1. Casa
  2. Articoli
  3. I leader mondiali chiedono la fine della criminalizzazione delle persone che forniscono droghe e coltivatori illegali

I leader mondiali chiedono la fine della criminalizzazione delle persone che forniscono droghe e coltivatori illegali

Nel suo ultimo rapporto, la Global Commission on Drug Policy (GCDP) sostiene un nuovo approccio alla depenalizzazione dei reati di droga di basso livello, inclusa la fine della criminalizzazione di coloro che forniscono droghe.

Avanzare la riforma della politica sulle droghe: un nuovo approccio alla depenalizzazione, pubblicato oggi, è il sesto rapporto del GCDP, una raccolta di ex capi di stato, alti funzionari delle Nazioni Unite, intellettuali e imprenditori.

Sebbene la Commissione, sin dal suo inizio nel 2011, abbia costantemente chiesto la depenalizzazione del possesso di droga per uso personale, Promuovere la riforma della politica sulle droghe segna un notevole progresso in questa posizione politica.

Ad esempio, a differenza della maggior parte dei politiche di depenalizzazione esistenti In tutto il mondo, dove chi fa uso di sostanze stupefacenti è ancora soggetto a multe o sanzioni amministrative sostitutive della fedina penale, il GCDP sostiene che nessuna sanzione dovrebbe mai essere inflitta per il semplice possesso e/o uso di sostanze stupefacenti. “Solo allora”, afferma il rapporto, “la distruzione della società causata dalla proibizione della droga può essere adeguatamente mitigata” e i principi della dignità umana e dello stato di diritto possono essere fermamente sostenuti.

Cosa più interessante, l'invito a non punire viene esteso ad altri attori di basso livello nel traffico di droga, inclusi i cosiddetti utilizzatori/spacciatori, corrieri di droga e coltivatori di colture illecite come l'oppio e la foglia di coca. Molti di coloro che si impegnano in queste attività, osserva il rapporto, lo fanno per “emarginazione economica … mancanza di altre opportunità … [o] coercizione”, ma affrontano severe punizioni – tra cui la reclusione, la pena di morte e la distruzione dei mezzi di sussistenza attraverso l'estirpazione forzata delle colture.

A differenza delle persone colte in possesso di droghe per uso personale, tuttavia, i suddetti attori di basso livello sarebbero soggetti a sanzioni civili nel quadro proposto dal GCDP.

As TalkingDrugs ha precedentemente riferito, le analisi dei mercati della droga spesso dipingono un'immagine semplicistica del "cattivo spacciatore" e della "vittima/consumatore innocente", qualcosa che il GCDP è notevole nel contestare. Ad esempio, una ricerca limitata sugli utenti/spacciatori – un termine che si riferisce a coloro che vendono droghe per finanziare il proprio consumo problematico – ha rilevato che questo gruppo di persone soffre di una grave emarginazione economica e si dedica alla fornitura di droga per evitare altre attività criminali come il furto.

Quando si tratta di corrieri della droga, un gruppo comunemente indicato come "muli", il GCDP sottolinea quanto sia ingiusto criminalizzare questo gruppo per un crimine non violento, in particolare quando trasportano droga a causa della loro disperazione economica o sono stati costretti nel farlo.

Dopo shavasana, sedersi in silenzio; saluti; l'Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC) ritirata la pubblicazione del suo documento lo scorso anno che chiedeva alternative alla punizione per reati di droga su piccola scala, il rapporto del GCDP riapre la discussione sull'opportunità di ampliare le richieste di depenalizzazione per riflettere le realtà del traffico di droga.

Promuovere la riforma della politica sulle droghe può far riflettere alcuni leader statali su come trattano le persone che sono sia economicamente emarginate che dipendenti dalla fornitura di farmaci per il loro sostentamento, sebbene sia improbabile che provochi direttamente una riforma politica. Il potenziale di questo rapporto potrebbe risiedere nella sua capacità di far sì che una più ampia depenalizzazione prenda piede tra altri influenti organismi internazionali.

*L'autore è stato consulente tecnico per "Promuovere la riforma della politica sulle droghe: un nuovo approccio alla depenalizzazione".

Articoli precedenti
Rotto! Come la polizia rileva e gestisce il possesso di droga in tutto il mondo
pagina successiva
Le disparità razziali nelle condanne per droga nel Regno Unito evidenziano la necessità di una riforma

Contenuti correlati

Власти России препятствуют борьбе с ВИЧ с помощью закона об "иностранных аентах"

.
30 августа Фонд Андрея Рылькова (ВИЧ-serвисная организация, оказывающая услуги снижения вреда наркопотребите лям города Москвы), выиграл судебный иск против Министерства юстиции…