1. Casa
  2. Articoli
  3. Gli effetti del COVID-19 sul mercato ungherese della droga

Gli effetti del COVID-19 sul mercato ungherese della droga

Il mercato ungherese della droga è stato colpito dalla crisi del COVID-19, ma è ben lungi dall'essere interrotto: questo articolo è un riassunto in inglese di un sondaggio online condotto da Reporter di droga tra i suoi lettori ungheresi. 

È stato condiviso un breve sondaggio online sulla lingua ungherese Pagina Facebook di Drugreporter e blog, per coloro che avevano acquistato sostanze illegali sotto le attuali restrizioni. A fine aprile sono arrivate quasi 600 risposte valide. L'indagine mirava a raccogliere dati sull'effetto delle restrizioni Covid-19 sul mercato nazionale delle droghe illecite.

L'indagine chiedeva come fossero cambiati, se non del tutto, il prezzo dei farmaci, la loro quantità e qualità e la loro disponibilità. Gli autori erano anche curiosi di scoprire se ci fossero stati cambiamenti importanti nel mercato - se c'era stato un aumento o una diminuzione del ruolo degli acquisti sul dark web, così come come fosse cambiato il comportamento degli utenti e fino a che punto fossero in grado di per ricevere aiuto, se necessario.

La maggior parte degli intervistati era giovane (50% 25-29 anni e 30% 18-24 anni). Il 73% erano maschi, il 27% femmine. Il 50% sono lavoratori a tempo pieno, il 14% imprenditori e il 16% studenti. La percentuale di intervistati disoccupati era del 9% e il 4% era in congedo non retribuito. La maggior parte (53%) vive a Budapest o nell'area metropolitana di Budapest, il 16% nei capoluoghi di contea, il 19% in altre città, mentre l'11% vive nei villaggi.

Per quanto riguarda i prezzi, sembra che non ci sia stato un aumento significativo. Un aumento dei prezzi delle droghe è stato segnalato solo dal 33% degli acquirenti di cannabis, dal 29% degli acquirenti di hashish, dal 18% degli acquirenti di pillole di ecstasy, dal 30% degli acquirenti di MDMA di cristallo, dal 21% degli acquirenti di LSD, dal 31% degli acquirenti di cocaina e dal 26% degli acquirenti di anfetamine. La percentuale maggiore di aumento dei prezzi è stata segnalata dagli acquirenti di nuovi stimolanti sintetici (42%). Nel frattempo, sembra che le restrizioni abbiano influenzato il mercato dei cannabinoidi sintetici in misura minore: solo il 5% degli acquirenti ha riportato aumenti di prezzo.

 

 

Un'altra domanda riguardava le situazioni in cui, ad esempio, un commerciante vende qualcosa per un grammo, ma in realtà è molto meno. Solo nel caso di cocaina (il 35% degli acquirenti segnala tali casi), dell'eroina (50% degli acquirenti) e di altre droghe da festa (50%) sembrano esserci forti riduzioni di quantità. Le ultime due sostanze devono essere assunte con cautela a causa del basso numero di intervistati.

Per quanto riguarda la qualità dei farmaci, il 44% degli acquirenti di stimolanti sintetici ha segnalato una qualità inferiore dei farmaci. Nel caso della cannabis e dell'hashish, rispettivamente il 67% e l'82% degli acquirenti hanno riportato una qualità invariata.

Nel frattempo, ci sono cambiamenti drastici nell'area della disponibilità di farmaci. Il 58% dei consumatori di cannabis e il 56% dei consumatori di hashish si sono lamentati del fatto che è più difficile acquistare queste droghe rispetto a prima della crisi. Per i consumatori di anfetamine quel numero è del 41%, cocaina - 31%, MDMA di cristallo - 40%, pillole di ecstasy - 31%. Ciò è indicato anche dal fatto che il 24% degli intervistati ha acquistato sostanze da fonti diverse rispetto a quelle che utilizzava prima delle restrizioni. Queste nuove fonti, tuttavia, non includono i mercati del dark web: solo l'1.6% degli intervistati ha riferito di aver acquistato sul dark web e tutti hanno già utilizzato questa fonte prima della crisi.

Gli autori del sondaggio erano preoccupati che le persone che, a causa delle restrizioni del Covid-19, non hanno accesso alla loro droga preferita, inizieranno a usare altre sostanze. L'indagine, quindi, chiedeva anche se i farmaci acquistati durante le restrizioni fossero quelli desiderati inizialmente, o fossero invece sostituti/sostitutivi. Il 96% degli intervistati ha acquistato ciò che desiderava in origine, mentre il 4% ha invece acquistato qualcos'altro. Sfortunatamente, in questo gruppo c'erano anche intervistati che potevano acquistare solo cannabinoidi sintetici invece della cannabis, o nuovi stimolanti sintetici invece dell'MDMA. C'era anche un intervistato che ha comprato stimolanti invece di cannabis.

 

 

Il sondaggio ha anche chiesto se la sostanza acquistata contenesse effettivamente il farmaco con cui era stata acquistata. Il 93% degli intervistati ha risposto "sì", il che suggerisce che non ci sono truffe massicce.

Un'altra area di interesse è stata la misura in cui i rivenditori rispettano la distanza fisica e le regole precauzionali. Il 38% degli acquirenti ha riferito che il proprio rivenditore stava mantenendo la distanza corretta e secondo il 20% indossa anche guanti e mascherine. Sfortunatamente, solo il 20% degli intervistati concorda sulla necessità di disinfettare la confezione del farmaco dopo il ritorno a casa. Il 18% degli intervistati ritiene che fosse più difficile trovare i soldi per la droga rispetto a prima della crisi.

Molte persone erano preoccupate che durante il blocco molte più persone avrebbero fatto uso di droghe. Solo il 29% degli intervistati ha trovato caratteristico o del tutto caratteristico per sé che “hanno difficoltà a sopportare la quarantena, quindi usano sostanze più spesso”. Sembra inoltre che solo una piccola parte degli attuali consumatori pensi che la quarantena sia una buona occasione per rinunciare ai farmaci: il 16% degli intervistati ha risposto che proverà a rinunciare.

Anche la percentuale di persone che accumulano droghe per un periodo di tempo più lungo non sembra essere particolarmente elevata (29%) e la maggior parte delle persone acquista o desidera acquistare durante la crisi. La percentuale di persone che cercano di evitare di più la polizia sotto le restrizioni è più alta (39%), ma comunque inferiore alla percentuale di persone che affermano che una maggiore elusione della polizia non è affatto caratteristica per loro (44%). Il 13% degli intervistati ha affermato di aver perso i propri mezzi di sussistenza a causa della crisi, il che li mette molto sotto stress.

 

 

L'ultima parte del sondaggio riguardava la possibilità di ottenere aiuto, se necessario. Sfortunatamente, tra gli intervistati che lo considerano rilevante nel loro caso, il 41% pensa che avrebbe più difficoltà a ottenere aiuto, mentre il 45% pensa che sia più difficile sopportare i sintomi di astinenza durante la pandemia. Tra coloro per i quali il tema è rilevante, il 53% ha riferito un accesso più difficile alla terapia sostitutiva e il 63% alle siringhe sterili. L'accesso ai beni di prima necessità (cibo, acqua, ecc.) è stato considerato più difficile dal 21%.

 

Il campione della ricerca non era rappresentativo e non copriva tutti i gruppi di persone che fanno uso di droghe in Ungheria: la classe media, i consumatori di cannabis più istruiti e le droghe da festa con un reddito stabile sono sovrarappresentati tra i lettori di Drugreporter. L'indagine non fornisce una panoramica di ciò che sta accadendo con le comunità emarginate, come nei ghetti urbani e negli insediamenti rom segregati nelle regioni rurali. Rimane aperta la questione se l'attuale crisi avrà un impatto duraturo sui mercati della droga se le misure di blocco continueranno. Drugreporter intende ripetere questa indagine tra qualche mese.

 

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da Reporter di droga, il sito web sulla politica sulle droghe del Fondazione Reporter per i diritti. Leggi l'articolo originale qui

* Péter Sárosi è caporedattore di Drug Reporter.

Articoli precedenti
“Мы живые существа. Помогите нам!» — Наркотики и бездомность во время пандемии
pagina successiva
Per saperne di più: il nuovo articolo della Commissione globale per il riepilogo

Contenuti correlati