1. Casa
  2. Articoli
  3. Julian Quintero: Intervista alla "persona che ha istruito di più i colombiani sulla droga"

Julian Quintero: Intervista alla "persona che ha istruito di più i colombiani sulla droga"

In collaborazione con Proyecto Soma, TalkingDrugs ha avuto accesso a un'interessante intervista con una delle figure di spicco del movimento colombiano di riforma della politica sulle droghe, che ha alcune fantastiche intuizioni sul potere internazionale che il Sud America ha nella sfera della politica globale sulla droga. La versione originale è disponibile nella versione spagnola del nostro sito web. 

 

Per il suo lavoro come fondatore e direttore di Echele Cabeza, Julian Quintero (nato a Caldas, 1978) è stato presentato dalla televisione pubblica del suo paese come "la persona che ha educato di più i colombiani sulla droga". Questa descrizione è radicale in uno dei paesi latinoamericani più segnati dalla violenza della droga nella sua storia recente. Tanto più quando, ad esempio, quando è arrivato il suo turno nella Commissione Onu per gli stupefacenti, ha affermato che "le nuove generazioni di cittadini - i più giovani e anche i più anziani - non smetteranno di fare uso di droghe in quanto [fa] parte della nostra esperienza vitale di vivere la vita" e che non capire che la realtà è "andare contro l'evoluzione come civiltà".

Quintero, mano nella mano con Vanessa Morris e un team di volontari in costante crescita, ha reso Échele Cabeza il più avanzato progetto di riduzione dei rischi e dei danni della droga in America Latina in dodici anni. L'unico con totale legalità per analizzare le droghe alle feste e capace, ad esempio, di avere, in una sola notte, squadre che lavorano contemporaneamente nelle città di Bogotá, Cali e Medellín per impedire alle persone di mettere a rischio la propria salute o la propria vita per il consumo sostanze adulterate.

La crescita di Échele Cabeza è palpabile. I suoi locali, attualmente in fase di ristrutturazione per passare da due giorni a quattro, sono il preludio al futuro che Quintero vede come imminente: l'evoluzione dell'organizzazione in una società di logistica per la riduzione dei danni. Un cambiamento ancora più vicino dopo la recente vittoria di Gustavo Petro, il prossimo presidente della Colombia, alleato delle riforme della politica sulle droghe. Pertanto, calcola, Échele Cabeza potrebbe lasciarsi alle spalle il lavoro più incentrato sulla comunità. Ma questo, per ora, sembra difficile. Lo scorso fine settimana al Baum festival, quando hanno annunciato che avrebbero finalmente aperto le porte a più di 18,000 persone dopo 7 ore di coda per problemi logistici, non è bastato essere riusciti ad avere un nuovo stand dove le persone si servissero acqua gratis. Preparò un tavolo, lo coprì di bicchieri, portò con entrambe le mani un barile d'acqua e cominciò a riempirli tutti fino all'orlo. "Ecco, resta idratato", iniziò a distribuire. Quintero non solo "educa" i colombiani alla droga, ma si prende anche - e forse soprattutto - cura di loro.

 

Più volte ti sei riferito al team di Échele Cabeza come ai tuoi figli. Se sono i tuoi figli, allora cosa significano per te tutte quelle persone che vengono a una festa e appena entrano gli offri dei bicchieri d'acqua per mantenersi idratati?

Sono le persone anonime che dovrebbero essere i beneficiari delle politiche pubbliche o di un principio che gli esseri umani dovrebbero avere per vivere in una comunità. È come quei principi dell'etica: fare il bene perché gli altri stiano bene o fare il bene senza guardare chi e senza aspettarsi una ricompensa. È come quell'altro essere umano di cui non so molto, e non voglio nemmeno che sappiano molto di me, ma che, grazie a quello che faccio, migliorerà il proprio benessere e sarà più felice nella vita.

 

Nel tuo ultimo libro, sei descritto come uno che comprende in prima persona le motivazioni di chi cerca il piacere attraverso le sostanze. Quali motivazioni riesci a riconoscere quando le persone vengono ad analizzare le loro sostanze per sballarsi?

Per molti anni abbiamo messo la soddisfazione, il piacere e l'interazione sociale al centro del consumo di droga e dell'obiettivo di sballarsi. La prima volta che abbiamo analizzato le droghe è stato nel 2013, quindi tutte le persone che vengono ora penso abbiano già elaborato durante tutti questi anni che le sostanze possono aiutare ad avere una piacevole esperienza in relazione con l'ambiente, ma questa esperienza, se non sapere come gestirlo, può essere pericoloso. Quindi, tutti quelli che vanno lì per chiedere una raccomandazione, per parlare apertamente di droghe, cercano un livello di fiducia e sicurezza per vivere un'esperienza più piacevole. La festa di questo fine settimana entra nella classifica degli indimenticabili per più della metà dei giovani tra i 18 ei 25 anni che vi hanno partecipato. Ricorderanno quel giorno in cui erano con 4 o 5 amici, con il loro partner, i fratelli, e che erano entusiasti per la musica, le droghe, ma anche perché c'era qualcuno che diceva loro come avrebbero potuto rendere quel momento più appagante. E questo è politico; è fottutamente politico. Sul fronte, senza accorgersene, si vedeva passare il figlio del ministro o l'operaio, il domestico, il contadino, il paramilitare, il guerrigliero. Tutti loro si svegliano di domenica con una pesante sbornia di pillole, e il padre diceva: "guarda, è morta una ragazza", e poi il figlio rispondeva che sono andato ad analizzarlo; hanno analizzato la mia [sostanza], ed eccomi qui, in casa. E che muove le fondamenta della società.

 

Oggi promuovete le riforme della politica sulle droghe; stai scommettendo sulla regolamentazione delle sostanze per creare un mercato formale e analizzi le droghe per scoprire se sono adulterate. Qual è la percezione che hanno di te i narcos?

Finora non mi hanno dichiarato una minaccia. Ovviamente, quel giorno arriverà, e ogni volta che posso, in un'intervista, dico, per favore, fammelo sapere in anticipo perché non mi farò uccidere per questo, e lascerò questo paese. Non sarò un martire, per favore; Io lascerò. Ma penso che, in fondo, le persone assennate ci vedano come controllori del mercato perché la qualità del mercato influisce su un buon affare per loro. Quando abbiamo iniziato ad analizzare le droghe, la percentuale era del 70% di sostanze negative e del 30% positive. Oggi siamo il 15% negativi e l'85% positivi. Molti rivenditori vengono a chiederci di aprire solo per loro. A volte ci fa paura perché apri quella porta ed entrano in tre, e uno è qui armato, uno ha una borsa con venti campioni, e l'altro ha una borsa piena di soldi, e dicono, beh, amico, questo è quello che voglio comincerò a muovermi e ho bisogno di sapere cosa venderò alla gente. Capita. E mi sembra che anche questo commerciante sia molto responsabile.

Julián Quintero dirige il Bogotá District Cannabis Board, un'organizzazione indipendente per incanalare le richieste e le ambizioni dei consumatori di marijuana verso le politiche pubbliche della capitale. (Foto: Fran Brivio)

 

C'è tutto un discorso e una teoria riguardo alle possibilità e ai benefici che porterebbe la regolamentazione delle droghe. Ma quanto è reale pensarci quando vedi il numero di persone dietro il traffico di droga?

Vedo la regolamentazione come lo Stato che entra per competere in un mercato illegale. E lo Stato creerà le condizioni per competere. Può essere lo Stato o qualcuno con le licenze, e forniranno nuovi valori aggiunti. E cioè: venderemo un grammo di cocaina per gli stessi 50mila pesos che sono per strada. Ma vi darò qualità, sicurezza, tranquillità morale e sostegno sanitario. Ti fornirò la possibilità che le tue tasse aiutino questo paese. Sarà un processo di 20, 30 e 40 anni. Quello sarà solo l'inizio. Come in tutte le attività ci sarà una fascia di illegalità, ma spero che tra 20, 30 anni lo scenario di illegalità della cocaina sarà tra il 15% e il 20%, non come oggi, che è del 100%. E dove saranno? Ebbene, Petro l'ha detto: dobbiamo negoziare con i padroni della violenza legata al mercato e negoziare dal punto di vista dell'umanità. I narcos non raggiungono i 50 anni. I pochi ultrasessantenni o perché sono stati in galera, sono clandestini, o hanno visto morire tutti. Dobbiamo vedere come raccontare loro quella storia. Dite loro: democratizziamo il business; non avranno tanto profitto, ma vivranno un po' più a lungo, e saranno un po' più tranquilli perché ce n'è per tutti i gusti. Questo, penso, è il compito ora. Dobbiamo chiamare i padroni della violenza e chiedere loro di tagliare i ponti con la corruzione, con la politica, con le mafie che stritolano e con chi ricicla denaro. In cambio ci sarà libertà, tranquillità e perdono.

 

Si dice spesso che la Colombia sia uno dei paesi più innovativi e progressisti in termini di politiche sulla droga, eppure continua ad essere un paese dove i consumatori sono perseguitati, dove il traffico di droga è ovunque. Allora, qual è il reale impatto sulla vita quotidiana delle politiche pubbliche in materia di droga?

Ho una frase: ti rendi conto che stai avanzando in termini di politiche pubbliche sulle droghe quando arriva la destra e ti riporta indietro. Ciò che rimane in piedi è ciò che hai avanzato. In Colombia, tra il 2010 e il 2018, è arrivata la riduzione del danno, è arrivata la cannabis medicinale, il Centro Mobile di Attenzione per i Tossicodipendenti (Camad), è arrivata la dose di approvvigionamento, è arrivato il trattamento penale differenziato, e poi è arrivato questo figlio di puttana che ha buttato tutto al contrario . Cosa è rimasto in piedi? In Colombia ci sono dosi di approvvigionamento; puoi fumare nei parchi e trasportare. Direi che questo è un progresso in termini politici, ma, ovviamente, non siamo favorevoli a un cambiamento moderato. Un cambiamento moderato è lo stesso. Quello di dire, facciamo un piccolo passo, andiamo piano... Sono già stanco del cambiamento moderato. Quello era Juan Manuel Santos (ex presidente della Colombia), il cambiamento moderato. La cosa più rivoluzionaria che ha fatto è stata alzarsi in piedi alle Nazioni Unite e dire che la riduzione del danno doveva essere fatta. Ohhh, il primo presidente a dire riduzione del danno alle Nazioni Unite! No, dobbiamo dire: dobbiamo legalizzare il pericooo (cocaina)! Questo è ciò che deve essere detto. È semplice. Con chi parleremo? Canada, Svizzera, lo faremo o no? Gli Stati Uniti d'America possono andare a mangiare merda. Faremo affari con te; noi tre potremmo essere ricoperti d'argento.

 

Se avessi qui davanti i presidenti latinoamericani, cosa diresti loro?

Seriamente, seriamente, direi loro: guardate, se mi aiutate a risolvere questo problema che ho della povertà e della violenza nel mio paese facendo affidamento sulla regolamentazione, sarà vantaggioso per tutto il vicinato. E non ho intenzione di dirvi di buttarvi a capofitto, ma se ci aiutate a risolvere questo problema, sicuramente c'è un fottuto livello di pacificazione nel nostro continente, e non solo nella violenza rurale o urbana derivante dalla guerra, ma nel livelli di corruzione negli Stati associati al narcotraffico.

 

Lei ha parlato e partecipato a incontri internazionali sulle politiche sulle droghe, come quelli delle Nazioni Unite. Di cosa si discute lì nelle poltrone, nei bar?

Una cosa che ho imparato a Vienna e New York è che tutti nelle sale sono d'accordo a legalizzare. Tutti dicono che non funziona. Certo, e quando vanno lassù dicono di no, è perché quello sopra e l'altro sopra sono i gringos oi cinesi oi musulmani oi russi. Ma tutti nelle sale sono d'accordo a legalizzare. Ovviamente ho imparato anche che il più lento e pachidermico, ritardatario, sorpassato, tradizionale, burocratico, ladro sono le Nazioni Unite: il peggio che ci possa essere nel sistema della droga nel mondo. È quello che più intralcia, quello che scopa di più, quello che spende di più; è l'ostacolo, stronzo. E paghiamo per tutta quella burocrazia.

 

Qual è il ruolo dell'America Latina in questa discussione?

In America Latina dipende molto dal momento politico di ogni Paese. Ho adorato uno dei giorni in cui ero lì. La Cina, gli Stati Uniti, i musulmani e la Russia hanno affermato che le droghe sono le peggiori e così via. E l'Uruguay, ragazzino, ha detto: bene, legalizzerò, e allora! Proprio così! E chi sei tu? Ho intenzione di legalizzare e cosa! Qualche problema? La Cina, gli Stati Uniti, hanno gridato chiudiamo i confini! È stato monumentale vederlo. E l'anno che seguì, beh, stai zitto: no, stavano controllando, guardando l'impatto. Quindi, dipende molto dal momento politico, ma penso che ci vedano come il continente più innovativo, dall'alto verso il basso. Ci vedono come quelli che stanno spingendo di più le riforme nel mondo. Guardano con grande curiosità alla società civile latinoamericana. Ci rispettano molto. Siamo tra i più potenti. Le grandi ONG europee lavorano qui per un motivo. È qui che stanno succedendo le cose. E bene, organizzo le feste migliori.

Quintero, sulla facciata della sede fissa di Échele Cabeza, uno spazio dove, una volta alla settimana, le persone possono andare ad analizzare le proprie droghe. (Foto: Fran Brivio)

 

Cosa pensi che l'America Latina abbia da insegnare alle politiche sulla droga del mondo?

La dignità. La prima mano. Pragmatismo. Non so se questo sia un bene o un male, ma abbiamo dovuto soffrire molto come continente. Povertà, corruzione, golpe, droga, narcotrafficanti e nonostante ciò siamo felici. La capacità di riprendersi, di fermarsi, di innovare, di volerlo. In parte, vogliamo anche essere a metà strada e credere di appartenere al primo mondo e darci alcuni dibattiti del primo mondo e proporre cose al primo mondo quando il primo mondo dice, ehi, calmati ora, ora, non sei nemmeno 2% dell'economia di questo mondo, quindi sh! Penso che la belligeranza. Amico, mi piace che ci siano guerriglieri in questo continente; sembra che questa sia ancora una dimostrazione di quei sentimenti primari che non sono stati addomesticati dalla cortesia internazionale della diplomazia, quello di tacere e dire che un giorno tutto andrà meglio. Non c'è modo!

 

E viceversa, cosa pensi che l'America Latina non abbia capito delle politiche sulle droghe di altri luoghi?

I soldi. Non abbiamo capito che si tratta di un business. Qui continuiamo a pensare a Pablo Escobar, che ha piazzato bombe e, oh mio Dio. Non abbiamo capito cosa sia IL business. Abbiamo tutto il diritto di essere traumatizzati dal narcotraffico, non lo nego, ma quella macchia e quel trauma non ci hanno permesso di vedere le opportunità di business.

 

Ci hai scritto Rivista Cañamo che il regolamento dovrà affrontare tutto questo discorso oliato da 60 anni negli Stati Uniti sul proibizionismo, ma che il lavoro dei quartieri, del mondo accademico, della società civile ha già promosso una fase di inevitabile cambiamento. Il lavoro della società civile latinoamericana può davvero confrontarsi con le politiche statunitensi che sono state stabilite nella regione per tutti questi decenni?

Penso che tu debba provare. Vediamo già il risultato... Sarò un po' umile, ma farà molto male ai gringos, proprio come ha fatto male agli inglesi il fatto che abbiamo iniziato legalmente a fare test antidroga prima di loro. E non lo diranno, perché è la Colombia, è il terzo mondo, orribile, come puoi pensarlo. Gli inglesi hanno iniziato cinque anni fa e hanno mille volte più soldi di noi, e non c'è riconoscimento e impatto. Qualcuno mi ha chiesto l'altro giorno quanti bot avevamo per i nostri account sui social media e quanto abbiamo pagato per la pubblicità. Paga? Questo è stato uno contro uno. E che non lo riconosceranno. Saremo noi a dire dov'è la via, fratello. Tra qualche anno avremo firmato un progetto per la regolamentazione della cocaina. E che figlio di puttana faremo? Sinistro! Ma bisogna farlo. E lo faremo.

 

Lei ha detto che ci sarà un conflitto molto selvaggio quando i politici corrotti, la polizia ei trafficanti di droga si renderanno conto che i loro affari stanno per finire. E che quando arriverà il giorno uccideranno te e tutti quelli che la pensano allo stesso modo. Se non vuoi essere un martire, quale sarebbe la soluzione di questa storia per te?

Spero di scoprirlo prima che accada a scappare. È l'unica opzione che ho. Probabilmente starò zitto per un po', ma sì, il giorno in cui lo scopriranno, si incazzeranno. Ma di queste persone che hanno presentato il disegno di legge sulla cocaina, nessuno di loro è stato minacciato. Se non hanno detto niente a questi ragazzi che stanno presentando un disegno di legge -che è davvero una cosa da far tremare gli spacciatori-, sarà che anche gli spacciatori sono un po' stanchi. Oppure hanno un tale livello di controllo sul business che sanno che non sarà reale. Nessun fratello. Vorrei poterlo scoprire prima che succeda qualcosa. Che fastidio. Ho il terrore delle armi. Ma questo è ciò a cui sei esposto in questo paese e ovunque.

*Raúl Lescano Méndez è l'editore e cofondatore di Proyecto Soma, un gruppo di riduzione del danno con sede in Perù. Puoi trovare il loro lavoro qui, E Instagram, Facebook e Twitter

Articoli precedenti
La cecità selettiva del governo brasiliano nei confronti delle prove sulla cannabis
pagina successiva
Le sale di consumo di droga finlandesi ottengono sostegno popolare e politico

Contenuti correlati