1. Casa
  2. Articoli
  3. In che modo il COVID-19 sta influenzando le donne coltivatrici di papaveri a Guerrero, in Messico 

In che modo il COVID-19 sta influenzando le donne coltivatrici di papaveri a Guerrero, in Messico 

Dall'inizio della pandemia, molto è stato scritto sui suoi effetti su persone che fanno uso di droghe, traffico di droga e l' necessità di rilasciare le persone arbitrariamente detenute nei centri di trattamento obbligatorio

Equis Justicia para las Mujeres (EQUIS) – una ONG femminista dedicata all'accesso delle donne alla giustizia in Messico – e un collettivo di donne che coltivare il papavero nello stato di Guerrero, in Messico – vuole far luce su un altro aspetto dell'intersezione tra le precauzioni contro il COVID-19 e la politica in materia di droga: quello della crescente privazione delle donne nel contesto della povertà rurale, della criminalità organizzata e della cultura patriarcale. 

Questo articolo, che fa parte di un progetto più ampio che sarà pubblicato all'inizio del 2021, evidenzia l'impatto delle misure di distanziamento sociale, intese a evitare la diffusione del COVID-19, sulle donne coltivatrici in Messico.

 

Coltivazione del papavero a Guerrero

 

EQUIS lavora con 33 donne appartenenti a comunità che da quattro decenni si dedicano alla coltivazione del papavero per la produzione e il commercio di eroina verso gli Stati Uniti. Le donne coltivatrici spesso mancano di visibilità e rimangono inascoltate, subendo spesso una pesante stigmatizzazione e criminalizzazione. 

Come il terzo più grande coltivatore di papaveri al mondo, il Messico fornisce il 6% della produzione mondiale, dopo il Myanmar (7%) e l'Afghanistan (84%). Mentre la coltivazione del papavero si trova in 18 dei 32 stati del Messico, Guerrero, situato nel sud del paese sulla costa del Pacifico, rappresenta il 60% della produzione nazionale. Guerrero è anche il secondo stato più povero del Messico: considerando che nel 2018 il 41.9% dei messicani viveva in condizioni di povertà e il 7.4% in condizioni di estrema povertà, stime per Guerrero ammontano rispettivamente al 66.5% e al 26.8%. 

Il coinvolgimento nel commercio globale del papavero ha permesso a molti coltivatori di generare un reddito sufficiente; dagli anni '1970 la coltivazione del papavero ha avuto luogo in comunità prevalentemente rurali e povere con scarso o nessun accesso ad attività economiche oltre all'agricoltura di sussistenza. Agricoltori intervistati da Noria Ricerca nel periodo 2016-7 si segnala che la pasta a base di oppio veniva pagata tra $ 1,060 e $ 1,480 al chilo, a seconda della stagione del raccolto. Ma, dalla metà del 2017, i prezzi sono scesi fino a 315 dollari al chilo o meno, in gran parte a causa del calo della domanda di eroina (e del crescente mercato del fentanyl negli Stati Uniti). La maggior parte delle famiglie è stata costretta a smettere del tutto di crescere.

Anche se gli agricoltori e le loro famiglie possono decidere autonomamente se coltivare o meno, c'è una continua pressione per produrre oppio per i boss del cartello nella regione. Il cartello “Jalisco Nueva Generación” controlla il traffico di eroina negli Stati Uniti. I gruppi criminali locali, denominati “Los Comunitarios”, “offrono protezione” dal COVID-19 usando la minaccia della violenza e del controllo letali; i Comunitarios svolgono un ruolo sostanziale nella definizione e nell'imposizione di misure di distanziamento sociale tra le donne coltivatrici e le comunità locali.

 

COVID-19 e aumento dei tassi di povertà

 

Il Messico ha registrato più di 100,000 decessi derivanti da COVID-19 dall'inizio della pandemia. Il Messico sembra bloccato tra rigidi blocchi (anche se questi si sono timidamente allentati) e ondate convergenti della pandemia. La crisi è aggravata da un presidente che, in linea con altri leader populisti e irresponsabili come Trump negli Stati Uniti e Bolsonaro in Brasile, ha generalmente ignorato la gravità di una tale crisi di salute pubblica e la necessità di misure precauzionali e protettive come come indossare mascherine e altri DPI. Ma villaggi poveri come Guerrero, con accesso scarso o nullo ai servizi sanitari, non possono permettersi questo lusso di deridere la vita e la morte. 

La routine quotidiana delle donne coltivatrici e delle loro famiglie è cambiata bruscamente da marzo 2020: le scuole e i servizi medici regolari sono stati sospesi, così come i trasporti pubblici e il commercio locale. Le famiglie hanno visto i loro raccolti (principalmente frutta di stagione che donne e bambini vendevano sulle autostrade agli automobilisti di passaggio), marcire e deteriorarsi a causa della mancanza di flusso commerciale. Beni essenziali come prodotti per la pulizia, latte e alimenti trasformati di base sono spesso assenti dagli scaffali dei negozi locali, con prezzi che aumentano a causa della scarsità quando tali beni sono disponibili. 

Siamo solo più poveri... non c'è lavoro; difficilmente abbiamo da mangiare, non è più come prima quando si andava in città a lavorare o a coltivare qualcosa, non più, ragazza, la gente non viene più nei nostri paesi a comprare i nostri prodotti (Consuelo).

Non ci sono soldi, niente vendita, non possiamo andare in città a vendere i nostri prodotti (Elsa).

Dall'inizio della pandemia, i nostri raccolti stanno marcendo. Pere, pesche, marciscono tutte perché nessuno le compra (Alessandra).

Alcune famiglie – quelle guidate da uomini – che sono in grado di coltivare terreni di proprietà collettiva, hanno potuto continuare a coltivare mais, fagioli e altri ortaggi di base per il consumo locale, facendo affidamento su economie informali di doni, contrattazione e commercio per la sopravvivenza. Ma mentre la mancanza di reddito, l'occupabilità e la fame colpiscono tutti in queste comunità (risultando talvolta nell'uso del lavoro minorile), le relazioni patriarcali espongono le donne ei loro figli a una maggiore vulnerabilità alla violenza.

 

La partecipazione politica ed economica delle donne all'interno delle loro comunità

 

Le relazioni sociali tipiche di Guerrero sono fondamentalmente radicate nelle strutture patriarcali. Le donne di solito non possiedono né ereditano la terra; il loro accesso dipende dal loro lignaggio, in cui il padre o il marito hanno diritto alla terra e alla rappresentanza politica. Le donne che sono rimaste vedove hanno accesso alla terra solo se formalmente ereditata dai loro coniugi. È probabile che le madri single o le donne separate debbano vivere con i genitori per provvedere a se stesse e ai propri figli. 

Da madre single ho sofferto molto, perché non dipendo da nessuno e vivo alla giornata, e adesso non c'è lavoro (Mariana).

In termini politici, le decisioni vengono prese durante le assemblee comunitarie. Tuttavia, solo i proprietari terrieri oi rappresentanti delle famiglie possono votare. 

Il rappresentante della famiglia è uno solo ed è il padre di famiglia. Le donne vedove possono votare, ma il loro voto è l'ultimo a essere contato (Concezione).

Le misure di allontanamento sociale attuate durante il blocco – lavaggio delle mani, mascherine, chiusura delle scuole e sospensione dei trasporti pubblici, tra le altre – sono state decise in gran parte da un rappresentante della comunità -“el comisario”- e dai Comunitarios, applicate da gruppi di cartelli. Tali processi decisionali dall'alto verso il basso sono legittimati a Guerrero nonostante le donne non siano in grado di esercitare pienamente la loro cittadinanza. Le comunità hanno espresso timore per la costante minaccia della violenza armata che struttura la loro precaria vita quotidiana. 

Questo gruppo di “comunitarios” sono persone che ci danno sicurezza. Ad essere onesti, appartengono a un gruppo criminale e non sono della nostra comunità. Da novembre 2019 partecipano ai nostri incontri e assemblee e le persone sono state sottomesse alle decisioni che prendono (Concezione).

Durante tutto il processo di ricerca, le donne hanno raccontato la loro narrativa di vulnerabilità e pance vuote. L'interazione tra gruppi criminali, oppressione sessista e povertà cronica fornisce le basi per le esperienze delle donne durante la pandemia, caratterizzate dalla mancanza di accesso al denaro per acquistare cibo e altre risorse essenziali di sussistenza. Queste difficili condizioni hanno anche favorito la comunicazione, l'ascolto e la condivisione tra le donne, al fine di organizzare e realizzare un cambiamento tanto necessario. Come ci ha raccontato una delle donne che ha intervistato i suoi compaesani: 

Sento che ogni giorno diventiamo più poveri nella Sierra (montagna), a causa dei problemi di sicurezza e del calo del prezzo del nostro principale raccolto e fonte di sostentamento, il papavero. Vorrei che il governo ci prestasse attenzione, che ci fornisse progetti produttivi, strade per commerciare i nostri raccolti, scuole per insegnare ai nostri figli e medici che ci lasciassero andare avanti. 

È importante raccogliere e condividere i sentimenti delle mie colleghe coltivatrici, ascoltare le loro necessità, ciò che manca loro e tutti i bisogni che condividiamo. Raccogliendo e condividendo queste informazioni, facciamo sapere ad altre persone cosa sentiamo, viviamo e vogliamo (Guillermina).

 

*Corina Giacomello è ricercatrice presso l'Università del Chiapas e Equis Justicia para las Mujeres, Messico; cgiacomello@gmail.com

Articoli precedenti
Gli esseri umani hanno usato droghe con il sesso per millenni - Le ragioni sono molto più ampie di quanto pensi
pagina successiva
Perché Alcuni Giovani Nigeriani Usano La Cannabis Come Una Parte Normale Della Vita

Contenuti correlati