1. Casa
  2. Articoli
  3. Svapo giovanile: uno sguardo più da vicino ai danni, alla ricerca e alla politica

Svapo giovanile: uno sguardo più da vicino ai danni, alla ricerca e alla politica

C'è una sensazione inquietante con lo svapo che risale a un'epoca vintage di grandi tabacchi quando il marketing non era regolamentato, non contestato e sostenuto dalla pseudo-scienza. Robert Jackler, un ricercatore pubblicitario presso la Stanford University ha dichiarato: "Le sigarette elettroniche ignorano assolutamente tutto ciò che è stato concordato sulle sigarette combustibili". Nel corso degli anni, la regolamentazione del tabacco è diventata sempre di più restrittivo: cancellando ambasciatori del marchio amichevoli come Camel Joe, vietando la pubblicità del tabacco e recentemente, in 2007 divieto di fumare nei pub del Regno Unito.

Ma sembra che lo svapo abbia ripreso da dove il tabacco si era interrotto mirata marketing, travisamento testualie pubblicità ingannevole, cose che il tabacco era proibito fare molto tempo fa. Alcuni vaporizzatori sono disponibili in confezioni eleganti e colorate, con sapori fruttati come "limonata razz blu" e "zucchero filato". C'è un vero senso del marketing visto quando si tratta di sigarette elettroniche, che potrebbero consentire di introdurre nuovi costi sotto il radar. Ma in che modo lo svapo è diventato la nuova sigaretta sul blocco?

Quelli che stanno cambiando e quelli che lo stanno raccogliendo per la prima volta

I benefici per la salute dello svapo nella riduzione del consumo di tabacco non dovrebbero essere screditati; è uno strumento utile per smettere di fumare e ridurre i danni correlati al fumo. Tuttavia, l'etica del marketing per i giovani che stanno sempre più svapando richiede un ulteriore controllo, in particolare per affrontare le "percezioni imprecise" commercializzate dei suoi potenziali danni.

 

L'ascesa dello svapo nel Regno Unito

Dal 2012, l'uso dello svapo è aumentato in modo significativo. Secondo Action On Smoking Health (CENERE) statistiche, l'1.7% degli adulti erano vapers nel 2012. Entro il 2017, è balzato al 5.8% e, entro il 2022, all'8.3% della popolazione, che rappresenta 4.3 milioni di persone. Come previsto, circa il 57% degli attuali vapers sono ex fumatori e il 35% sono attuali consumatori di tabacco (considerati doppi consumatori). Sebbene sia ancora basso e rappresenti 350,000 vapers, il numero di utenti di sigarette elettroniche che non hanno mai fumato è passato dal 4.9% nel 2021 all'8.1% nel 2022.

Fonte

 

Uso dello svapo tra gli adolescenti

Secondo un sondaggio di NHS Digital, il 9% dei giovani di età compresa tra gli 11 e i 15 anni utilizza vaporizzatori occasionalmente o regolarmente e, tra i quindicenni, il 15% era un attuale utilizzatore di sigarette elettroniche. La percentuale di giovani tra gli 18 e i 11 anni che erano consumatori duali (usando sia tabacco che sigarette elettroniche) è più che raddoppiata, passando dal 15% nel 29 al 2018% nel 61. Inoltre, CENEREIl sondaggio di ha mostrato che lo svapo tra le persone di età compresa tra 11 e 17 anni è passato dal 3.3% nel 2020 al 7% nel 2022.

Data la mancanza di studi sugli effetti sulla salute a lungo termine dell'uso dello svapo, lo è difficile per determinare l'impatto futuro del crescente numero di giovani vapers. Un recente studio ha rilevato che i giovani consumatori di sigarette elettroniche avevano una probabilità tre volte maggiore di passare al fumo di sigaretta rispetto ai non utilizzatori.

Cosa sta attirando i giovani verso lo svapo?

 

Ricerca suggerisce che le generazioni più anziane usano le sigarette elettroniche in modo diverso rispetto alle generazioni più giovani. Per molti adulti, è un metodo per smettere di fumare. Tra le giovani generazioni, tuttavia, le sigarette elettroniche sono un piacere "ritrovato": "Mi piacciono i sapori" e "Mi piace l'esperienza" sono stati i motivi comuni per cui i giovani hanno iniziato a svapare.

Le generazioni più giovani costituiscono anche il 57% di tutti gli utilizzatori di vaporizzatori aromatizzati alla frutta. Le sigarette elettroniche fanno appello alle giovani generazioni con iper appetibile saporicolori , infantilizzati o di tendenza con fumi di vapore 'freddi'.

Le aziende affermano che le loro tattiche di marketing non prendono di mira i bambini, ma le prove suggeriscono il contrario. In America, Juul (in cui i produttori di Marlboro detengono una quota del 35%) ha recentemente pagato a $1.7 miliardi causa per risolvere un'indagine passata che sosteneva che le sue sigarette elettroniche creassero più dipendenza di quanto pubblicizzato e un'ulteriore $438 milioni dopo essere stato scoperto che aveva preso di mira i giovani con sapori fruttati, utilizzato giovani modelle nelle pubblicità e travisato i livelli di nicotina del loro prodotto.

A 2021 ricerca sul cancro nel Regno Unito (CRUK) ha pubblicato un rapporto che evidenzia le somiglianze tra il marketing dello svapo nel Regno Unito e il caso di Juul. Il rapporto ha mostrato che i giovani sono esposti a una pubblicità di sigarette elettroniche molto più elevata rispetto agli anziani, con un terzo che crede che si rivolga a persone che non fumano. CRUK non è stato in grado di determinare se le persone avessero meno di 25 anni nel 34% degli annunci e il 90% degli annunci non presentava messaggi per smettere di fumare o presentava sigarette elettroniche come alternativa al tabacco. Secondo il Advertising Standards Authority (ASA), il marketing delle sigarette elettroniche non deve incoraggiare i non fumatori o i consumatori di non nicotina a utilizzare le sigarette elettroniche, rendendo poco chiaro quale sia lo scopo del branding dei vaporizzatori con colori vivaci e sapori fruttati.

 

La proprietà delle aziende di svapo è distribuita tra le grandi aziende del tabacco. Fonte

 

Il futuro della politica dello svapo

Ci sono molti esempi di regolamentazione del tabacco che la regolamentazione delle sigarette elettroniche potrebbe rispecchiare. Nel maggio 2020, il Regno Unito governo mentolo vietato, sigarette "magre" e cliccabili. CENERE ha dichiarato il divieto era necessario in quanto questi erano preferiti dai fumatori più nuovi e più giovani. Allora perché non limitare il numero di gusti di sigaretta elettronica, visto che lo è? comprovata ridurre il consumo di sigarette? UN sondaggio dal Journal of Studies on Alcohol and Drugs ha mostrato che il 38% degli utenti di sigarette elettroniche ha affermato che avrebbe smesso di svapare se si fosse limitato ai sapori di tabacco o mentolo, salendo al 70% se il tabacco fosse l'unico sapore disponibile. Questo potrebbe essere un passo nella giusta direzione per la regolamentazione dello svapo, aiutando a semplificarne l'uso nei confronti delle persone che cercano di smettere di fumare invece di acquisire utenti che non hanno mai fumato.

La politica futura potrebbe anche considerare come imballaggio e colori svolgere un ruolo nell'attrarre i giovani allo svapo. Sigaretta semplice imballaggio è stato introdotto nel Regno Unito nel 2016 dopo il suo successo iniziale in Australia, quindi perché non introdurre imballaggi semplici simili alle sigarette elettroniche? Ricerca e le esperienze passate suggeriscono che potrebbe avere impatti simili sulla prevalenza dello svapo. Dopotutto, la maggior parte dei giovani ha dichiarato motivi estetici per lo svapo e molti sanno già di essere presi di mira nel marketing dello svapo. L'applicazione dei controlli sul tabacco esistenti a questo nuovo prodotto sarebbe un approccio diretto e basato su prove per ridurre al minimo i danni da svapo.

Sebbene la politica sulle sigarette elettroniche sia ancora relativamente nuova, non ho dubbi che verranno fatte le scelte giuste in merito alla regolamentazione. Molte delle questioni fondamentali relative alle sigarette elettroniche sono evidenziate nel rapporto CRUK e nell'indagine multistatale su Juul. Molti sostengono che lo svapo venga erroneamente descritto come il prossimo "Big Tobacco", invece di credere che abbia un potenziale significativo per aiutare le persone a passare dai prodotti del tabacco combustibile. Sono pienamente d'accordo sul fatto che sia un ottimo modo per aiutare a frenare la prevalenza del fumo, sia per smettere (se lo si desidera) sia per passare a un'alternativa più sana. Ma quando il 90% degli annunci di sigarette elettroniche non presenta nulla sulla cessazione del tabacco e presenta una gamma di sapori infantilizzati, mi chiedo se queste aziende di sigarette elettroniche stiano cercando di aiutare le persone a smettere di fumare o se lo siano cercando di riportare una nuova generazione di vapers e profitti associati?

Articoli precedenti
Profitti sui pazienti: il Brasile mostra come non regolamentare la cannabis terapeutica
pagina successiva
Non Molti Vedono Oltre La Tua Etichetta "Droga"

Contenuti correlati