1. Casa
  2. Articoli
  3. La storia dimenticata dell'attivismo europeo dei trafficanti di droga

La storia dimenticata dell'attivismo europeo dei trafficanti di droga

In una piccola città olandese al di fuori dei Paesi Bassi, attivisti tossicodipendenti di tutto il mondo si sono riuniti nel 1999 per la quarta conferenza annuale della Giornata internazionale dei consumatori di droga (IDUD). 

Quando Mat Southwell, un attivista britannico, ha tenuto una presentazione, ha detto che "vedeva a malapena il pubblico". Talking Drugs, "perché tutti stavano inseguendo" o fumando droghe dal foglio. L'evento era diverso da qualsiasi conferenza a cui avesse mai partecipato. “C'era così tanto fumo che saliva dal pubblico. Difficilmente si sentivano le persone parlare sopra il fruscio della lamina d'argento.

Una delle cose che ha reso l'evento particolarmente speciale per Southwell è stato il coinvolgimento di persone che hanno fornito droghe, qualcosa su cui lui stesso avrebbe presto lavorato nel Regno Unito. Un gruppo di fornitori olandesi chiamato il sindacato dei trafficanti di droghe pesanti ha sponsorizzato l'evento gestito dal gruppo di interesse nazionale olandese dei consumatori di droga (LSD). 

In pratica, la sponsorizzazione significava che i fornitori vendevano cocaina ed eroina a buon prezzo e di buona qualità ai partecipanti, coprendo i costi delle forniture necessarie per consumarli. “I fornitori avevano casse di pane di eroina e crack. Strati di casse di pane", ha detto Southwell. "Non ho mai visto così tanta droga in un posto." Hanno persino fornito gratuitamente cocaina ed eroina per una "formazione su come fumare la tua droga invece di aggiustarla", o per via parenterale, ha detto l'attivista Theo Van Dam, fondatore di LSD. Al di fuori dell'IDUD, l'Unione fornirebbe ai clienti giornalieri droghe gratuite la domenica. 

Questa organizzazione di fornitori di droga non durò per sempre. Nel 2003, la politica olandese si è spostata verso destra e quell'anno si è tenuta in Danimarca la conferenza finale dell'IDUD. I fornitori non sono potuti venire. Negli anni che seguirono, Van Dam perse i contatti con coloro che erano coinvolti nell'Unione degli spacciatori di droghe pesanti.

Oggi, i contributi dei fornitori di droga agli sforzi di riduzione del danno rimangono per lo più trascurati dalla storia, anche se alcuni all'interno dell'estremità di base del movimento sottolineare ancora il loro ruolo critico. Il lavoro di Van Dam nei Paesi Bassi e di Southwell nel Regno Unito fa parte di una storia per lo più dimenticata di spacciatori di droga che si organizzano insieme agli attivisti dei tossicodipendenti per promuovere la salute e il benessere delle persone che fanno uso di droghe.

 

The Basement e Dutch Social Dealers

 

Nel 1996, mentre la città di Rotterdam stava reprimendo la presenza pubblica di fornitori e consumatori di droga, o quelli che chiamavano "seccatori", la città ha ufficialmente sostenuto l'istituzione di stanze per il consumo di droga (DCR). 

Ma alcuni attivisti tossicodipendenti, come Liesbeth Vollemans, erano scettici nei confronti di questi nuovi programmi fuori terra. "Si occupa solo di regolamentare e monitorare gli utenti", ha detto ai giornalisti nel 1999. Dopotutto, mentre i politici e la polizia discutevano per anni sui DCR, alla fine degli anni '1990 aveva avviato una rete di spazi comunitari privati ​​dove cocaina ed eroina da fumare di buona qualità è stato venduto e i fornitori si sono presi cura dei clienti mentre consumavano i loro acquisti. Lo chiamava Il seminterrato.

“Il [DCR] ufficiale era davvero pulito. Era solo [per] usare, non sedersi e rilassarsi”, ha detto Vollemans Talking Drugs. Al contrario: “The Basement era più accogliente. L'abbiamo reso molto bello, come un salotto. C'erano due spazi, il soggiorno e dove le persone usavano. Era come un caffè, tutti parlavano e usavano. Giocavano persino a bingo e il vincitore riceveva un grammo di cocaina gratis.

Vollemans ha fondato il primo Basement con un fornitore di nome Kira. "Ero il capo della casa, e lui era il capo della droga", ha detto. Con i soldi del reverendo Hans Visser della chiesa di St. Paul, una chiesa progressista che consentito la vendita e il consumo di droghe nei suoi locali negli anni '80 e all'inizio degli anni '90, Vollemans ha affittato per la prima sede un seminterrato di un edificio per uffici, dicendo al proprietario che lo spazio era per persone senza lavoro, non persone che fanno uso di droghe. "I tossicodipendenti e le persone che andavano in ufficio stavano attraversando lo stesso ingresso", ha ridacchiato.

C'erano circa cinque scantinati, ha detto Vollemans, due situati nel quartiere di Nieuwe Westen e uno a Oude Westen, Spangen e Centrum. Gli scantinati erano aperti tutti i giorni secondo un programma prestabilito, con uno operativo durante la notte, e fornivano ai clienti forniture di consumo oltre ai loro acquisti di droga. 

Il seminterrato Spangen era suddiviso in stanze per socializzare, acquistare droghe e consumarle, secondo a uno studio del 1998 da ricercatori che conducono ricerche sul campo presso gli scantinati. I clienti sono entrati attraverso una porta d'ingresso al piano terra in una stanza con un tavolo da pranzo, caffè e succo di frutta, un divano e sedie, oltre a un televisore. In una stanza sul retro, le vendite si sono svolte in un bar decorato con luci natalizie. Al piano di sotto, i clienti potevano fumare i loro acquisti su un divano o tavoli con sedie. Simile è stato l'allestimento di Basement Centrum.

“Non si trattava solo di vendere droga; tengono d'occhio tutti ", ha detto Theo Van Dam, che amava frequentare il Basement, notando che si sono impegnati per renderlo uno spazio sicuro per le donne. Secondo Van Dam, gli operatori di Basement aiuterebbero i partecipanti a evitare di perdere la cognizione del tempo e gli appuntamenti mancanti–– “Se qualcuno dovesse andare dal dentista, lo scriverebbero–– oltre a fornire loro qualcosa da mangiare––“ C'era qualcuno lì che preparava cibo sano, così le persone potevano mangiare e sedersi e fumare o iniettare, qualunque cosa volessero. 

Vollemans ha notato il ruolo chiave del servire il cibo. "Il commerciante cucinava tutti i giorni", ha detto, citando piatti come il pollo con riso, in stile surinamese. (Kira era del Suriname, un'ex colonia olandese.) “Era importante. Le persone non mangiano così tanto quando fanno uso di droghe.

 

The Basement operava in un periodo in cui gli obblighi dei fornitori venivano riconsiderati dagli attivisti. 

 

The Basement operava in un periodo in cui gli obblighi dei fornitori venivano riconsiderati dagli attivisti. Alcuni fornitori, l'LSD e la Rotterdam Junkie Union, una delle prime organizzazioni di attivisti per i tossicodipendenti, avevano sviluppato la Rotterdam Social Dealer Charter, un elenco di principi su come i fornitori dovrebbero coinvolgere i propri clienti.

Secondo Van Dam, la Carta include i seguenti principi:

  1. Rifiutare di vendere ai giovani; 
  2. Limitare i debiti per droga a € 100,00; 
  3. Garantire una qualità stabile; 
  4. Garantire una quantità stabile; 
  5. Solo vendita di droga per denaro e non proprietà rubate o sesso;
  6. Orari di apertura stabili dell'indirizzo di negoziazione; 
  7. Proibire il bighellonare vicino all'indirizzo di negoziazione;
  8. Non impegnarsi nella violenza; 
  9. Serve un massimo di 50 clienti per concessionario. 

Van Dam li ha ulteriormente sviluppati in una formazione per i fornitori su come essere un cosiddetto "rivenditore sociale", o uno che tratta i propri clienti con rispetto e dignità.

I principi del social dealer di Van Dam includono:

  1. Consentire ai clienti di utilizzare i farmaci acquistati presso l'indirizzo di vendita;
  2. Sostituzione di siringhe usate con nuove;
  3. Vendita di prodotti di qualità stabile;
  4. Standardizzare il costo di una riga a 8 euro; 
  5. Non imporre quantitativi minimi di acquisto; 
  6. Vendere più di una semplice base di cocaina; 
  7. Svolgere affari per un massimo di 12 ore al giorno, al fine di ridurre i problemi con i vicini;
  8. Mantenere i guardiani agli indirizzi delle case per tenerlo al sicuro;
  9. Servire un massimo di 65 clienti al giorno; 
  10. Non vendere ai giovani; 
  11. Vende solo droga per soldi, non sesso o proprietà rubate.

Daan Van Der Gouwe, un ex membro dell'LSD, autodefinitosi "braccio destro" di Van Dam e ora ricercatore di droghe presso il Trimbos Institute, ha partecipato alla stesura dei principi. Disse Talking Drugs che "non ha mai raggiunto un livello più alto", il che significa che non è stato implementato con i fornitori nella misura in cui i suoi autori avrebbero sperato. Vollemans afferma, tuttavia, che i concetti di "spacciatore sociale" erano in uso al The Basement. “Gli spacciatori negli scantinati erano socievoli. Si preoccupano del cibo in casa e del fatto che fosse un bell'ambiente ", ha detto. Gli spacciatori "si preoccupano per le persone".

Una caratteristica fondamentale di The Basement era la sua "atmosfera rilassata", come la descrisse Van Dam. Al Basement Centrum, i ricercatori che conducevano il lavoro sul campo nel dicembre 1997 furono sorpresi di scoprire che la sala fumatori era piena, ma non erano "rumorosi e caotici" come gli altri indirizzi di case con cui avevano familiarità. "Tutti e dieci i posti sono occupati", ha scritto un ricercatore in una nota di campo, secondo una traduzione, ma "le voci dei clienti erano così ovattate che non le avevamo sentite dall'area di vendita". Il ricercatore aggiunge: “Qui la pace scende sulle mie spalle”.

Il personale apprezzava coltivare uno spazio tranquillo e calmo sia all'interno che all'esterno, impiegando un portiere per gestire il flusso di clienti e scoraggiare il bighellonare davanti. L'ambiente rilassante, come osservato del ricercatore Jean-Paul Grund, è stata un'opportunità raramente trovata dai consumatori di droga di strada, abituati al caos dell'uso in pubblico, per godersi "il lampo", o l'immediata scarica euforica, di cocaina fumabile.

 

Anche lo sforzo di mantenere uno spazio tranquillo era una necessità, se The Basement non voleva essere chiuso dalla polizia. 

 

Anche lo sforzo di mantenere uno spazio tranquillo era una necessità, se The Basement non voleva essere chiuso dalla polizia. Nel 1995, poco prima che comparissero i DCR autorizzati, la polizia di Rotterdam ha represso gli "indirizzi di spaccio di casa" considerati fastidiosi, eseguendo arresti di massa. la condizione che non creassero problemi cosiddetti di “disturbo” ai loro quartieri: “Gli indirizzi delle case dove queste droghe vengono vendute e usate sono spesso condonati purché non ci sia traffico di merce rubata, vendita di grandi quantità o troppo molti clienti e, in relazione a ciò, soprattutto, nessun fastidio inaccettabile per i residenti circostanti", ha scritto Jean-Paul Grund in "L'uso di droghe come rituale sociale". Questo è stato il caso di The Basement.

Alcuni coinvolti in The Basement aspiravano persino a trasformarlo in un'attività legale, qualcosa come i coffee shop di cannabis di Amsterdam, secondo Van Dam. “Abbiamo avuto un pensiero: forse possiamo fare qualcosa di simile per gli spacciatori di droghe pesanti. Ma non siamo riusciti a farlo legalizzare ufficialmente”, ha detto. "È stato davvero un peccato."

A metà degli anni 2000, gli scantinati hanno chiuso. Non sono tornati in una forma diversa perché non ce n'è più bisogno né sarebbe politicamente possibile, crede Daan Van Der Gouwe, un ex membro dell'LSD che si autodefinisce il "braccio destro" di Van Dam e ora ricercatore di droghe presso l'Istituto Trimbos. 

“Il clima politico è cambiato. L'uso di droghe non è così tanto tollerato come lo era allora. Dal punto di vista dell'utenza, una volta istituite tutte queste strutture – locali per il consumo di droga, cure assistite con eroina, ostelli – gli utenti non sentivano il bisogno di organizzarsi”, ha detto Van Der Gouwe Talking Drugs. Vollemans è d'accordo.

Nonostante la sua eventuale chiusura dopo circa nove anni, come stimato da Vollemans, Van Dam crede ancora che fosse un modello promettente. "Mi è piaciuto stare lì", ha detto. "È stato davvero un grande successo."

 

Crack Squad e la carta "Proteggi e servi".

 

Prima dei mercati online della droga – o anche solo dei telefoni cellulari – cercapersone e telefoni pubblici erano i mezzi di comunicazione tra le persone che fanno uso di droghe e i loro fornitori. Con ciò arrivarono rischi e danni legali.

I consumatori di cocaina crack nell'East London alla fine degli anni '1990 e all'inizio degli anni 2000 lo conoscevano fin troppo bene. I loro fornitori, secondo l'attivista tossicodipendente Mat Southwell, li avrebbero fatti aspettare per periodi di tempo imprevedibilmente lunghi al telefono pubblico da cui avevano ordinato, e che tendeva a essere sorvegliato dalle forze dell'ordine, lasciandoli vulnerabili all'arresto. Quel comportamento era in linea con la convinzione più ampia tra i venditori di crack, che tendevano a non essere essi stessi consumatori ma erano invece uomini d'affari orientati al profitto, che i consumatori fossero "fessi e persone che potresti derubare", ha raccontato Southwell.

Il trattamento ingiusto dei consumatori da parte dei loro fornitori, in parte, ha portato Southwell e altri affiliati a Respect Drug Users Rights, un gruppo di base, a modulo la Crack Squad intorno al 2002. Chiamata come una parodia dell'unità del Dipartimento di Polizia Metropolitana dedicata alla polizia di persone come loro, ha creato una Carta "Proteggi e servi" - il suo nome è una combinazione di gergo locale per trattare (servire) e il mantra delle forze dell'ordine: stabilire aspettative su come i fornitori dovrebbero trattare i clienti, in modo simile alla Carta dei rivenditori sociali di Rotterdam. In particolare, ha fissato gli standard relativi alla qualità, al peso previsto dei diversi prodotti e ai tempi di risposta richiesti. 

Lo statuto della Crack Squad aveva due funzioni distinte. Da un lato, si trattava di incentivare i fornitori che già forniscono prodotti e servizi di qualità a continuare a farlo. "Spingiamo le persone verso le persone che vendono buoni prodotti e cerchiamo di non comprare da persone che vendono prodotti scadenti o da persone che ti trattano male", ha detto Southwell. “Cercheresti di usare il tuo potere di consumatore per rafforzare i team che stavano facendo un lavoro migliore. Questo era il piano.

 

"Stavamo dando alla gente un messaggio chiaro: eravamo consumatori di droga autorizzati che conoscevano i nostri diritti". 

 

D'altra parte, la Carta serviva a mettere in guardia i fornitori irrispettosi. I membri della Crack Squad lasciavano astutamente carte stampate nel retro delle auto dei fornitori per indicare in modo anonimo le aspettative dei clienti. "Stavamo dando alla gente un messaggio chiaro: eravamo consumatori di droga autorizzati che conoscevano i nostri diritti".

Si sparse la voce sulla Carta e un gruppo di fornitori di Brighton ne richiese copie per uso proprio. Il gruppo credeva di soddisfare già gli standard e voleva dimostrare ai propri clienti che avevano diritto al rispetto, a farmaci di buona qualità e a prezzi equi, e che quei fornitori stavano effettivamente fornendo "trattamenti di alta qualità", ha affermato Southwell.

Ci sono lezioni da imparare dalla Crack Squad. Per prima cosa, alcuni nel mercato erano ostili ai loro sforzi. In un caso, un fornitore ha cercato di organizzare un giro di droga per Southwell. In altre occasioni, quell'individuo ha chiesto ai suoi corridori, che erano anche coinvolti con la Crack Squad, di scegliere la fedeltà tra lui e il gruppo. 

Inoltre, gli stessi mercati della droga sono instabili, in virtù del proibizionismo, e ciò comportava le proprie sfide. “Influenzare scene di droga molto disperse è stato piuttosto difficile. Inoltre, le scene di droga cambiano continuamente. Puoi far partire una squadra, poi la polizia li arresta e se ne vanno per due anni. E poi qualcuno più violento – ci vuole molto lavoro per sostenerlo”. 

Le parole di cautela non sono tutto ciò che la storia di Crack Squad ha da offrire. Può anche fornire informazioni sugli attuali movimenti dei tossicodipendenti.

Nelle stesse parole di Southwell, la Crack Squad lancia una provocazione agli attivisti: "Come sarebbe una carta dei consumatori in un ambiente regolamentato e depenalizzato?"

 

*Sessi Kuwabara Blanchard è un giornalista indipendente sulla droga e critico transgender. In precedenza, era la scrittrice dello staff originale di Filtro, una pubblicazione online dedicata alla riduzione del danno e alla politica in materia di droga. Seguila su Twitter, @SessiBlanchard. 

Articoli precedenti
La crociata del governo di Bolsonaro contro la cannabis è razzista e classista
pagina successiva
Cosa ho imparato dalla mia prima infezione da iniezione

Contenuti correlati

Nuovi Talking Drugs della regione Восточной Европы e Центральной Азии [Edizione 2019]

.
1. Впервые в России власти Кемеровской области выделили 3,6 milioni di rubli на финансирование комплексной программмы по п рофилактике передозировок от употребления…