1. Casa
  2. Articoli
  3. In Honduras, la politica sulle droghe è anche politica sul clima

In Honduras, la politica sulle droghe è anche politica sul clima

Alla fine del mese scorso, ho saputo tramite WhatsApp che sei vecchi amici erano sotto la custodia delle autorità messicane per l'immigrazione. Sono tutti indigeni Tawahka della remota regione Moskitia dell'Honduras orientale. Con solo zaini, si sono uniti a un gruppo più numeroso di migranti in partenza da San Pedro Sula alla fine di febbraio. Quattro giorni dopo erano passati dal Guatemala al Messico e una settimana dopo avevano attraversato lo stato del Chiapas. La migrazione li hanno prelevati da qualche parte a nord di Città del Messico il 28 marzo. Da allora sono stati rimpatriati in Honduras e ora stanno pianificando il loro prossimo tentativo di raggiungere gli Stati Uniti.

Per quanto siamo abituati negli Stati Uniti a sentire parlare della difficile situazione dei migranti centroamericani, il fatto che gli indigeni dell'Honduras si stiano unendo a quell'esodo potrebbe essere una sorpresa. Soprattutto ora: le ultime notizie dall'Honduras suggerirebbe una nuova era di speranza, non di disperazione. Dopotutto, il Paese sembra pronto a porre finalmente fine all'impunità, all'estorsione, alla violenza, corruzione, estrattivismo guidato dalle élite e devastazione ambientale che sono fiorite negli ultimi 12 anni di Sostenuto dagli Stati Uniti "narco-dittatura".

Il nuovo presidente Xiomara Castro, lei gratis partito fortemente sostenuto dalle popolazioni indigene e dai lavoratori, è salito al potere a piattaforma dedicato alla difesa dei diritti umani e della sicurezza dei cittadini, alla lotta alla corruzione e al traffico di stupefacenti e alla mitigazione degli effetti devastanti del cambiamento climatico su questo devastato dall'uragano Paese. Dalla sua inaugurazione a gennaio, si è mossa rapidamente su tutti i fronti. Suo predecessore e il suo ex capo della polizia devono essere entrambi estradati negli Stati Uniti con l'accusa di traffico di droga. La sua amministrazione è appena stata bandita nuove miniere a cielo aperto. Ha invitato le Nazioni Unite a istituire un commissione anticorruzione. I difensori dell'ambiente vengono liberati dalla detenzione arbitraria. E a metà marzo, il suo nuovo ministro delle Foreste ha annunciato un'azione immediata del governo imporre la protezione dei bacini idrografici e delle foreste del paese, con un'attenzione prioritaria alle aree protette e ai territori indigeni della Moskitia, dove si sono concentrati i tassi astronomici di deforestazione del Paese, fortemente trainata dalle azioni dei narcotrafficanti.

Per i molti honduregni che hanno lottato a lungo per difendere i propri diritti sulle terre ancestrali, per proteggere le foreste e per mitigare il cambiamento climatico, questi sviluppi sono davvero stimolanti. L'attenzione alla Moskitia è particolarmente gradita. Questa è un'area il cui biologico e culturale diversità sono straordinarie e interdipendenti e hanno offerto lezioni cruciali in merito adattivo al clima vivere e la governance.

Ma attualmente, le vite e le terre delle popolazioni indigene nella regione della Moskitia sono appese a un filo. Negli ultimi dieci anni o più, enormemente arricchiti dai profitti derivanti dall'instradamento della cocaina diretta a nord attraverso questo importante snodo di trasbordo, i trafficanti e i loro compari d'élite hanno trasformato enormi distese di foresta pluviale in allevamenti di bestiame e messo i comuni indigeni precedenti sotto le piantagioni di palma da olio. I trafficanti rivendicano, acquistano e convertono terreni rurali per controllare il territorio, riciclare denaro e creare un mercato fondiario redditizio, anche se illegale. Possono farlo perché brandiscono ciò che l'antropologo Marcos Mendoza definisce "narcopotere”: questo è il potere di corrompere i funzionari in modo così efficace da essere al di sopra della legge, e di controllare le popolazioni con estrema violenza - o la minaccia di essa - che mina le coalizioni e norme di governo che un tempo proteggevano le terre indigene e gli spazi di conservazione.

In risposta all'iniziativa ampiamente accolta dal presidente Castro di recuperare i guadagni illeciti dei trafficanti, restituire le terre indigene alle comunità indigene e proteggere e ripristinare le rimanenti foreste della Moskitia, i nuovi narco-proprietari stanno raddoppiando il controllo della terra. Hanno iniziato a formare giovani indigeni senza radici nell'arte di sicario—come diventare sicari. Hanno detto a qualsiasi residente indigeno che intenda denunciarli alle autorità o tentare di reclamare le loro ex fattorie, che verranno uccisi.

In oltre un decennio di duratura vita con i narcos, i residenti indigeni hanno riferito di sentirsi più minacciati che mai. Un uomo indigeno che sosteneva le nuove iniziative è stato colpito allo stomaco da un colpo fallito ed è stato portato fuori dalla regione su una barella improvvisata. Altri leader, quelli che un tempo erano i più espliciti riguardo alla distruzione dei territori indigeni e delle riserve della biosfera, sono andati clandestini a Tegucigalpa, la capitale. Un altro ha cercato rifugio in Messico. E i normali uomini di famiglia indigeni, eredi della vitale conoscenza ecologica collettiva - un tempo agricoltori e pescatori, costruttori di piroghe e guide esperte di ecoturismo - si stanno arrendendo. Alcuni sono andati a cercare lavoro raccogliendo caffè vicino al confine con El Salvador. Altri, come i miei amici catturati in Messico, si sono diretti a nord. Semplicemente non vedono un futuro nella loro patria.  


Ecco perché la politica sulle droghe è anche politica sul clima.

Il regime globale di proibizione della droga fa due cose fondamentali. In primo luogo, garantisce che tutti coloro che fabbricano, si spostano o semplicemente assumono droghe siano visti come criminali. In secondo luogo, mantiene alti prezzi e profitti, il che serve ad arricchire enormemente gli intermediari che spostano la droga, siano essi "narcos", "cartelli", "organizzazioni criminali transnazionali", "mafia" o altro. E quei ricchi criminali eserciteranno sempre il loro narcopotere per proteggere quella redditività. Ciò significa corrompere il maggior numero possibile di politici, giudici, sindaci, polizia e autorità portuali e di frontiera; significa controllare il maggior numero possibile di rotte commerciali e di spedizione; e significa investire i propri profitti in quante più forme possibili di investimenti speculativi a lungo termine, compresi quelli altamente redditizi terra e agroalimentare. E significa anche difendere quegli investimenti da qualsiasi "minaccia", inclusa qualsiasi iniziativa di governo guidata dallo stato per ripristinare e proteggere le foreste.

Finché la cocaina e altre droghe continueranno a essere prodotte in una parte del mondo e acquistate in un'altra, ci saranno sempre intermediari in paesi di transito come l'Honduras che diventeranno immensamente ricchi semplicemente spostandoli. E finché la droga continua a circolare in Honduras, il presidente Castro, alla guida di uno dei paesi più poveri dell'emisfero alle prese con frantumazione del debito estero— probabilmente rimarrà limitata nella sua capacità di affrontare il narcopotere. Potrebbe aspirare a dare la priorità alla mitigazione del clima e dovrebbe essere celebrata per averlo fatto; ma la capacità della sua amministrazione di effettivamente agire su tale impegno rimarranno profondamente handicappati fintanto che esiste un attore così forte con risorse considerevoli, aiutato dal sistema internazionale di proibizione della droga.

Questo non sta accadendo solo in America Centrale, o in America Latina. Queste stesse dinamiche si ripetono In tutto il mondo, ovunque le droghe vengano coltivate e si diffondano Borderlands, e in paesi che già lottano con problemi di governance, dai paesaggi dell'oppio del sud-ovest Myanmar, la hub di cocaina della Guinea-Bissau, ai siti di contrabbando multi-merce di Panamá orientale. Sono tutti siti in cui attualmente le modalità del narcopotere dominano il governo dei paesaggi. Eppure sono proprio i paesaggi con il maggior potenziale per sequestro planetario del carbonio, e quindi dove è più necessaria una gestione del territorio efficace e trasparente.  

Infatti, la ultimo rapporto IPCC chiede "un'azione accelerata" per "salvaguardare e rafforzare la natura" e per "ripristinare gli ecosistemi degradati". Il rapporto sottolinea che l'attuazione delle opzioni di adattamento e mitigazione "dipende dalla capacità e dall'efficacia dei processi decisionali e di governance". In altre parole, un'efficace azione per il clima richiede contesti di governance in cui lo stato di diritto funzioni, in cui gli stati abbiano legittimità e autorità e in cui gli attori criminali - il cui flusso di entrate numero uno è la droga - non determinino in ultima analisi il destino di terra, risorse e biodiversità.

Finché la politica globale sulle droghe sarà dominata dal proibizionismo, ci saranno potenti criminali a ogni livello, dai villaggi rurali alle più alte sale del potere, che mineranno la gestione sana e sostenibile della terra e delle risorse che sono così essenziali per il nostro futuro planetario.

Kendra McSweeney è Professore presso il Dipartimento di Geografia della Ohio State University. È principalmente interessata alle interazioni uomo-ambiente, con particolare attenzione alle questioni di ecologia culturale e politica. È autrice di  "L'impatto della politica sulle droghe sull'ambiente" e ha anche scritto sull'intersezione del traffico di droga, in particolare la catena di approvvigionamento della cocaina; il suo lavoro può essere letto qui

Articoli precedenti
L'amministrazione ha fatto sapere “зеленый свет” prima di SСША
pagina successiva
Il direttore russo per la riduzione del danno condanna i requisiti "collaborazionisti" come condizione per il finanziamento globale

Contenuti correlati