1. Casa
  2. Articoli
  3. Cambiamenti progressivi nel piano d'azione dell'UE in materia di droga recentemente proposto

Cambiamenti progressivi nel piano d'azione dell'UE in materia di droga recentemente proposto

La Commissione europea (CE) ha proposto un nuovo piano antidroga per l'Unione europea, che include diversi cambiamenti apparentemente progressivi.

Tra le nuove proposte c'è l'esame della relazione del traffico di droga con la tratta di esseri umani, l'attuazione di misure di riduzione del danno basate su prove e la considerazione dei diritti umani nel finanziare l'attività antidroga dei regimi stranieri.

La proposta di piano d'azione dell'UE in materia di droga 2017-2020 era pubblicato il 15 marzo e, se accettato per l'attuazione, costituirà la base della seconda metà di uno sforzo multinazionale durato otto anni, il Strategia dell'UE sulla droga per il 2013-2030 (“la Strategia”).

Ci sono cinque obiettivi generali che la Strategia mira a raggiungere. Questi sono, in generale: ridurre la domanda di droghe; ridurre l'offerta di farmaci; migliorare il coordinamento tra i diversi attori, tra cui la CE, gli Stati membri e la società civile; cooperare a livello internazionale, in particolare con gli Stati produttori di droga; e promuovere la ricerca, in particolare sui legami del traffico di droga con altri tipi di criminalità.

Il testo del piano 2017-2020 proposto è in gran parte lo stesso del suo predecessore, il piano d'azione dell'UE in materia di droga 2013-2016, ma include diverse modifiche o aggiunte fondamentali.

Nell'affrontare la domanda, il piano proposto offre una rinnovata attenzione ai gruppi che la CE percepisce come vulnerabili.

Il Piano delinea che gli Stati membri dovrebbero essere più cooperativi, scambiandosi tra loro le migliori pratiche relative al "prendere di mira i bambini ei giovani nelle azioni di prevenzione [dell'uso di droghe]".

Insiste affinché i funzionari prendano in considerazione la vulnerabilità dei migranti e dei richiedenti asilo, centinaia di migliaia dei quali sono entrati nell'UE dal 2013 e sono particolarmente a rischio di esposizione alle droghe.

Il piano proposto include anche un invito a rinnovare le indagini sui rapporti dei gruppi di traffico di droga con "gruppi terroristici" e "circoli criminali di traffico di migranti". Sebbene la ricerca in questo settore sia indubbiamente importante, non ci sono prove che suggeriscano che il traffico di droga e il traffico di esseri umani siano significativamente intrecciati. Pretendere un collegamento tra i due potrebbe essere usato come scusa dalle autorità per attuare misure dure su individui coinvolti nel traffico di droga.

Un'altra aggiunta che potrebbe essere accolta con favore dagli esperti sanitari è un maggiore uso dell'aggettivo "basato sull'evidenza". Il termine, pur essendo stato inserito nel Piano 2013-2016, è maggiormente prevalente nel Piano di nuova proposta; è stato inserito in diverse frasi che sono altrimenti invariate.

Ad esempio, gli inviti a migliorare l'efficacia delle misure di prevenzione sono stati modificati per chiedere "efficacia di basata sulle evidenze misure di prevenzione”.

Non è chiaro se si tratti di un gioco di prestigio retorico volto a placare i critici, o forse indicativo di un graduale e progressivo cambiamento nell'atteggiamento dell'UE nei confronti del consumo di droga.

 

Un segmento del Piano 2017-2020; le parole in grassetto indicano integrazioni che non erano previste nel Piano 2013-2016

 

Il piano proposto prevede inoltre un aumento dell'"accesso ai servizi di riduzione del danno [inclusi] programmi di scambio di aghi e siringhe (NSP), trattamento sostitutivo degli oppiacei (OST) [e] programmi di naloxone da portare a casa".

Né NSP, né OST, sono stati menzionati nel Piano 2013-16.

Il supporto per il naloxone da portare a casa - un farmaco salvavita che può invertire le overdose da oppioidi – è particolarmente importante, dato che i decessi per droga sono in aumento in numerosi paesi dell'UE. L'Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT) segnalati l'anno scorso che il numero di decessi è in aumento in Svezia, Lituania e Irlanda. In Inghilterra e Galles, il numero più recente di decessi annuali correlati alla droga è il massimo da quando sono iniziate le registrazioni.

Con un passo senza precedenti, il Piano proposto invita gli Stati membri a incorporare “lo stato di diritto e gli standard e i principi internazionali sui diritti umani nelle misure di applicazione della legge relative alla droga”. Ciò è particolarmente importante in quanto gli Stati membri dell'UE, e l'organismo nel suo insieme, hanno suscitato polemiche per il finanziamento di misure di politica repressiva sulla droga all'estero.

Ad esempio, l'UE ha finanziati un programma antidroga in Iran, che ogni anno giustizia centinaia di persone per reati di droga.

Il proposto piano d'azione dell'UE in materia di droga 2017-2020 offre notevoli miglioramenti progressivi basati su prove e orientati ai diritti umani rispetto al piano precedente. Tuttavia, deve essere valutato e approvato dal Parlamento europeo e dal Consiglio europeo prima di poter essere attuato.

Articoli precedenti
La Nuova Zelanda introduce la riabilitazione obbligatoria dalla droga per i casi "gravi".
pagina successiva
Il pericolo dell'approccio alla droga di "prevenzione del danno" di Singapore

Contenuti correlati