1. Casa
  2. Articoli
  3. La Cambogia ribattezza la sua guerra alla droga mentre perpetua le politiche punitive

La Cambogia ribattezza la sua guerra alla droga mentre perpetua le politiche punitive

I funzionari cambogiani si sono espressi contro la repressiva guerra alla droga nelle Filippine e stanno sostenendo la riabilitazione piuttosto che la criminalizzazione delle persone che fanno uso di droghe, ma si tratta semplicemente di un rebranding della politica punitiva del paese?

Oggi, il primo ministro Hun Sen ha riconosciuto il massacro di persone nelle Filippine per reati di droga e giurato che il suo paese non emulerebbe questo approccio violento. Ciò avviene due settimane dopo che il ministro degli Interni, Sar Kheng, detto alla polizia che "non possiamo essere come loro [le Filippine]" in termini di polizia antidroga.

Da gennaio, le autorità hanno anche iniziato ad aumentare il dirottamento delle persone che fanno uso di droghe verso centri di “riabilitazione” obbligatoria, piuttosto che in carcere.

Il capo antidroga della polizia nazionale, Mok Chito, ha affermato che ciò è stato il risultato di un cambiamento nelle opinioni delle autorità, piuttosto che di un effettivo cambiamento di politica; “sebbene, per legge, tutti i tossicodipendenti debbano andare in galera, il governo sta adottando una nuova filosofia”, il Phnom Penh Post rapporti.

Ha aggiunto che alcune persone il cui uso di droghe è stato ritenuto essere "leggera"potrebbe avere la possibilità di frequentare i centri di volontariato.

Il sentimento di Chito è stato ripreso da Meas Vyrith, segretario generale dell'Autorità nazionale per la lotta alla droga (NACD) del paese, che detto che i funzionari ora “considerano il tossicodipendente la vittima”.

Sebbene questa retorica possa essere considerata progressista rispetto al tradizionale approccio proibizionista, si verifica nel contesto di una dura repressione in corso nei confronti delle persone che usano o vendono droghe.

Dall'inizio dell'anno, le autorità cambogiane hanno intensificato il loro programma antidroga. A gennaio erano 2,428 persone arrestato per reati legati alla droga, oltre la metà dei quali sono stati arrestati per uso di droga. In confronto, 9,800 persone sono state arrestate per reati di droga nell'intero 2016.

Molti dei centri di "riabilitazione" obbligatoria, dove vengono inviati coloro che vengono arrestati per uso di droga, operano come carceri glorificate con pochi servizi basati sull'evidenza per le persone con un uso problematico di droghe.

A uno studio del 2013 pubblicato sull'Health and Human Rights Journal ha rilevato che le persone detenute nei centri di "riabilitazione" obbligatoria in Cambogia, tra gli altri paesi, erano "soggetti a torture e trattamenti crudeli, inumani e degradanti".

In un'intervista con 2015 con The Fix, un'ex detenuta ha descritto la sua esperienza straziante di un centro di “riabilitazione” obbligatorio: “Ogni giorno le guardie mi facevano fare esercizio finché non crollavo per lo sfinimento. Ma dovevo alzarmi di nuovo o mi avrebbero picchiato”.

In effetti, i paesi del sud-est asiatico sono diventati così famosi per i centri di "riabilitazione" obbligatoria mal gestiti che numerose entità delle Nazioni Unite ho chiesto tutte queste strutture devono essere chiuse.

Anche se la nuova strategia del governo è ancora agli inizi, è importante guardare oltre il discorso delle autorità e considerare se si stiano effettivamente attuando passi progressivi. Attualmente, ci sono poche prove che il nuovo approccio della Cambogia al consumo di droga sia molto più di una facciata dietro la quale si perpetuano le politiche proibizioniste.

Articoli precedenti
Kassandra Frederique, visionaria della serie Black History Month di Drug Policy Alliance, parla della proprietà delle nostre narrazioni
pagina successiva
In Украине создают региональные команды для защиты прав наркопотребителей

Contenuti correlati