1. Casa
  2. Articoli
  3. Il 2024 potrebbe essere l’anno della depenalizzazione della cannabis in Brasile

Il 2024 potrebbe essere l’anno della depenalizzazione della cannabis in Brasile

Nel 2024, dopo 12 anni di procedimenti presso la Corte Suprema brasiliana, il processi che potrebbe portare alla depenalizzazione della cannabis nel paese potrebbe finalmente giungere a una conclusione quest’anno. Sugli 11 giudici supremi sono stati espressi solo sei voti: attualmente ci sono cinque voti a favore, di cui uno solo contro la depenalizzazione dello stabilimento. E anche se la votazione finale è stata posticipata l’anno scorso, è necessario solo un altro voto per formare una maggioranza e far passare la depenalizzazione.

La probabile attuazione di questa decisione sarà molto necessaria per rappresentare un progresso nella riforma della politica sulla droga in Brasile. Tuttavia, il proibizionismo e le sue idee troveranno il modo di persistere, e la battaglia per creare un cambiamento strutturale nella guerra alla droga brasiliana durerà.

 

Cannabis in tribunale

Avviato nel 2011 sulla base di un motivo dal difensore d'ufficio a favore di un imputato condannato per essere stato sorpreso con 3 grammi di cannabis in carcere, il processo in corso è storico perché la decisione sul caso specifico avrà un impatto nazionale, creando un precedente per tutti i casi simili che mettono in discussione la criminalizzazione della pianta per uso personale.

Il caso in discussione è giunto alla Corte Suprema dopo un ricorso del Pubblico Difensore contro la decisione di un tribunale di grado inferiore. L'argomentazione utilizzata è stata che la criminalizzazione del consumo di droga viola i diritti fondamentali alla libertà, alla privacy e all'autolesionismo, quest'ultimo inteso come prerogativa dell'individuo di prendere decisioni dannose esclusivamente per se stesso.

Ci sono molte ragioni per cui il caso è progredito così lentamente. Numerose sono state le richieste da parte dei ministri del tribunale di avere più tempo per analizzare il caso; la nomina di membri conservatori della Corte Suprema da parte dell’allora presidente Jair Bolsonaro ha significato che strategicamente il voto ha beneficiato di una pausa.

Tuttavia, con la sconfitta elettorale del governo di estrema destra, mobilitazione della società civile e il conseguente allentamento della pressione politica sulla corte, il processo progredito nel 2023 e raggiungerà la sua conclusione definitiva quest’anno.

Nonostante il voto sia incentrato sulla depenalizzazione della cannabis, un effetto potenzialmente duraturo di una decisione positiva sarebbe la differenziazione giuridica delle persone in possesso di cannabis dai consumatori e dai trafficanti.

Poiché questa distinzione attualmente non esiste, è lasciata all'interpretazione dei giudici e della polizia. In un paese segnato da razzismo strutturale, ciò ha significato che l'applicazione delle norme sulla cannabis è stata attuata razzista e classista, contribuendo all’aumento dell’incarcerazione di neri e poveri che sono spesso classificati come trafficanti.

 

Un piccolo passo verso la legalizzazione, ma un passo da gigante verso l’abolizione

La idea dei giudici è quello di stabilire un'autorizzazione per una quantità che può arrivare fino a 100 grammi di sostanza, oltre all'autorizzazione per la coltivazione domestica di un massimo di 6 piante di cannabis.

Esperti, consumatori di cannabis e attivisti politici sulla droga hanno criticato il potenziale esito del processo. Questo perché la criminalizzazione della pianta resterà, insieme alla stigmatizzazione di altre sostanze. Il proibizionismo rimarrà il sistema dominante di controllo della droga in Brasile.

Tuttavia c’è ancora motivo di festeggiare: un 2023 studio hanno indicato che se la soglia per il possesso fosse fissata a 25 grammi, circa il 27% delle persone attualmente condannate per traffico di questa sostanza potrebbero vedere la loro pena rivista. Se la soglia diventasse 100 grammi, verrebbe rivisto il 48% delle condanne per traffico di cannabis. In questi casi, il controllo penale dipenderà dalla richiesta individuale di ciascuno dei detenuti.

Data la possibilità di ridurre l’attuale popolazione carceraria e di rallentare l’incarcerazione, che è stata costante in aumento dal 2006, la depenalizzazione rappresenterà una vittoria tattica per il movimento antiproibizionista grazie al suo potenziale di aumentare la consapevolezza sulla necessità di discutere la legalizzazione della droga in Brasile e la decarcerazione.

 

Controversie fuori dal tribunale

Di fronte alla concreta possibilità che la depenalizzazione avvenga attraverso un'iniziativa giudiziaria, i leader politici conservatori stanno lavorando per indebolire l'impatto della decisione della Corte Suprema. Al Senato brasiliano, a proposta mira a modificare la costituzione brasiliana per criminalizzare il possesso di droga. IL progetto è già stato presentato e sta per essere votato dalla Commissione Costituzione e Giustizia, prima di passare alla Plenaria del Senato.

La misura è appoggiata da Rodrigo Pacheco, presidente del Congresso Nazionale, che cerca di far passare la proposta. Pacheco, pur essendo membro della base di appoggio dell'attuale governo Lula, punta con la proposta di criminalizzare il possesso di droga per fare un gesto ai senatori di destra che hanno sostenuto la sua candidatura a presidente del Senato.

Inoltre, la proposta di Pacheco è un modo per aumentare il potere del Congresso su questo paese problemi controversi, come la droga e l'aborto. In reazione all'andamento del caso in tribunale, il senatore ha dichiarato che “Siamo noi che dobbiamo creare la legge. La Corte Suprema non può affermare che 20 grammi di marijuana siano illegali o legali. La legge non lo dice”.

Alla Camera dei Deputati ci si aspetta che il sostegno al progetto venga ripetuto, data la predominanza dei politici conservatori.

Si prevede che la questione della droga influenzerà anche le elezioni municipali che si terranno nell'ottobre di quest'anno. Diversi candidati con ideali antiproibizionisti cercheranno di convincere l'elettorato brasiliano della necessità di politiche sulla droga basate sulla riduzione del danno, soprattutto nelle città dove ci sono scene di consumo di droga, come "Crackland", a San Paolo, il quartiere economico centro del paese.

È una tattica frequente dei candidati più conservatori quella di suscitare il panico morale attorno alle questioni legate alla droga per raggiungere posizioni politiche; questa è una tendenza che dovrebbe continuare per tutto l'anno.

Allo stesso tempo, il movimento antiproibizionista brasiliano continuerà a mobilitare sostegno e sentimento pubblico per porre fine alla guerra alla droga. Nel 2024, un numero record di Weed Walks (Marcha da Maconha) dovrebbero svolgersi in varie città del paese.

Le Weed Walks sono proteste di strada organizzate da una varietà di gruppi diversi in Brasile. Ci sono madri di pazienti affetti da cannabis, attivisti psichedelici, gruppi di riduzione del danno, centinaia di consumatori e anche alcuni partiti politici. Nonostante il nome, queste proteste sostengono la fine della guerra alla droga e la legalizzazione di sostanze diverse dalla cannabis.

L'anno scorso gli eventi si sono svolti in più di 50 città brasiliane. In São Paulo, è prevista una mobilitazione di 100,000 persone sotto la bandiera della difesa della disobbedienza alle leggi ingiuste, siano esse emanate dalla magistratura o dal potere legislativo brasiliano.

C'è grande speranza per il panorama della cannabis in Brasile; tuttavia, queste azioni popolari devono tradursi in un cambiamento politico per garantire un futuro più sicuro a coloro che utilizzano, coltivano e condividono la pianta.

 

Articoli precedenti
“Wake Up Call”: come i sequestri di droga della polizia causano overdose
pagina successiva
Stato di shock: la discesa dell'Ecuador nella violenza dei narcotrafficanti

Contenuti correlati

Власти России препятствуют борьбе с ВИЧ с помощью закона об "иностранных аентах"

.
30 августа Фонд Андрея Рылькова (ВИЧ-serвисная организация, оказывающая услуги снижения вреда наркопотребите лям города Москвы), выиграл судебный иск против Министерства юстиции…