportunità sempre più ampia, dato che è in corso la discussione per approcci non proibizionisti alla droga. In Portogallo, il consumo di tutte le sostanze è stato depenalizzato; in alcuni stati degli Stati Uniti sono stati compiuti progressi nella regolamentazione dell'uso e della produzione di cannabis, con l'Oregon che ha persino depenalizzato il consumo di più droghe. In Uruguay, un modello di cannabis ricreativa guidata dallo stato è andato avanti. In questo contesto internazionale, uno degli obiettivi della politica estera del governo colombiano dovrebbe essere quello di guidare le discussioni globali sulla regolamentazione della cocaina, dando priorità agli interessi delle popolazioni più vulnerabili colpite dal proibizionismo e dalla guerra alla droga.

Durante questo processo, è necessario attuare una politica di transizione all'interno delle linee guida qui discusse. In primo luogo, dobbiamo implementare un approccio di salute pubblica per prenderci cura delle persone che hanno un rapporto problematico con sostanze psicoattive attraverso la riduzione del danno. In secondo luogo, dobbiamo privilegiare le condizioni socioeconomiche delle famiglie con interventi di sostituzione delle colture illecite. Infine, dobbiamo garantire la sicurezza territoriale, non attraverso la militarizzazione dei territori, ma piuttosto attraverso l'attuazione di meccanismi di protezione della comunità, concentrandosi principalmente sulla protezione dei leader sociali. Questi dovrebbero essere i principi guida per i prossimi passi del governo.

Articoli precedenti
Le esecuzioni per droga in Iran sono tornate a salire
pagina successiva
Gli attivisti brasiliani consegnano il manifesto per porre fine alla guerra alla droga al principale candidato alla presidenza

Contenuti correlati