1. Casa
  2. Articoli
  3. Scappatoia legale che consente la vendita di cannabis a basso contenuto di THC in Svizzera

Scappatoia legale che consente la vendita di cannabis a basso contenuto di THC in Svizzera

Una forma legale di cannabis, C-Pure, viene acquistata, venduta e consumata in Svizzera a causa di un'involontaria scappatoia legislativa, che mette in discussione la capacità e lo scopo più ampi del controllo della cannabis.

C-Pure è legale secondo la legge svizzera in quanto contiene meno dell'XNUMX% di THC (tetraidrocannabinolo), il principale costituente psicoattivo della cannabis. Dario Tobler, direttore di Bio Can AGOrganic – l'azienda che ha creato C-Pure – dice che il prodotto “non ha effetto inebriante” a causa del suo basso contenuto di THC.

La scappatoia legale che consente la vendita di C-Pure si è verificata nel 2011 quando il Legge svizzera sugli stupefacenti è stato modificato; la legislazione ha creato un'esenzione dal divieto per la cannabis con un livello medio di THC inferiore all'uno per cento. Questa soglia è stata inclusa in modo che tessuti e cosmetici potessero essere fabbricati a partire da piante di cannabis.

Secondo la legge attuale, se la polizia trova un adulto in possesso di un massimo di 10 grammi di cannabis, lo è necessario multarli di 100 franchi (80 sterline), invece di arrestarli. Nel 2015, c'erano un totale di 18,366 multe in tutta la Svizzera.

Dal momento che C-Pure legalmente inserito mercato nell'agosto 2016, le pratiche di polizia vengono messe in discussione, poiché le forze dell'ordine non sono in grado di distinguere tra cannabis legale e illegale dalle loro apparenze.

Michael Mosimann, che vende C-Pure da un headshop a Berna, ha detto Il Bund che i suoi clienti si erano lamentati del fatto che la polizia avesse confiscato la loro cannabis; “i nostri clienti sono sconvolti, abbastanza giusto – hanno acquistato un prodotto legale e hanno persino pagato le tasse su di esso”.

Il portavoce della polizia di Zurigo, Marco Cortesi, ha affermato che gli agenti riconoscono il problema legale ma non possono farci nulla. "Il problema è che i livelli di THC sono invisibili ad occhio nudo", ha detto avvertito, quindi la polizia continuerà a confiscare tutto ciò che sembra essere cannabis.

Chiunque venga scoperto dalla polizia in possesso di C-Pure può farsi restituire la cannabis se può essere dimostrato il basso contenuto di THC del prodotto. L'unico modo per farlo è con un'analisi di laboratorio, che i membri del pubblico possono richiedere.

Se l'analisi dimostra che il contenuto di THC è inferiore all'uno per cento, la cannabis verrà restituita e lo stato coprirà i costi dell'analisi.

La polizia ha registrato circa a dozzina casi di tali sequestri di C-Pure dall'agosto 2016.

Christian von Wartburg, professore di diritto degli stupefacenti all'Università di Berna, mette in guardia che questo approccio "sarà molto costoso ... [poiché] ogni analisi di laboratorio che trova la cannabis legale viene eseguita a spese dello stato". Sottolinea che la polizia deve "trovare pratiche innovative".

Con una prevalenza una tantum di 29.6 per cento, la cannabis è la sostanza illecita più consumata in Svizzera. Nonostante ciò, il Consiglio nazionale ha rifiutato di legalizzarlo in 2004, e il pubblico ha votato in modo schiacciante contro la legalizzazione della coltivazione personale e del possesso in a 2008 referendum.

Se C-Pure, o altri prodotti a base di cannabis a basso contenuto di THC, diventeranno più popolari in Svizzera, i responsabili politici potrebbero essere costretti ad allentare ulteriormente le sanzioni per il possesso personale.

Articoli precedenti
A Hong Kong mancano servizi secolari di riabilitazione dalla droga
pagina successiva
Il governo boliviano propone di aumentare la terra per la coltivazione legale di coca

Contenuti correlati