1. Casa
  2. Articoli
  3. Quello che vorrei che qualcuno mi avesse detto quando ho iniziato a fare uso di droghe

Quello che vorrei che qualcuno mi avesse detto quando ho iniziato a fare uso di droghe

Quando ho iniziato a fare uso di droghe, non avevo nessuno a cui rivolgermi in sicurezza per chiedere consiglio o aiuto. Nessuno nella mia vita mi aveva detto nulla sulla riduzione del danno o sull'uso più sicuro. I miei genitori vedevano il mio consumo di eroina come una questione disciplinare che doveva essere punita, un atteggiamento che causava un discreto danno. Ero da solo quando si trattava di capire come rimanere al sicuro e in vita.

Fortunatamente per me, ci sono riuscito trovare le informazioni di cui avevo bisogno su vari siti web. Tuttavia, mi ci è voluto più tempo per capire che il mio uso di droghe non mi rendeva un peccatore o un subumano. Consideravo l'uso di droghe una terribile trasgressione e disintossicare la penitenza necessaria, un atteggiamento incredibilmente malsano. Sebbene il mio uso sia stato funzionale e abbastanza positivo, ho provato una grande quantità di vergogna, che si aggiungeva solo alla trans e all'omofobia interiorizzata che sto ancora lavorando per superare.

Lentamente, però, ho imparato a superare le bugie che avevo sentito nelle lezioni di salute delle scuole superiori influenzate dal DARE. Ho iniziato ad essere orgoglioso del modo in cui avevo preservato la mia salute e affrontato i vari problemi che avevo incontrato. Ho smesso di vedere l'astinenza come l'unico percorso valido. Ho iniziato a sviluppare le mie opinioni sulla questione, piuttosto che ripetere a pappagallo convinzioni stigmatizzanti e offensive. Spero di aiutare gli altri a fare lo stesso, preferibilmente più velocemente di me.

Se hai recentemente (o meno) iniziato a fare uso di droghe, voglio che tu sappia che contrariamente alla propaganda della guerra alla droga, questo non ti rende meno prezioso o meritevole di chiunque altro. E la dipendenza, se finisci per lottare con essa, non significa che sei cattivo o distrutto, non più di quanto non lo faccia soffrire di depressione o ansia. Niente di tutto questo è un fallimento morale.

Non sei in colpa per le condizioni create dalla guerra alla droga.

Né i problemi di salute sono il risultato inevitabile dell'uso di droghe. Sono in gran parte il risultato delle condizioni create dal proibizionismo e dalla guerra alla droga. Le persone non vanno in overdose perché sono sciocche o perché certe droghe sono intrinsecamente cattive; lo fanno perché è impossibile dosare accuratamente e correttamente i farmaci se non si sa quanto sono forti e cosa contengono. A differenza delle sostanze vendute legalmente, come l'alcol, le droghe acquistate per strada non sono accompagnate da elenchi di ingredienti regolamentati. Questo li rende estremamente pericolosi, nonostante i tanti positivi la droga può portare.

Per quanto riguarda le infezioni o le ferite causate da aghi condivisi o riutilizzati, se le persone potessero portare legalmente opere senza temere arresti o molestie da parte della polizia, potrebbero fare scorta sufficiente per non doverle mai condividere o riutilizzare. Legalizzare il possesso di "armamentario" e aprire più programmi di servizi di siringhe negli Stati Uniti, senza limitare le loro operazioni, impedirebbe a molte brave persone di ammalarsi o sviluppare gravi condizioni di salute. Attribuire la colpa a qualcuno che ha avuto un'overdose (o ha sviluppato un'infezione, ha preso l'HIV, ecc.) è una forma particolarmente crudele di incolpare la vittima. Non sei in colpa per le condizioni create dalla guerra alla droga.

Pertanto, se incontri problemi legali a causa del tuo uso di droghe o fai fatica a gestirne l'uso, non devi incolpare te stesso, ma il sistema che infligge questi danni. Il mio consumo di droga è rimasto gestibile principalmente grazie alla pura fortuna. Essere una persona bianca da un ambiente privilegiato mi ha protetto. Ho vissuto in periferia praticamente per tutta la mia vita e questo, insieme alla mia razza e al mio aspetto, significa che non devo preoccuparmi delle continue perquisizioni che prendono di mira quartieri fortemente sorvegliati.

È una caratteristica, non un bug, della guerra razzista alla droga che io sia in grado di evitare gli arresti e le pene detentive inflitte ai membri delle comunità nere, povere o altrimenti emarginate per esattamente le stesse azioni. Per una spiegazione eloquente di questo orribile fenomeno, suggerirei di leggere Il nuovo Jim Crow di Michele Alessandro.

Inoltre, mentre tutti i dati demografici usano droghe a tassi simili, la dipendenza non è un datore di lavoro con pari opportunità. Le persone svantaggiate in qualsiasi modo - impoverite o senza casa, disabili o con malattie mentali, soggette a razzismo, classismo, omofobia o qualsiasi tipo di discriminazione o conflitto su base regolare - hanno una probabilità significativamente maggiore di sviluppare relazioni problematiche con la droga.

La dipendenza è essenzialmente un tentativo di far fronte al dolore o alla sofferenza di qualche tipo. Se lo stai vivendo, è probabile che fattori di stress psicologico e/o socio-economico nella tua vita ti abbiano portato lì. Questo fa non renderti debole.

Il recupero, a proposito, non è la stessa cosa dell'astinenza dalle droghe. Invece, significa gestire la tua vita in un modo che funzioni per te.

Purtroppo, l'ingiustizia della dipendenza non finisce qui. Il recupero è molto più difficile se sei escluso dal lavoro, dall'istruzione o dalla società in generale. La forza di volontà è un tratto utile, ma aspettarsi che le persone in tali circostanze facciano affidamento solo sulla forza di volontà è una forma di cecità nei confronti delle ingiustizie del mondo, una menzogna diffusa da evangelisti di recupero di alto profilo le cui circostanze tendevano ad essere molto diverse.

Abbi empatia per te stesso se stai lottando. Non incolpare te stesso per problemi più grandi che sono fuori dal tuo controllo. Fai attenzione a non cadere nella trappola di credere che potresti riprenderti completamente se solo tu veramente ricercato a.

Il recupero, a proposito, non è la stessa cosa dell'astinenza dalle droghe. Invece, significa gestire la tua vita in un modo che funzioni per te, il che, per molte persone, implica continuare a fare uso di droghe. Non scoraggiarti se non raggiungi tutti gli obiettivi che ti sei prefissato. La maggior parte di noi prova cose diverse prima di trovare un percorso che funzioni, e pochissimi di noi ce la fanno da soli. Non c'è da vergognarsi nel chiedere ad amici o familiari (biologici o prescelti) supporto o aiuto pratico: è solo una parte normale dell'essere umano, specialmente quando si ha a che fare con qualcosa di così complesso e serio come la dipendenza.

In una nota correlata, confrontarti con persone che sono diverse da te, o anche persone che sono simili a te, o sembrano esserlo, non è produttivo. Sei Tu, non qualcun altro. L'unica persona con cui dovresti confrontarti sono le altre versioni di te stesso.

Se hai intenzione di cercare un trattamento formale, suggerirei di scegliere qualcosa basato sull'evidenza (come ad esempio farmaci or gestione della contingenza) e/o trovare un modo per trattare i problemi sottostanti che hanno reso problematico il tuo utilizzo. Tuttavia, queste opzioni sono frustrantemente inaccessibili per molte persone. Evita la riabilitazione religiosa o in 12 fasi. Non solo sono molto inefficaci per la maggior parte delle persone (come stessi programmi in 12 fasi) e bisognoso di revisione radicale, ma possono essere traumatizzanti o peggio. Se torni a usare gli oppioidi dopo un periodo di astinenza forzata, sarai particolarmente vulnerabile al sovradosaggio a causa della tua ridotta tolleranza.

Tieni presente che la maggior parte delle persone passare naturalmente oltre dipendenza nel tempo senza trattamento e che la tua sicurezza è fondamentale.

Ottenere, conoscere e trasportare il naloxone.

Quindi, quando fai uso di droghe, qualunque sia il tuo rapporto con loro, fai attenzione. Controlla cosa c'è dentro prima di usare: Strisce reattive al fentanil sono un'opzione poco costosa, imperfetta ma potenzialmente salvavita e dovresti usarli per le droghe vendute come cocaina, metanfetamina o benzodiazepine, oltre all'eroina. Se inietti droghe, non condividere o riutilizzare gli aghi: l'accesso a opere e forniture sterili (tramite un programma di siringhe locale o online) è un passo meraviglioso che ti consente di evitare malattie e infezioni trasmesse dal sangue. Passare a un metodo di ingestione meno rischioso (sniffare, fumoboofing) è un'altra grande idea.

Informati sulle tecniche di riduzione del danno relative alle droghe che usi e ai tuoi modi preferiti di usarle, inclusi consigli e rischi sull'uso di combinazioni di droghe diverse. Inizia basso e vai piano, come dice il proverbio. Utilizzare con altre persone presenti, se si dispone di tale opzione. E ottenere, conoscere e portare con sé il naloxone, il farmaco contro l'overdose da oppioidi; i farmaci non venduti come oppioidi possono ancora contenerli e il naloxone ha spesso fatto la differenza tra la vita e la morte.

Fai tutto il possibile per stare al sicuro e in salute. Allo stesso tempo, non picchiarti se non lo faisempre optare per l'opzione più salutare. Le barriere sociali e le circostanze personali significano che non è sempre possibile. Molti di noi hanno dovuto usare da soli durante COVID. Anche adottando comportamenti più sicuri o tagliando alcuni del tempo è qualcosa di cui andare fieri.

E abbiamo bisogno di quell'orgoglio nel prenderci cura di noi stessi. Perché quando cerchiamo assistenza medica, i dottori in genere ci trattano come merda, non perché lo siamo, ma perché la loro professione condivide i pregiudizi della società. Anche se hai accesso all'assistenza sanitaria, cosa che molti non hanno, può essere incredibilmente difficile farne uso quando lo squilibrio di potere medico-paziente è così grande. Fai attenzione a ciò che dici ai medici, almeno a meno che tu non sia certo che comprendano la riduzione del danno.

Anche noi possiamo essere eroi, e molti di noi lo sono.

Poiché il mondo è così crudelmente prevenuto e odioso nei confronti delle persone che fanno uso di droghe, spesso siamo lasciati a prenderci cura l'uno dell'altro. Se non lo facciamo noi, nessun altro lo farà. Contrariamente al cliché, le persone che fanno uso di droghe lo sono non mostri. Siamo bravi e meritevoli quanto chiunque altro. Anche noi possiamo essere eroi, e molti di noi lo sono. siamo generalmente quelli che invertono le overdose. In più di un'occasione ho visto qualcuno impedito di riutilizzare o condividere opere da un amico o da un venditore di droga che trasportava extra (sì, le persone che vendono droghe sono spesso brava gente pure).

Tanti dei grandi attivisti coloro che hanno combattuto per la riduzione del danno e contro la guerra alla droga sono stati essi stessi consumatori di droga. Lo stesso vale per molte delle nostre icone culturali più amate.

Questo risale a molto tempo fa. L'oppio era ampiamente preso tra poeti e scrittori del XIX secolo, alcuni dei quali divennero dipendenti dalla sostanza. Thomas de Quincey ha pubblicato il classico Confessioni di un mangiatore di oppio inglese nel 1821. Esempi più recenti di artisti che fanno uso di droghe hanno incluso molti che sono morti prematuramente. Si va dal regista tedesco della New Wave Rainer Werner Fassbinder, di cui è morto sovradosaggio di polisostanze nel 1982, ai membri del cosiddetto Club 27 come Jean Michel Basquait e Janis Joplin, al principe e Juice WRLD. Sono sicuro che puoi pensare a innumerevoli altri. Quante altre grandi opere avrebbero potuto essere create se fossero state in grado di accedere a una fornitura sicura di droghe legalmente regolamentate?

Quindi, ogni volta che qualcuno ti fa sentire inutile per l'uso di droghe o per lottare contro la dipendenza, ricorda la compagnia che frequenti. Ricorda che l'uso di droghe è una cosa umana normale da fare, e lo è sempre stata. Sappi che l'idea che certe droghe dovrebbero essere messe fuori legge e che i loro consumatori dovrebbero essere puniti è relativamente nuova, basata principalmente sul razzismo piuttosto che sulla scienza o sulla logica, e che il divieto di tali sostanze le ha rese significativamente più pericolose.

Sei prezioso e amabile. Ti meriti sicurezza, salute, libertà, amore, alloggio, cibo, cure e vita come chiunque altro. Sebbene tu possa essere in difficoltà o infelice, sei degno di rispetto e decenza. Il pubblico in generale può guardarti dall'alto in basso e trattarti davvero in modo terribile, ma lo è Wrongs.

Non essere arrabbiato con te stesso o con altre persone come te. Arrabbiarsi con i politici, i responsabili politici e altri che ci hanno deluso perpetuando il proibizionismo e ignorando sia le prove che l'umanità. Sappi che sei tutt'altro che solo.

 

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da Filtro, una rivista online che tratta il consumo di droga, la politica in materia di droga e i diritti umani attraverso una lente di riduzione del danno. Segui Filtro attivato Facebook or Twittero iscriviti al suo newsletter.

* ML è uno scrittore che vive nell'area metropolitana di Washington, DC. È autore di numerosi romanzi. Nel tempo libero dipinge, balla, dirige, recita, cucina e ricama.

Articoli precedenti
Un altro anno passa senza la regolamentazione della cannabis terapeutica in Brasile
pagina successiva
La politica sulle droghe dovrebbe proteggere i leader sociali, non esporli

Contenuti correlati