1. Casa
  2. Articoli
  3. Intersezione politica sulla droga e abolizione: una conversazione

Intersezione politica sulla droga e abolizione: una conversazione

La guerra alla droga ha fallito nel suo obiettivo dichiarato di ridurre l'uso e la vendita di droghe e ha invece provocato una scia devastante di traumi, dolore e sofferenza, per le famiglie e le comunità, con le comunità di colore che affrontano l'impatto più duro.

A livello globale, i neri e gli indigeni sono presi di mira in modo sproporzionato dalle forze dell'ordine sulla droga e subiscono discriminazioni in tutto il sistema di giustizia penale.

La guerra alla droga ha fornito l'architettura, in molti modi, all'interno della quale possono operare leggi, politiche e pratiche razziste e colonialiste. Il nostro lavoro per decolonizzare la politica sulle droghe cerca di aumentare la consapevolezza del razzismo e del colonialismo alla base del controllo internazionale della droga e del suo impatto sulla salute e sui diritti umani degli individui e delle comunità, al fine di iniziare a smantellare queste politiche distruttive.

Questa conversazione tra Imani Mason Jordan, Gracie Bradley e Shanice McBean è avvenuta via Zoom mercoledì 8th settembre 2021, nell'ambito di "Decolonizzare la politica sulla droga: la polizia britannica, la guerra alla droga e gli impatti quotidiani del colonialismo," co-ospitato da Release and Harm Reduction International.

Imani Mason Giordano è uno scrittore, artista, editore e facilitatore interdisciplinare.

Gracie Bradley è un attivista, attivista e scrittore e anche l'ex direttore di Libertà.

Shanice McBean è un organizzatore antirazzista che ha svolto un lavoro meraviglioso con Sorelle non tagliate, #Uccidi il contoe Orologio poliziotto.


 

Imani Mason Giordano

La domanda guida per la nostra conversazione di oggi è: cosa può insegnarci una comprensione più profonda del colonialismo britannico sulla polizia contemporanea e sul proibizionismo della droga, e come possiamo usare queste lezioni per migliorare il nostro lavoro organizzativo oggi?

Come ho discusso nel mio lavoro e nei miei scritti, la guerra alla droga è guidata da logiche carcerarie e coloniali attraverso il continuum di polizia, prigione, detenzione, confini, sorveglianza... Sono stato particolarmente interessato a ciò che è reso visibile attraverso l'inquadratura della Guerra alla Droga come forma di violenza di Stato, e dei modi specifici in cui la politica sulle droghe viene utilizzata come strumento di controllo razziale e sociale nel Regno Unito e altrove.

Ho chiesto a Gracie e Shanice di unirsi a questa conversazione perché so che sono impegnati a lavorare all'interno di quadri anti-carcerali, anticoloniali e anticapitalisti verso l'orizzonte dell'abolizione. E voglio davvero portare questa conversazione più profondamente nel regno della politica sulla droga e della riforma della politica sulla droga.

Gracie Bradley

Cosa ci manca quando non comprendiamo l'eredità coloniale della polizia? In che modo la comprensione di queste eredità può migliorare il nostro lavoro organizzativo? Ci ho pensato un po' e ho pensato che sarebbe stato davvero utile parlare della formazione della polizia in Gran Bretagna.

C'è una visione in buona fede che la polizia, le carceri e la criminalizzazione riguardino la protezione pubblica, il tenerci tutti al sicuro dai pericoli. Alcuni di noi sanno dalle nostre interazioni con la polizia che quella visione è una finzione. Direi che è qualcosa che è radicalmente sottovalutato e spesso intenzionalmente ignorato dalle persone negli spazi politici che si occupano di punizioni penali. Ovviamente, sono stato direttore di Liberty per un po', ho avuto alcune interazioni interessanti con funzionari pubblici, e c'era un alto funzionario del Ministero degli Interni che una volta mi ha chiesto: "Perché le nazioni occidentali hanno così tante difficoltà con la polizia e i loro minoranze etniche?". Allora non avevo il tempo o il mandato istituzionale per rispondere per lui, ma mi ha colpito quanto siano diverse le nostre conversazioni e la nostra comprensione del presente quando vediamo come le eredità coloniali continuano a riverberarsi.

La polizia si è sempre occupata di proteggere la ricchezza nel contesto del capitalismo razziale. Si è sempre occupata della sorveglianza e della disciplina delle popolazioni sospette. E quelle tecniche di disciplina sono state spesso sviluppate nelle colonie britanniche d'oltremare, perfezionate e ridistribuite sulla terraferma britannica, spesso contro i discendenti di persone colonizzate, molto spesso negli spazi dei centri urbani che potresti aver sentito soprannominare "colonie interne".

Se comprendiamo le origini della polizia britannica, capiamo a cosa serve la polizia: la sorveglianza e la disciplina delle popolazioni sospette al servizio del capitale e dello stato. Non è qualcosa che è stato creato per tenerci al sicuro. E quando dico noi, penso a "noi" nel suo senso più ampio. Penso che Teju Cole, che è scrittore e fotografo, ha detto che la cosa migliore: "Rifiuto la povertà di un 'noi' strettamente definito". Se rifiutiamo quel "noi definito in modo ristretto" e lo definiamo come qualcosa di diverso dalla semplice classe dirigente, lo definiamo come persone della classe operaia, persone razzializzate, persone disabili, persone che fanno uso di droghe, persone di genere minoritario e identità sessuali. È a quel punto che quella magica corrispondenza tra la polizia e il tenerci al sicuro dai pericoli, scompare. Non è mai stata questa l'intenzione.

Se comprendiamo la sua eredità coloniale, possiamo smettere di lamentarci di un'istituzione distrutta e considerarla come un'istituzione che funziona come avrebbe dovuto, e possiamo smettere di versare risorse in quell'istituzione nella speranza di riformarla, perché non è mai stata concepita essere migliore di questo.

Invece, possiamo spendere il nostro tempo, la nostra energia e le nostre risorse cercando genuinamente di rispondere ai problemi sociali e alle loro cause. E suppongo che l'ultima cosa che volevo portare nel mio contributo qui sia solo qualcosa che Mariame Kaba ci dice, ovvero che non tutto il danno è criminalizzato e non tutto ciò che è criminalizzato è dannoso. Se non comprendiamo la storia coloniale della polizia e della punizione criminale, non possiamo apprezzare adeguatamente il divario tra danno e criminalità. Non riusciamo davvero a capire come la nozione di criminalità sia stata sviluppata e utilizzata nel tempo dallo stato per servire determinati interessi.

I gruppi di campagna tendono davvero a spendere molte energie affermando che certe persone non sono criminali. Lo sentiamo continuamente: "i richiedenti asilo non sono criminali", "i manifestanti non sono criminali", "la protesta non è un crimine" e così via. Ciò che fa tutto ciò è reificare e legittimare la categoria del criminale. Dice che c'è davvero un criminale da qualche parte, solo che non siamo noi qui. E penso che per molte ragioni questo ci porti a un vicolo cieco, sai. Audre Lorde detto: "non viviamo vite monotematiche", e penso che, se sei una persona che lavora perché vuoi proteggere i diritti delle persone che fanno uso di droghe, devi apprezzarlo e saprai che l'uso di droghe non è tutto ciò che è la vita di qualcuno. Saranno esposti alla violenza su più assi diversi della loro vita. Non esistiamo in silos.

Shanice McBean

Penso che sia importante parlare specificamente della politica sulle droghe, perché la politica viene applicata e il modo in cui la politica viene applicata è importante. Ciò solleva la questione di chi è applicato contro? E la polizia è il mezzo chiave in cui viene applicata la politica sulla droga. Non sono più l'unico modo in cui viene applicata la politica sulla droga, con la politica antiterrorismo e ogni sorta di altri modi in cui lo stato entra nelle nostre vite, l'applicazione da parte di istituzioni oltre alla polizia, scuole, ospedali, uffici di indennità, ecc. Ma la polizia sono unici tra i servizi pubblici perché hanno molti strumenti per farlo rispettare: raccolta di informazioni, sorveglianza, arresto, detenzione e in particolare fermo e perquisizione. E fermare e cercare è stata una strategia piuttosto controversa a causa della sua sproporzione nelle comunità nere.

Ma stop and search è anche controverso perché in realtà non funziona, e poiché non funziona, dobbiamo chiederci bene, perché lo usano? Perché lo ha detto il governo. Nel 2016 c'è stato uno studio davvero interessante sui fermi e le perquisizioni attraverso l'uso della Sezione 60, in cui la polizia può fermare e perquisire le persone senza sospettare che sia in corso un crimine. Possono fermarti per qualsiasi motivo. Ovviamente i neri sono stati fermati in modo sproporzionato. Usano la Sezione 60 in tutta Londra per tre anni, prima delle rivolte del 2011. Quindi, dal 2008 al 2011, la polizia ha dispiegato la Sezione 60 in tutta Londra giorno e notte, fermando le persone senza sosta. E del governo proprio rapporto 2016 su questo periodo ha affermato che non vi è stato alcun impatto significativo dell'aumento dei fermi e delle perquisizioni sulla criminalità. E in effetti, la cosa che ha influenzato maggiormente i tassi di criminalità è stato il tempo. C'era più criminalità d'estate che d'inverno. Quindi, questo solleva la domanda, perché la polizia è dotata di questi strumenti? E perché sembrano usarli specificamente contro la comunità nera?

C'è un recente rapporto che è stato scritto dalla Drug and Policy Commission del Regno Unito e la loro ricerca suggerisce che in particolare l'uso di droghe di classe A è utilizzato in modo sproporzionato tra le popolazioni bianche rispetto alla popolazione nera. I termini di Classe A, Classe B Classe C, la razionalizzazione alla base di questo è che riguarda il danno. Abbiamo queste classificazioni perché la Classe A è il tipo di sostanza più pericoloso, la Classe B è nel mezzo, la Classe C è meno pericolosa di B e A. Se questo è vero, allora dalla stessa razionalizzazione dello stato, ti aspetteresti che la polizia sia più mirata nella comunità bianca. E anche di recente è stato fatto un rapporto dal Guardiano suggerendo che la cocaina è stata trovata in tutto il Parlamento, ma la polizia non c'è; non esiste una linea lineare tra la polizia e l'effettivo uso di droghe nella società.

Penso che sia davvero importante pensare alla polizia e alla polizia come al controllo sociale e non alla riduzione del danno e il modo in cui queste mescolanze funzioneranno è davvero importante. Cédric Robinson detto che la razza diventa in gran parte la razionalizzazione del dominio, dello sfruttamento e dello sterminio di persone specificamente non europee; non europei perché era in questi luoghi che avevamo le nostre colonie da cui prendevamo manodopera per la schiavitù. E puoi vedere come funziona oggi, anche se non abbiamo più colonie al di fuori della nazione; abbiamo ancora colonie all'interno della nazione. Puoi vedere come questo si svolge con domande come il crimine di coltello, ad esempio, che non è correlato alla razza, ma a problemi sociali, politici ed economici risolvibili. Salute mentale, violenza domestica in famiglia, istruzione e mancanza di opportunità educative, mancanza di opportunità di lavoro e povertà. Eppure questa idea di uso dilagante di droga, spaccio di droga dilagante, mancanza di moralità dilagante nelle famiglie nere viene rinvigorita come stereotipo razziale per spostare la responsabilità della violenza dallo stato e problemi sociali risolvibili alle famiglie nere. Quindi è in questo modo che la stessa politica sulle droghe diventa uno strumento in cui imporre il controllo sociale attraverso la razza.

Spesso abbiamo questa idea che, come progressisti, dobbiamo far crescere lo stato. Le nostre lotte per l'uguaglianza razziale, per l'uguaglianza di genere, l'uguaglianza sessuale, dovrebbero portare a lasciare il segno nello stato attraverso la legislazione, abbiamo bisogno di più legislazione per proteggerci. Ma in realtà, voglio sostenere che la legge e la politica sono uno strumento di dominio di cui parlava Cedric in sé e per sé. E in realtà, dovremmo cercare di sbarazzarci di queste cose per restringere lo stato, per restringere l'uso della legge e della politica da parte dello stato come strumento di dominio. E questo significa costruire una società che dia priorità alle persone e non al potere.

 

Imani Mason Giordano

Voglio porre una domanda un po' stimolante a entrambi, solo per pensare a come traduciamo quella teoria e quella conoscenza in azione oggi. Molte persone che ascoltano saranno interessate a riformare la politica sulle droghe, non necessariamente a riformare la polizia. Entrambi avete una comprensione così dettagliata della politica statale, quindi come possiamo usarla per fare esattamente quello che state dicendo? Pensare a un modo per ridurre il potere che lo stato ha su di noi, piuttosto che aggiungere ancora e ancora, più strati di legislazione, burocrazia o dominio quando si tratta specificamente di politica sulla droga e nel nostro rapporto con lo stato. Quindi questa è una domanda che ho.

E poi anche uno che mi è stato chiesto prima, ho trovato molto difficile rispondere. Riguarda questo concetto di arretramento o restringimento dello stato e riflette sul modo in cui noi, come persone investite in una sorta di abolizione interessata a ridurre il ruolo dello stato nelle nostre vite. Dobbiamo anche essere consapevoli dei principi o delle strategie organizzative di estrema destra che si basano anche sul rovesciamento dello stato. Proprio questa settimana, Boris Johnson ha parlato della riduzione dello stato. Mi chiedo se hai qualche idea in merito, qualcuno di voi?

Shanice McBean

Sarò felice di saltare alla seconda domanda, perché ci ho pensato parecchio, ed è una questione piuttosto ideologica. Quindi, una delle narrazioni della destra, è questa idea di restringere lo stato perché allora lo stato avrebbe meno controllo sulle nostre vite e potremmo quindi essere liberi di perseguire le logiche del capitalismo del libero mercato. Possiamo uscire e sai, gestire attività e essenzialmente fare ciò che ci piace. E l'idea è che la regolamentazione sia un ostacolo a quella libertà individuale. E una delle ironie di questo è che Thatcher è stato uno dei grandi espansori dello stato, lo stato si è enormemente espanso dai tempi della Thatcher e sotto ogni governo, inclusi Tony Blair, Gordon Brown e persino Boris Johnson, come le 452 nuove leggi introdotte intorno COVID sotto di lui.

Questa idea che il conservatorismo riguardi il restringimento dello stato è ideologica perché quello che stanno facendo è rafforzare lo stato per rendere più difficile per noi come gente comune navigare in esso. Ad esempio, durante i blocchi COVID, attraverso i dilaganti arresti, perquisizioni e multe sotto COVID, c'era l'idea che la polizia non capisse del tutto la nuova legislazione, ecco perché hanno commesso tutti questi errori ed errori. Allo stesso modo anche con la legge sull'immigrazione, ci sono così tante leggi e nuove leggi sulla cittadinanza e l'immigrazione, che può essere difficile anche per le persone che lavorano in questi campi capire qual è la superficie del terreno. E questo è davvero intenzionale. Ha lo scopo di oscurare il potere.

E quindi penso di sì, c'è bisogno di riconcettualizzare il ruolo dello stato per le persone che vogliono un futuro più liberato e uscire da questo binario di più stato contro meno stato, e chiedersi effettivamente quale sia la funzione del potere statale o delle sue risorse . Nel mio mondo ideale, non mi preoccupo tanto di quanto vengo tassato, ma mi preoccupo di quanto potere hanno le istituzioni sulla vita delle persone, e immagino che questa sia la differenza tra una sinistra e una destra, se vuoi usare quel file binario.

Gracie Bradley

Sono stato attratto dalla tua seconda domanda. Voglio dire, ovviamente, essendo stato direttore di Liberty durante una pandemia, questa è la linea su cui ho dovuto tenere gli occhi così da vicino per molto tempo perché ci sono stati enormi eccessi nel potere statale. Questo è un punto nerd della filosofia politica molto leggera, ma non è che i conservatori vogliano uno stato minimo, ma voglio dire, amano roberto nozick, Giusto? Quindi, in realtà, riguardano lo stato minimo. Fondamentalmente sono come se lo stato potesse semplicemente imporre minacce alla libertà, alla vita, al contratto, alla proprietà... è molto diverso dalle critiche più progressiste al potere statale durante la pandemia che cerchiamo di avanzare. Sono contenti dell'ambiente ostile, ma semplicemente non vogliono l'applicazione del COVID, giusto? Perché si tratta di chi deve essere protetto e chi no. Riguarda chi è considerato un soggetto legittimo e chi no.

Devo dire che penso di essere ancora molto ambivalente sullo stato in generale, sai, Luke de Noronha e io abbiamo lavorato su Contro i confini: il caso dell'abolizione e non siamo mai veramente arrivati ​​a quella fine di quella domanda in tutto il libro. Voglio dire, lo stato-nazione dovrebbe sparire, certo. Ma come organizziamo la cura gli uni degli altri? E soprattutto quando quella cura potrebbe essere, sai, davvero per altri molto distanti, giusto? Non limitato solo a quelli vicino a noi su questa piccola isola. Penso che sia una domanda davvero impegnativa. Immagino che il punto sia che l'abolizione riguardi il rendere obsolete certe pratiche e certe pratiche statali. Penso che la cosa davvero importante sia che dovremmo trovare nuovi modi di relazionarci gli uni con gli altri e nuovi modi di prenderci cura l'uno dell'altro.

Imani Mason Giordano

Quello che ho sentito in entrambe le tue risposte è che c'è qualcosa intorno a questa ideologia neoliberista di "restringimento dello stato" che si preoccupa delle libertà individuali, contro una comprensione collettiva del popolo contro lo stato. Quindi non voglio che lo stato mi faccia qualcosa che non è quello che voglio, ma voglio che fornisca un particolare tipo di "sicurezza" per me come individuo. La sicurezza è davvero come un sostituto della capacità di armare lo stato contro persone specifiche o contro qualcosa che mi provoca ovunque da un lieve disagio a un danno reale. È l'idea che lo stato lavori per i miei interessi individuali.

 

Domanda: Negli ultimi anni, diverse forze di polizia in Gran Bretagna hanno iniziato a cooptare il linguaggio della riduzione del danno per sostenere programmi di diversione, trasportare naloxone o essere coinvolti nel controllo della droga. C'è un ruolo per la polizia nella riduzione del danno?

Imani Mason Giordano

Solo per avvertire che in molti luoghi in cui attualmente è in corso un lavoro di riduzione del danno davvero importante, sono gli attori della polizia che in realtà sono molto più disposti a essere coinvolti in questo cambiamento nelle pratiche piuttosto che cambiare la legge, ad esempio. È molto più facile per i difensori convincere una forza di polizia a cambiare le loro tattiche, piuttosto che far cambiare una legge. E quindi c'è stata questa relazione davvero difficile tra gli organizzatori della riduzione del danno e le forze di polizia locali, perché per certi versi sono stati gli unici attori statali che hanno davvero voluto coinvolgersi nella conversazione e nella pratica del cambiamento. Certo, sono molto sospettoso di questo.

Shanice McBean

Non voglio essere scherzoso, ma c'è un ruolo per la polizia nella riduzione del danno, e questo li rende obsoleti. Chiunque è autorizzato dalla legge a usare Naloxone se è per salvare una vita. Penso che questo fatto indichi qualcosa di veramente importante sull'obsolescenza già esistente della polizia, ovvero che potremmo fare un lavoro molto migliore per i loro obiettivi dichiarati.

Quindi, per farti un esempio, la prima persona che spesso sente o osserva gli abusi domestici in atto è un vicino di casa. Come sarebbe se vivessimo in una società in cui i vicini adottassero un approccio di cura, fossero formati, supportati e disponessero delle risorse per poter sostenere le persone nella loro comunità locale che stanno subendo violenze di qualche tipo? La prima persona che vede qualcuno crollare per arresto cardiaco per strada è un cittadino, non un paramedico che arriva puntuale. Allora, che aspetto ha dare potere alle comunità, dare loro le risorse necessarie per proteggersi a vicenda dai pericoli? Dovrebbe essere il caso che tutti abbiano il naloxone, quindi quando camminano per strada, se ogni volta incontrano qualcuno che sta avendo un'overdose di oppiacei, possono somministrarlo. Queste non sono cose per le quali dobbiamo fare affidamento sulla polizia.

Quando guardi effettivamente alle radici del danno, hanno cause sociali, politiche ed economiche che potremmo affrontare in modo diverso nella società. E chi è ogni volta che proviamo a cambiare il mondo, chi ce lo impedisce? Sono i poliziotti. Lo sciopero dei minatori, le rivolte nelle comunità nere, le rivolte nelle colonie, le proteste Black Lives Matter, le proteste contro l'austerità, le proteste studentesche. Chi ci sta impedendo di inaugurare una nuova realtà, dove potremmo effettivamente impedire che questi danni si verifichino? Sono sempre i poliziotti. Quindi, per essere sinceri, la cosa migliore che potrebbero fare per ridurre i danni nelle società è rendersi obsoleti.

Gracie Bradley

Una delle cose che non abbiamo toccato è proprio questo concetto di riforme non riformiste.

Penso che sia davvero importante chiarire che l'abolizione è molto più che riforme non riformiste. Non è riducibile a riforme non riformiste, ma ci sono riforme e altri cambiamenti che possiamo perseguire qui e ora che ci avvicineranno a quel mondo che vogliamo vedere, o che almeno non ci renderà più difficile arrivarci, rispetto a quelle riforme che ci promettono una sorta di cambiamento che in realtà rafforzerà e consoliderà in qualche modo il sistema di cui vogliamo sbarazzarci.

Penso che la questione delle risorse sia davvero fondamentale e, ed è in parte per questo che la polizia vuole un ruolo nella riduzione del danno, giusto? Perché spesso significa più risorse per la polizia. Quindi, un modo davvero fondamentale per pensare se una riforma sarà utile o meno è solo pensare, a chi andranno i soldi? Chi riceve le risorse? Alle persone più colpite da queste pratiche statali? Sta andando alle organizzazioni? Pensare a dove stanno andando le risorse è molto importante. È anche importante pensare se sta aggiungendo più strumenti e tattiche all'arsenale della polizia. Quale penso farebbe meno male, aprirebbe la strada a quel mondo diverso?

Imani Mason Giordano

Grazie mille. La riforma della politica sulla droga ha in realtà una lunga storia di sostegno alla ridistribuzione dei fondi dalla criminalizzazione alla salute pubblica. Ma è abbastanza facile guardare alle richieste di ridistribuzione delle risorse e alla rimozione della polizia dalle leggi sul possesso di droga e chiamarlo definanziamento della polizia. La notorietà o la presunta radicalità di ciò è in qualche modo scomoda negli spazi politici, ma questa ridistribuzione o riallocazione dei fondi lontano dalla criminalizzazione include cose come l'esplorazione della depenalizzazione de facto invece degli schemi di diversione della polizia.

Articoli precedenti
Commissioning Cracks: i costi del defunding del trattamento assistito dall'eroina
pagina successiva
Sulla deviazione (di polizia): contro la carcerazione e il proibizionismo sulla strada dell'abolizione

Contenuti correlati