1. Casa
  2. Articoli
  3. Le Nazioni Unite rinnoveranno la loro disastrosa campagna "Drug Free World" in Brasile?

Le Nazioni Unite rinnoveranno la loro disastrosa campagna "Drug Free World" in Brasile?

Tra una pandemia globale e un'ondata progressiva di droga in tutto il mondo depenalizzazione per scopi medici e uso personale adulto, l'ONU sta collaborando con il governo brasiliano, apparentemente nel tentativo di rinnovare la sua campagna "Drug-Free World". 

Sul 26th di dicembre 2020, un seminario internazionale ha segnato il lancio di un progetto pilota, il  Centro di eccellenza per la riduzione dell'offerta di droghe illecite, un partenariato tra l'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC) e l'Ufficio nazionale brasiliano per le politiche in materia di droga (SENAD, nell'acronimo portoghese), con il sostegno del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP). La fase pilota dovrebbe durare 18 mesi e il Centro dovrebbe essere incorporato dal Ministero della Giustizia e della Pubblica Sicurezza. Va da sé, ovviamente, che il linguaggio adottato dal Centro descrive le stesse droghe illegali - e non il proibizionismo, il punitivismo e l'incarcerazione - come un problema sociale da superare riducendone l'offerta. 

Ci sono molti problemi con questa infelice collaborazione. Sul piano ideologico, mette a nudo la volontà dell'estrema destra brasiliana di confermare la sua faziosità e dimostrare che in Brasile esiste un'epidemia di abuso di droghe che legittimerebbe l'uso della forza per combattere la fornitura e l'uso di sostanze illecite. Il recente censura dello studio su larga scala di Fiocruz sull'uso di sostanze illecite in Brasile la dice lunga su questa posizione. 

Un altro punto da considerare è che una partnership con un'agenzia delle Nazioni Unite offre sostegno internazionale a Bolsonaro politiche draconiane sulle droghe. L'UNODC ha sostenuto depenalizzazione e la decarcerazione nell'ultimo decennio, una posizione che ha causato polemica nel recente passato—, qualcosa di molto distante dalle politiche sulle droghe di Bolsonaro, ma la sua programmi rivolti al Sud del mondo sono ancora fortemente orientati alla costruzione di capacità per applicazione della legge invece di concentrarsi su altre aree dell'assistenza sociale che nel corso degli anni sono state delegate al campo della polizia. Non a caso il seminario che ha inaugurato il Centro di Eccellenza per la Riduzione dell'Offerta di Sostanze Illecite ha riunito molti professionisti legati alle forze dell'ordine e al sistema penitenziario, con pochi ricercatori presenti. 

In un rapporto del 2019 sulle questioni relative alla droga, le Nazioni Unite affermano che "la polizia che prende di mira i trafficanti di droga più violenti può ridurre la violenza creando un potente deterrente al comportamento violento". Questo è ciò che sostiene l'ONU imparato negli ultimi dieci anni. Ciò che abbiamo appreso in questi ultimi 10 anni di controllo dei cosiddetti trafficanti di droga violenti in Brasile, però, racconta una storia diversa. 

 

I membri della sessione speciale dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite sul cosiddetto problema mondiale della droga, nel 1998, hanno approvato le politiche proibitive sulle droghe. Fonte: UNODC

 

“Liberare” la società dalla droga, in stile brasiliano

 

La guerra alla droga alla brasiliana is una macabra messa in atto della necropolitica tropicale di estrema destra. La sua coreografia porta i corpi di Black e Brown sul palco principale dove si abbassano, schivano e muoiono a causa dei proiettili. Legittima azioni come soldati dell'esercito che sparano oltre ottanta proiettili di grosso calibro contro un'auto, uccidendo un musicista di 46 anni che stava accompagnando la sua famiglia a un baby shower a Rio de Janeiro, perché lo avevano scambiato per un membro di una banda. Essere neri e guidare un'auto a Rio de Janeiro è un rischio. I neri e i marroni sono sempre sospettati di essere criminali, membri di bande, minacce per la società. E se sono sospettati di essere criminali, le loro vite sono sacrificabili e diventano un facile bersaglio per innescare una felice polizia. Nell'ultimo decennio, la sola polizia di stato di Rio de Janeiro ha ucciso 9,000 cittadini e più di tre persone su quattro uccise dagli agenti di polizia erano nere. E come TalkingDrugs ha riportato in precedenza, la pandemia di COVID-19 non ha fermato gli agenti di polizia prendere di mira i neri

La giustificazione di questi omicidi “accidentali” si basa sempre su presunti errori. Soldati e poliziotti pensano che un maschio nero sia uno spacciatore o un membro di una banda perché sta camminando per le strade di una comunità povera o se ne sta all'angolo. Gli sparano. Se sopravvive, fanno domande. E potrebbero benissimo portare sostanze illecite in modo che possano falsificare le prove nelle loro operazioni di routine e giustificano gli arresti e l'uso della violenza.

Governatore sospeso di Rio de Janeiro, Wilson Wizel, durante la campagna elettorale, ha affermato che sotto il suo governo “[la] polizia farà la cosa giusta: prendere di mira la testolina [di un delinquente]. e... fuoco! Giusto per essere al sicuro." Stava parlando di sparare a persone avvistate con fucili, ma, come sappiamo, gli agenti di polizia sono inclini a confondere molti oggetti diversi con armi. Se sei nero e sei visto per le strade che trasportano uno skateboard, un trapano o persino popcorn in un sacchetto di carta, ufficiali o soldati potrebbero scambiarlo per una pistola o droghe illecite e sentirsi autorizzati a spararti. 

Lo stesso Witzel è salito su un elicottero insieme agli agenti di polizia delle forze speciali della polizia civile per caccia ai presunti membri della banda nella città di Angra dos Reis. Questo è il tipo di operazione disastrosa e sadica che porta la morte nelle comunità povere. Normalizza misure surreali e disperate come quella di Yvonne de Mello, che gestisce un progetto educativo nella Favela da Maré, nella città di Rio. Dopo anni in cui è rimasta intrappolata nel mezzo di un fuoco incrociato, ha ottenuto un cartello installato sul tetto per avvertire i cecchini della polizia in elicotteri che l'edificio è una scuola. Non dobbiamo perdere di vista il fatto che Favela da Maré è l'ex quartiere di Marielle Franco, la consigliera assassinata dai miliziani (che sono, guarda caso, legato alla famiglia Bolsonaro).

 

L'insegna sul tetto del Projeto Uerê, in Favela da Maré, recita “Scuola. Non sparare". Se Witzel e gli agenti di polizia si fossero presi il tempo di leggere alcune delle lettere scritte dai bambini che vivono a Maré saprebbero che elicotteri e cecchini non li fanno sentire al sicuro. A loro invece non piacciono gli elicotteri della polizia perché”sparano e le persone muoiono.” Fonte: Instagram.

Bolsonaro aveva avvertito che sotto il suo governo persone sospettate di essere coinvolte nel traffico di droga”moriranno per strada come scarafaggi, ed è così che dovrebbe essere. Possiamo accusare Bolsonaro di molte cose, ma non possiamo negare che sta mantenendo la sua promessa riguardo alla guerra alla droga. Il presidente brasiliano, un fan di Augusto Pinochet chi pubblicamente elogia i torturatori, può sicuramente vantarsi di esserlo specializzato nell'uccisione. Il suo feticcio per la politica della violenza sponsorizzata dallo stato è ben rappresentato in un disegno di legge che ha cercato di trasformare in legge fin dai suoi primi giorni nel Palazzo Alvorada. Se approvata, la legislazione consentirà ai giudici di sospendere i processi degli agenti di polizia condannati per omicidio se rivendicano l'autodifesa e il giudice comprende che essi ha usato la forza a causa di paura scusabile, sorpresa o intensa emozione. Nel 2019, suo primo anno di mandato, la brutalità della polizia ha raggiunto il picco. Nel 2020, gli agenti di polizia sono stati responsabili del 25% degli omicidi nello stato di Rio de Janeiro, uccidendo 1,239 persone. Nello stesso anno, agenti di polizia nello stato di San Paolo persone uccise 814. Per essere chiari, il Brasile è composto da 26 stati in totale.

 

La speranza è l'ultima a morire 

 

È importante seguire i risultati dei partenariati governativi. L'UNODC ha una responsabilità che non deve essere presa alla leggera: l'agenzia può scegliere di sostenere ideologicamente, finanziariamente e istituzionalmente la guerra alla droga in Brasile. Se questa è la scelta, ci sarà sangue, ci saranno cadaveri. 

L'altra opzione, più promettente, è diventare un alleato critico, che dissuada il proprio partner dal fare le scelte sbagliate e lo sostiene a trovare un modo migliore per affrontare i propri problemi, assicurandosi che si rendano conto che il problema è con se stessi (in il caso del Brasile, le loro politiche sulla droga e le forze dell'ordine), e non con un'ipotetica epidemia di tossicodipendenza in Brasile. Questa è la posizione che dovremmo aspettarci dall'UNODC. Grandi speranze, lo so, ma come dice l'espressione brasiliana, "la speranza è l'ultima a morire".

 

*Felipe Neis Araujo è un antropologo brasiliano che si occupa di politiche sulla droga, violenza di stato, razzismo strutturale e riparazione delle disuguaglianze storiche. Scrive un articolo mensile per TalkingDrugs. Contattalo al neis.araujo@gmail.com

Articoli precedenti
Dalle droghe stravaganti agli aiuti terapeutici: come gli psichedelici hanno ritrovato il loro ritmo
pagina successiva
Perché penso che dobbiamo andare oltre la "riduzione del danno"

Contenuti correlati