1. Casa
  2. Articoli
  3. Solo la solidarietà tra i tossicodipendenti porrà fine al proibizionismo

Solo la solidarietà tra i tossicodipendenti porrà fine al proibizionismo

Le persone che assumono oppioidi prescritti o altri farmaci fortemente stigmatizzati provenienti da un medico si sforzano di differenziarsi dai cosiddetti "drogati" che acquistano droghe chimicamente simili dal mercato illecito. Lo trovo incredibilmente strano. Dopotutto, c'è una certa sovrapposizione tra i pazienti che lottano con il dolore cronico e le persone che usano oppioidi illeciti, con molti di questi ultimi costretti ad auto medicarsi perché impossibile accedere ai farmaci di cui hanno bisogno da un medico. Inoltre, considerando quante persone usano oppioidi per far fronte all'infanzia traumatica e altre forme di dolore emotivo, questi due gruppi hanno molto più in comune di quanto si potrebbe inizialmente immaginare. Sebbene l'angoscia fisica e mentale differiscano, sono entrambe forme di sofferenza umana che richiedono empatia da parte degli altri, nonché lavoro collettivo per alleviarle.

È comprensibile il motivo per cui le persone che assumono oppioidi per il dolore tendono a insistere sul fatto di non essere "tossicodipendenti" o "cercatori di droghe". Dopo tutto, non vogliono essere visti o trattati come "drogati". Ma, onestamente, nemmeno la maggior parte dei cosiddetti "drogati". Le persone che usano oppioidi illeciti - in modo problematico o meno - sono esseri umani altrettanto degni e preziosi di quelli con prescrizioni di oppioidi. Non siamo gli assurdi zombie stereotipati da squallidi film di Hollywood, ma esseri umani con lo stesso valore e potenziale intrinseco di chiunque altro. Questo potenziale è limitato solo dalla criminalizzazione, che impone registrazioni che ci disumanizzano, limitando il nostro accesso a posti di lavoro , alloggio e altre forme di servizi a cui la maggior parte delle persone di solito può accedere senza problemi.

La maggior parte dei consumatori illeciti di oppioidi vuole la stessa cosa dei pazienti con dolore cronico: essere trattati come esseri umani ed essere idealmente in grado di accedere a una fornitura legalmente regolamentata delle nostre droghe preferite per evitare i potenziali pericoli del mercato illecito o della criminalizzazione. Coloro che lottano con la dipendenza probabilmente desiderano un trattamento basato sull'evidenza che riconosca la loro umanità e li rafforzi, piuttosto che punirli o umiliandoli all'infinito.

Idealmente, entrambe le opzioni dovrebbero essere integrate nel sistema sanitario tradizionale, consentendo alle persone di discutere del proprio consumo di droga con gli operatori sanitari senza subire stigma. In quanto riduzionisti del danno, dovremmo essere alleati naturali delle persone con dolore cronico, che desiderano l'accesso ai medicinali senza dover sottoporsi a un'intensa sorveglianza come gli screening delle urine. Fortunatamente, un numero crescente di pazienti con dolore cronico se ne rende conto e si allea con i riduzionisti del danno. Tuttavia, sono ancora necessari ulteriori progressi. Non possiamo progredire se le persone continuano a giustificare il loro accesso alla medicina prendendo le distanze da "quei drogati" che non hanno lo stesso accesso e opportunità di cui hanno loro.

 

I danni delle distinzioni binarie e naturali

C'è una somiglianza tra il semplicistico binario dell'uso di droghe mediche e ricreative e tra le persone che usano droghe illecite meno stigmatizzate (come gli psichedelici) e quelle che usano quelle fortemente stigmatizzate (come gli oppioidi). Entrambi si basano su reazioni emotive istintive piuttosto che su qualsiasi prova. Decenni di rappresentazioni disumanizzanti di persone che fanno uso di droghe, sia in finzione e notizie, ci ha trasformati in creature disumane da fumetti pulp horror, piuttosto che come esseri umani complessi e sfaccettati, con le stesse motivazioni ed emozioni di tutti gli altri. Questo effetto è amplificato se si usano droghe stigmatizzate.

Ma in realtà non siamo così diversi da chiunque altro. Il nostro uso di droghe non ci definisce né nega la nostra umanità, le nostre qualità, la nostra unicità.

I sostenitori della cannabis e degli psichedelici a base vegetale spesso sottolineano il fatto che queste sostanze provengono dalla natura, nel tentativo di giustificare il loro uso come in qualche modo migliore rispetto ad altre droghe. Questi argomenti spesso (o volutamente) dimenticano da dove l'oppio proviene, oppure, opportunamente omettono la provenienza stessa dell'LSD. E mentre alcune altre droghe possono essere ricavate dall'oppio stesso, sono sostanze prodotte naturalmente dal papavero papavero somnifero.

L'idea che qualcosa dalla natura sia intrinsecamente morale o più sano è un errore logico che pervade il movimento di riforma della droga. Naturale non significa "buono", "sicuro" o "adatto al consumo umano". I funghi del cappello della morte sono perfettamente naturali, ma come suggerisce il nome, in realtà non dovrebbero essere mangiati. Dobbiamo avere un sano rispetto per i reali pericoli della natura invece di presumere che una presenza naturale indichi sicurezza o virtuosismo.

Un altro argomento comune a sostegno morale dei farmaci meno stigmatizzati è il loro relativo profilo di sicurezza. Eppure "più sicuro" non significa "completamente sicuro". Basta guardare gli psichedelici, una classe di potenti droghe che non dovrebbero essere consumate alla leggera. Certamente sono decisamente meno rischioso rispetto ad altre sostanze, ma non del tutto innocue né benefiche per tutti coloro che le consumano.

E mentre i trip sitter e altri interventi possono aiutare, ci sono sfide e rischi che derivano dall'inquadrare droghe potenti come "sicure" per garantire che siano legalmente regolamentate. L'accettazione della cannabis (e sempre più degli psichedelici) nella società ha reso la conversazione sui loro danni e su come affrontarli più facile che mai; ma non possiamo dimenticare che non molto tempo fa si riteneva che non avessero alcun beneficio, medico o altro. In effetti, in tutto il mondo continuano a farlo classificarle come sostanze incredibilmente nocive.

I sostenitori della cannabis e degli psichedelici dovrebbero ricordare che il viaggio per accettare l'uso delle loro droghe preferite è iniziato in un luogo simile a quello degli oppioidi e di altre droghe stigmatizzate. Dobbiamo stare attenti quando insinuiamo che qualsiasi tipo di droga non comporta alcun rischio; questo semplicemente non è vero e non è utile al movimento.

Non possiamo continuare il proibizionismo

Anche con farmaci ampiamente considerati benigni, è sempre necessaria la riduzione del danno. Finché esiste il proibizionismo, ridurre i danni legati alla droga sarà sempre una sfida. Ciò è aggravato dalla criminalizzazione, che può limitare l'accesso anche a materiali di base per la riduzione del danno come kit per test antidroga, siringhe e metadone. Dare priorità alla legalizzazione degli psichedelici e della cannabis incoraggiando le distinzioni tra loro e le droghe "cattive" riproduce un nuovo tipo di divieto. Questa evoluzione continua a trascurare i potenziali pericoli delle droghe "buone", mentre perpetua l'oppressione di quelle "cattive", comprese le persone che le usano.

Se gli psichedelici e la cannabis sono legalizzati, ma altre droghe e i loro consumatori continuano a essere banditi e perseguitati, questa logica proibizionista sopravvive.

Queste mezze misure di legalizzazione sono ipocrite e in gran parte inutili per il movimento. Finché continueremo a dividere le droghe in "buone" contro "cattive", o "mediche" contro "ricreative", non faremo mai veri progressi nei diritti dei consumatori di droghe. Invece, dovremmo riconoscere che tutte le sostanze hanno il loro profilo distinto di pericoli e benefici, indipendentemente dal loro utilizzo. I danni sono esacerbati dalla loro criminalizzazione; nessuno dovrebbe essere punito per ciò che sceglie di ingerire, soprattutto se è consapevole dei rischi del consumo.

Quelli che sostengono esclusivamente la legalizzazione degli psichedelici e quelli che vogliono in gran parte porre fine alla guerra contro tutti ifarmaci, dovrebbero essere alleati naturali. I loro obiettivi sono quasi interamente allineati. I sostenitori della cannabis e degli psichedelici non devono negare, sminuire o prendere le distanze da coloro che hanno visioni più radicali di porre fine al proibizionismo. Porre fine a questo sistema oppressivo e sostituirlo con uno che dia priorità alla salute pubblica e all'autonomia corporea andrebbe a beneficio di tutti.

Piuttosto che lottare tra di noi per ottenere l'accesso ad alcune droghe a scapito di altre, potremmo lavorare insieme nella solidarietà dei tossicodipendenti, ponendo fine al proibizionismo una volta per tutte.

Articoli precedenti
Profarmaci: le pillole che il tuo corpo trasforma in una droga illecita possono eludere il rilevamento
pagina successiva
Vieni a spedire un po' di cocaina con me: come la cocaina entra in Europa

Contenuti correlati

La storia raccontata è molto importante, che è anche la più desolata – ВИДЕО

.
Азиатская Сеть людей, употребляющих наркотики, (ANPUD) презентовала серию короткометражных документальных фил ьмов о нарушениях прав потребителей наркотиков в регионе Юго-Восточной Азии.…