1. Casa
  2. Articoli
  3. L'impegno del Qatar per la punizione in contrasto con gli investimenti terapeutici

L'impegno del Qatar per la punizione in contrasto con gli investimenti terapeutici

Ospitare la Coppa del Mondo 2022 ha messo il Qatar sotto i riflettori globali, provocando un notevole clamore internazionale sul trattamento riservato ai lavoratori migranti, alla comunità LGBTQ+, libertà di parolae diritti delle donne. Mentre i loro record sui diritti umani sono stati ampiamente analizzati durante il torneo, il loro approccio al controllo della droga non ha avuto lo stesso livello di controllo.

Lo stato del Golfo ha recentemente investito in strutture all'avanguardia per il trattamento della droga, pur continuando a sostenere leggi punitive sulla droga nella loro ricerca di una società "libero da droghe”. Mentre il loro approccio alla gestione dei danni correlati alla droga si è sviluppato, il loro continuo impegno nei confronti della punizione e del trattamento obbligatorio è preoccupante e deve cambiare se vogliono migliorare la vita delle persone che fanno uso di droghe.

 

Retorica punitiva e investimenti nel trattamento della droga

Il successo finanziario del Qatar e rapido sviluppo facilitato enormi investimenti nel loro sistema sanitario. La direzione strategica di questi investimenti è stata delineata nella “The Qatar National Vision 2030” (BCC), documento, prodotto nel 2008. It evidenzia la centralità di un sistema sanitario di “standard di livello mondiale” necessario per “soddisfare i bisogni delle generazioni presenti e future”, con la promessa che “tutti i servizi sanitari saranno accessibili a tutta la popolazione”.

Sui danni causati dalla droga, il Ministero per la pianificazione e le statistiche dello sviluppo (MDPS) del Qatar, che monitora i progressi del paese in riferimento alla sua visione nazionale, insistere che:

“Il Qatar si è allontanato dal trattare la tossicodipendenza semplicemente come una questione criminale e la sta riconoscendo come una sfida sanitaria e sociale e una questione di diritti umani. Il diritto alla salute include il diritto di ottenere servizi sanitari senza timore di punizione”.

Tra le modifiche a cui fa riferimento il Ministero c'è l'istituzione di un Comitato Permanente per il Trattamento delle Dipendenze, che ha curato la costruzione del Centro Naufar, una struttura per il trattamento delle dipendenze.

L' Decreto Emiri che determina il mandato di Naufar afferma che fornirà "assistenza sanitaria preventiva e curativa per le persone affette da dipendenza e disturbi da uso di sostanze" e "... assisterà [le] persone con disturbi comportamentali [a] raggiungere e sostenere la qualità della vita a cui aspirano, in un ambiente di guarigione guidato da pratiche basate sull'evidenza. 

Anche il procuratore generale del Qatar, il dottor Ali bin Fettais Al-Marri, ha sostenuto un cambiamento di prospettiva per il trattamento di coloro che soffrono di dipendenza. Nel conferenza stampa per l'apertura del centro, ha affermato che “un tossicodipendente non deve essere trattato come un criminale. Invece, i tossicodipendenti dovrebbero essere assistiti”. Tuttavia, ha anche precisato che le persone che fanno uso di droghe dovrebbero comunque essere punite per aver infranto la legge, ma solo che dovrebbero anche ricevere cure.

Mentre questi investimenti nelle strutture per il trattamento della droga dovrebbero essere celebrati, il linguaggio peggiorativo intorno alle persone che fanno uso di droghe e il mantenimento delle punizioni penali sull'uso e il trattamento della droga, mostrano che c'è ancora molta strada da fare.

Il lavoro del Centro Naufar soddisfa solo pochissime condizioni di Harm Reduction International (HRI) principi di riduzione del danno: in effetti, il Qatar mostra rispetto per le prove e forse una comprensione delle barriere che le persone che fanno uso di droghe devono affrontare quando vengono trattate attraverso il sistema di giustizia penale. Ma il supporto per la riduzione del danno sembra finire qui. Ci sono non accettato pubblicamente programmi di aghi e siringhe, trattamento con agonisti degli oppioidi, fornitura di naloxone o interventi di sostegno per la riduzione del danno in carcere. Questi sono tutti interventi basati sulla salute collaudati che aiutano a ridurre i danni correlati alla droga, e la maggior parte funziona solo se esiste un ambiente legale che ne consente l'attuazione. Questo apparentemente non è il caso del Qatar.

 

Continua approvazione della punizione 

Sebbene il dottor Al-Marri sia stato chiaro sull'impegno del Qatar per un approccio alla dipendenza basato sulla salute, i legami con il sistema di giustizia penale rimangono ancora. L'inaugurazione del Centro Naufar è stata seguita da a cerimonia della firma di cooperazione tra la struttura di cura e il Pubblico Ministero, dove il dott. Al-Marri ha spiegato che non solo la dipendenza ma anche l'uso di droghe sono condizioni che devono essere studiate per prevenire ed essere riabilitate.

La sezione pratica di “trattamento obbligatorio” in alternativa alla reclusione è conforme all'art 1987 "Controllo e regolamentazione degli stupefacenti e delle sostanze psicotrope pericolose", che rimane un documento guida chiave per la politica sulle droghe del Qatar. tavolo sotto), è possibile essere ulteriormente condannati al trattamento coatto.

  Consumo di droghe Detenzione di sostanze stupefacenti (per uso personale)
Fine (Riyal del Qatar) da 50,000 a 100,000 da 10,000 a 20,000
Bene (dollari USA) da 13,700 a 27,500 da 2,700 a 5,500
Condanna carceraria 2 a 5 anni 1 a 3 anni

Tali pratiche violano le Nazioni Unite e una comprensione reciproca dei diritti umani, che affermano che “il trattamento della droga dovrebbe essere sempre volontario, basato sul consenso informato e lasciato esclusivamente agli operatori sanitari”.

Esprimere che qualsiasi tentativo di costringere o costringere le persone a sottoporsi al trattamento rappresenta una “…violazione inaccettabile del diritto di scegliere liberamente il proprio trattamento…”. L'affermazione dell'MDPS secondo cui il Qatar fornisce "servizi sanitari senza timore di punizione" è chiaramente infondata, poiché il trattamento obbligatorio è ancora integrato nelle misure punitive e la punizione per l'uso o il possesso di droghe è ancora inflitta nonostante tutti gli investimenti sanitari. Il messaggio misto sulla tossicodipendenza, il trattamento e la punizione crea un'immagine oscura di un sistema sanitario che sembra progressista in superficie, quando in realtà viene ancora praticata una struttura punitiva per l'uso e il trattamento della droga.

 

Trattamento riservato ai cittadini e basato sulla punizione

L'incapacità del Qatar di adottare strategie di riduzione del danno nel trattamento va oltre il mantenimento delle sanzioni penali.

Attualmente non esiste un centro di riabilitazione finanziato dallo stato per i non qatarini cittadini, opponendosi direttamente all'impegno di principio di HRI a assicurando “nessuno è escluso dai servizi sanitari e sociali di cui può aver bisogno a causa del suo uso di droghe, della sua razza, del suo genere, della sua identità di genere, del suo orientamento sessuale, della sua scelta lavorativa o della sua condizione economica”. Considerando che l'89% della popolazione è espatriato, una parte considerevole della popolazione non avrà diritto alle cure se necessarie, il che mina anche il QNV 2030 scopo garantire che i servizi sanitari siano universalmente accessibili.

Inoltre, in uno studio nazionale su come i dipartimenti di emergenza trattano l'abuso di sostanze in Qatar, hanno scoperto che meno dell'1% dei 1495 casi sono stati indirizzati ai servizi psichiatrici, senza che a nessuno fosse offerta un'altra forma di servizi riabilitativi. Ciò nonostante, 61 casi di "Problemi comportamentali indotti da sostanze", 29 di "Conseguenze croniche dell'uso" e 23 di "autolesionismo", tra le altre circostanze che potrebbero giustificare ulteriori supporto. Parte di ciò potrebbe essere dovuto al fatto che nessun centro di riabilitazione per abuso di sostanze offre effettivamente un'emergenza servizi.

 

Impegno incompleto del Qatar per la riduzione del danno

Mentre il Qatar lo è su carta impegnata in una "prospettiva dei diritti umani" per la politica sulle droghe, non sembra interessata ad apportare i cambiamenti necessari per renderla una realtà praticata. Ci sono ancora troppe questioni irrisolte che la nazione del Golfo deve ancora affrontare. Ciò include l'ampliamento dell'accesso alle cure agli stranieri e il disaccoppiamento del trattamento della droga da un modello punitivo per il consumo di droga.

Il Qatar continua a usare trattamenti coercitivi, linguaggio stigmatizzante e, come scoperto dalle Nazioni Unite, caporale punizione. Questi gravi problemi continuano a limitare il numero di persone che accedono ai servizi sanitari essenziali prima che siano strettamente necessari.

Se intendono realizzare la loro "Visione nazionale 2030" e adottare veramente un "approccio basato sui diritti umani" al danno causato dalla droga, queste preoccupazioni devono essere indirizzata.

Articoli precedenti
Cannabis: una storia di due mondi separati
pagina successiva
Lezioni sull'evangelismo psichedelico dalla controcultura britannica degli anni '60

Contenuti correlati