1. Casa
  2. Articoli
  3. Centri per il trattamento della droga o cliniche private per la tortura?

Centri per il trattamento della droga o cliniche private per la tortura?

Il 11 gennaio 2019, a incendio in una riabilitazione dalla droga centro di Guayaquil, in Ecuador, ha causato la morte di 18 pazienti. Rinchiuse nelle loro stanze e costrette a disintossicarsi dal "tacchino freddo", le vittime non potevano scappare mentre le fiamme avvolgevano l'edificio.

Barricare i pazienti nelle stanze mentre sopportano un ritiro agonizzante è uno dei tanti tattiche abusive impiegato presso “rehabs” in Ecuador. Alcuni centri di riabilitazione costringono i pazienti a dormire su pavimenti freddi senza coperte o materassi, proibiscono loro di usare dentifricio o sapone e servono cibo in decomposizione donato dai negozi di alimentari. Molti centri non consentono ai pazienti di utilizzare il bagno durante la terapia di gruppo, che può durare ore. Altri puniscono i pazienti “fastidiosi” picchiandoli, costringendoli a nuotare in acque gelide, facendoli mangiare senza utensili o, in un caso, obbligando altri pazienti a defecare su di loro. 

La dottoressa Ana Jacome, psicologa clinica e forense, ha documentato abusi diffusi nei centri di cura in Ecuador. Dice che la logica alla base di questi abusi è "distruggere l'ego e sostituirlo con uno migliore che non fa uso di droghe".

Ai pazienti viene detto: "Ti batteremo a morte", afferma la dottoressa Carla Alvarez, specializzata nella ricerca sulle politiche sulle droghe in Ecuador. "Le cliniche parlano molto di salvezza dell'anima".

Altro indagini hanno scoperto pratiche come percosse i pazienti con mazze, fili, machete e cavi elettrici, lasciandoli per giorni in un buco profondo e sporco a "pensare alle cose brutte che hanno fatto" e abusi sessuali.

Ironia della sorte, I tentativi di riforma dell'Ecuador la politica sulla droga potrebbe aver inavvertitamente intensificato gli abusi. Nel 2008 il paese ha modificato la sua costituzione per dichiarare l'uso di droghe un "problema di salute pubblica", ha rilasciato dalla prigione migliaia di persone condannate per reati di droga e ha promesso di rendere più disponibili le cure per la droga. Ma oltre un decennio dopo, non ci sono ancora abbastanza programmi di trattamento pubblico per soddisfare la domanda. L'Ecuador ha solo 110 cliniche terapeutiche statali per una popolazione di quasi 17 milioni. Invece, le riabilitazione private non certificate, dove si verificano la maggior parte degli abusi, si sono affrettate a soddisfare la domanda. Le cliniche private sono più numerose dei centri di cura pubblici in Ecuador cinque a uno.

"Esiste un mercato per i centri di cura privati ​​perché la legge impone che le persone debbano andare in cura", afferma il dott. Jacome.

Il dottor Alvarez afferma che dopo le riforme, l'Ecuador "ha scambiato la prigione con le cliniche".

"Diciamo che [la tossicodipendenza] è un problema di salute pubblica, ma non l'abbiamo mai trattata in questo modo in Ecuador", afferma.

Di recente, il governo ecuadoriano ha cercato di indagare e chiudere i centri di cura abusivi. Nel 2018 il governo chiudere 67 centri, la maggior parte dei quali clandestini. Ma gli abusi continuano.

Sfortunatamente, le violazioni dei diritti umani nei centri di cura non si limitano all'Ecuador. Il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha casi documentati di violenza fisica e sessuale e lavoro forzato nei centri di tutto il sud-est asiatico. L'International Drug Policy Consortium ha pubblicato a rapporto sugli abusi in America Latina, le cui pratiche includono “partite di caccia” in Guatemala che radunano persone che fanno uso di droghe e le costringono a farsi curare. Gli Stati Uniti hanno una storia documentata di abusi nei centri di trattamento della droga, incluso lavoro forzato, abuso verbalee cure obbligatorie in carcere anche per le persone che non sono state condannate per un reato.

Il trattamento abusivo e disumano continua perché anche i paesi che affermano che l'uso di droghe è un problema di salute pubblica contraddicono tale affermazione criminalizzando il possesso e la vendita di droga.

"Finché l'uso di droghe è proibito, è difficile avere un sistema di trattamento che non sia repressivo", afferma il dott. Jacome.

Ironia della sorte, sebbene gli scienziati definiscano quelli con disturbo da uso di sostanze in quanto persone con "difficoltà nel controllare [l'uso e] persistere nell'[uso] nonostante le conseguenze dannose", facciamo ogni tentativo per controllare l'uso di sostanze attraverso politiche punitive. Non vedremo cambiamenti finché questo paradosso non sarà risolto.

 

*Tessie è una scrittrice e sostenitrice della politica sulle droghe a Raleigh, nella Carolina del Nord. Suo news esplorare argomenti come la riforma della giustizia penale, la politica sulla droga e la riduzione del danno. In precedenza ha lavorato come coordinatrice della difesa e delle comunicazioni per la North Carolina Harm Reduction Coalition, un'organizzazione no profit in tutto lo stato che promuove la politica sulla droga e la riforma della giustizia penale. Durante quel periodo, ha svolto un ruolo fondamentale nell'aiutare a legalizzare i programmi di scambio di siringhe e ad espandere l'accesso al naloxone. Puoi trovarla da lei sito web oppure Instagram.

Articoli precedenti
Дорожные карты или как кокаин попадает в Europa
pagina successiva
Donne che fanno uso di eroina in Kenya: perché è importante intervenire presto nella vita

Contenuti correlati