1. Casa
  2. Articoli
  3. Abbracci per la droga: liceali polacchi che gestiscono progetti di riduzione del danno

Abbracci per la droga: liceali polacchi che gestiscono progetti di riduzione del danno

Un gruppo di studenti che camminano per le strade di Cracovia in Polonia.

Nella maggior parte dei luoghi, ciò che costituisce l'istruzione pubblica è dettato dal governo, un'istituzione che definisce le nostre leggi e stabilisce le norme sociali. Il modo in cui sono istituite le scuole di solito riflette ciò che lo stato desidera vedere nella società. Tenendo conto di ciò, puoi immaginare quanto debba essere difficile implementare l'educazione alla riduzione del danno o aprire il dialogo sull'uso di droghe in ambienti educativi che rifiutano questi temi. Da oltre 40 anni i messaggi di astinenza sulle droghe “Dì solo di no” sono la spina dorsale dell'educazione alla droga dei giovani, vietando l'accesso alle informazioni sull'uso più sicuro della droga per prevenirne qualsiasi uso. Come sappiamo, questo ha avuto un successo limitato. I giovani con poca o nessuna conoscenza degli effetti delle droghe lo faranno vederli online, e può anche comprali attraverso i social media, raramente con informazioni sui potenziali danni derivanti da un uso eccessivo e pratiche di utilizzo più sicure.

 

Il team di Hugs for Drugs – un gruppo di studenti della High School n.8 di Cracovia, in Polonia.

 

A Cracovia, in Polonia, un progetto guidato da studenti”Abbracci per la droga” che si è formato nell'ottobre 2022, affronta le questioni dello stigma polacco sull'uso di droghe, con l'obiettivo di educare i propri coetanei.

Hugs for Drugs nasce dalla determinazione degli studenti a creare uno spazio in cui i giovani possano avere conversazioni aperte su questioni legate alla droga. È stato facilitato da “Zwolnieni z Teorii”, un'organizzazione incentrata sull'istruzione che fornisce strumenti agli adolescenti per sviluppare progetti sociali. Forniscono supporto tecnico per il loro sviluppo e implementazione, rilasciando agli studenti certificati per accreditare le loro competenze. Il modello di Zwolnieni z Teorii significa che i progetti realizzati da e per i giovani possono realizzarsi al di fuori del sistema di istruzione pubblica.

Per contestualizzare il progetto, vale la pena ricordare che l'educazione alla droga esiste nelle scuole polacche, dove piani di lezione sviluppato dal Department of Legal Education si concentra sulla dipendenza e sui rischi legali dell'uso e del possesso di droghe. Sono inquadrati in modo da invocare la paura dell'uso di droghe e delle sue conseguenze e che tutto l'uso di droghe porterà alla dipendenza. Le dichiarazioni distorte hanno la priorità rispetto alle prove per garantire che gli adolescenti siano convinti a non usare, produrre o vendere droghe.

Esempi di post di Hugs For Drugs Instagram, che esplorano vari argomenti.

 

Karolina Kilian-Grudnik, una studentessa di 17 anni del liceo pubblico n. 8 a Cracovia, è stato uno dei fondatori di Hugs for Drugs. L'ispirazione le è venuta dal suo stesso fascino per il ruolo delle droghe nella società e da una compassione generale verso coloro che soffrono di dipendenza. Fin dalla giovane età, Karolina è stata incuriosita e perplessa dalla complessa realtà dell'essere umano, come la salute mentale e l'uso di droghe. Da giovane, ha notato che alcune questioni sociali sono omesse dalle discussioni pubbliche e che le persone che avevano più bisogno di aiuto erano spesso emarginate a causa del loro uso di droghe. Lei condotto un sondaggio principalmente tra gli studenti delle scuole superiori su Facebook sulla conoscenza e l'uso delle droghe, che ha pubblicizzato sui gruppi di social media. Le risposte hanno mostrato chiaramente una mancanza di conoscenze di base sulle droghe, soprattutto tra i giovani. Questo ha ispirato Karolina a continuare il suo lavoro, ed è allora che è nata l'idea di Hugs For Drugs. Dopodiché, si trattava solo di incoraggiare alcuni colleghi a dare una mano; rapidamente si è formata una squadra di giovani motivati ​​e pronti all'azione.

Il progetto porta una narrazione guidata dalla compassione e mira a fornire educazione su molti argomenti, come: riduzione del danno, consigli per le persone con dipendenza, una storia approfondita delle droghe da un punto di vista costruttivista sociale e altri argomenti per destigmatizzare le droghe e i diversi modi e contesti che vengono utilizzati nella società. Hugs For Drugs funziona su molte piattaforme: è principalmente un Conto Instagram con oltre 1,300 follower; è anche un podcast settimanale disponibile su Spotify e Apple Podcast; è divertente ma informativo Account TikTok che sembra imparentabile con i giovani; è un piattaforma anonima per domande, conversazioni e confessioni sull'uso di droghe. Con un pubblico crescente di giovani polacchi, e attraverso di esso raggiunge anche i genitori e gli insegnanti dei ragazzi coinvolti nel progetto.

Ho parlato con alcuni dei membri di Hugs For Drugs per scoprire come il progetto è stato accolto finora e che tipo di interazioni li ha portati ad avere con tutti nel loro ambiente immediato.

Alcuni membri di Hugs For Drugs dopo uno dei loro meeting di progetto. Da sinistra: Adam Kasprzycki, Antonina Matysek, Alex Mazur, Lidka Kwarciak, Karolina Grudnik.

 

Karolina e la sua partner di progetto, Lidia Kwarciak, mi hanno raccontato delle reazioni contrastanti che hanno avuto dall'inizio del progetto, soprattutto da parte degli adulti. Un insegnante ha sostenuto massicciamente il progetto: insegna Etica (classe consigliata per chi non è obbligato a seguire l'educazione religiosa). Li ha aiutati a contattare una stazione radio locale per discutere del loro progetto e si è unito al loro podcast come ospite.

Dall'altro lato dello spettro ci sono insegnanti di altre materie che mettono in dubbio la sicurezza dell'educazione alla droga fornita dal gruppo. Ma non tutti sono contrari, solo male informati. Un insegnante, dopo aver sentito parlare del progetto, è rimasto sorpreso dal fatto che non si limitasse a trasmettere un tipico messaggio basato sull'astinenza, ma dipingesse un quadro più ampio delle complessità sociali dietro l'uso di droghe. Ciò dimostra quanto siano profondi gli atteggiamenti prevenuti nei confronti delle droghe persistono all'interno delle persone e vengono quindi sostenuti dalle istituzioni educative.

A causa dei rischi associati all'essere minorenni e al parlare di droghe illegali, Karolina e Lidia hanno dovuto rivalutare il modo in cui parlavano apertamente di droghe e del loro uso. Hanno prestato particolare attenzione alla loro formulazione e ai loro messaggi in modo da non essere interpretati come incoraggianti l'uso di droghe, ma piuttosto scelte informate. Questo equilibrio ha avuto successo, poiché hanno creato uno strumento educativo che raggiunge gli adolescenti e consente loro di accedere a informazioni che potrebbero potenzialmente salvare la vita.

Hugs for Drugs rappresenta un certo atteggiamento politico che tenta di disturbare e protestare contro le attuali disuguaglianze e ingiustizie che esistono all'interno della società polacca. Essere così espliciti su una questione controversa che va contro ciò che dicono le istituzioni ufficiali è una cosa rischiosa da fare. Questo è particolarmente vero in Polonia, che è nota per la repressione delle proteste e per non preoccuparsi delle persone e dei movimenti che si oppongono all'attuale partito al governo.

Da adolescenti, i membri di Hugs for Drugs si trovano in una posizione unica per parlare di questi problemi senza poter essere puniti o accusati di avere un'agenda politica, poiché sono solo giovani che vogliono il cambiamento. Hanno sperimentato loro stessi gli effetti negativi della mancanza di educazione alla droga e ora stanno cercando di riparare ciò che è stato trascurato dallo stato e dalle istituzioni.

Nel complesso, Karolina, Lidia e cinque dei loro compagni di scuola hanno realizzato qualcosa che può avere un impatto molto positivo non solo sui loro giovani coetanei, ma anche sul movimento generale di riduzione del danno che è cresciuto in Polonia nell'ultimo decennio. Con le organizzazioni per la riduzione del danno bandite dalle aule, gli studenti si sono presi la responsabilità di educare se stessi e ora stanno influenzando coetanei, genitori e insegnanti a dare un'altra occhiata al vero significato e all'impatto delle droghe nella società polacca.

 

Articoli precedenti
Non Molti Vedono Oltre La Tua Etichetta "Droga"
pagina successiva
Tali-Ban: come i mercati europei dell'eroina sopravvivranno all'oppio dell'Afghanistan

Contenuti correlati