1. Casa
  2. Articoli
  3. Celebrazione della lenta ma costante riforma antidroga in Polonia

Celebrazione della lenta ma costante riforma antidroga in Polonia

Un cuore nei colori della bandiera polacca davanti agli edifici

Sebbene la Polonia non sia nota per essere il paese più progressista nel trattamento dei tossicodipendenti, i cambiamenti si sono verificati lentamente ma costantemente sullo sfondo. L’evidenza globale, il cambiamento dell’opinione politica e gli sviluppi politici pragmatici hanno contribuito a sviluppare le politiche sulla droga del paese.

Sono passati 23 anni da quando la Polonia ha criminalizzato il possesso di droga articolo 62 della Legge Nazionale per la Lotta alla Tossicodipendenza. Anche se il paese aveva ratificato la Convenzione unica sulla droga del 1961, in Polonia il possesso non era mai stato considerato un reato penale, il che significa che le persone che facevano uso di droghe erano legalmente lasciate a se stesse (la realtà sul campo con le interazioni con le forze dell'ordine potrebbe essere stata diversa).

Tuttavia, anche se il possesso di droga resta un reato, molte cose sono cambiate da questo divieto iniziale. Negli ultimi due decenni abbiamo assistito a due importanti cambiamenti legislativi nella politica polacca sulla droga, che potrebbero rappresentare un progressivo “scioglimento” degli atteggiamenti politici nei confronti delle droghe e di coloro che ne fanno uso.

In primo luogo, nel 2011, è stata adottata la Legge nazionale per la lotta alla tossicodipendenza modificato con un nuovo articolo 62(a). Ciò consente ai giudici di archiviare i casi di possesso di droga quando le quantità sequestrate erano per uso personale.

Successivamente, nel 2017, anche i politici polacchi deciso di legalizzare l’uso medico della cannabis. Attualmente in Polonia sono disponibili diversi ceppi di canapa con diversi livelli di THC e CBD. in 2022, Si stima che in Polonia ci siano 9,000 pazienti che accedono legalmente alla cannabis terapeutica, rendendola una delle più grandi popolazioni di pazienti in Europa.

Entrambi questi cambiamenti sono lungi dall’essere perfetti. L'emendamento 62(a) lo è non utilizzati in modo corretto e sistematico. Le possibilità di licenziamento dipendono dalla tua regione geografica. Se vieni trovato in possesso di una sostanza stupefacente in una città più grande, ad esempio, è molto più probabile che il tuo caso venga archiviato rispetto a una città più piccola.

Anche l’accesso alla cannabis medicinale è limitato. Mentre la Polonia ha un popolazione stimata di circa 9,000 pazienti che accedono legalmente alla cannabis terapeutica, la ricerca ha dimostrato i medici sono ancora riluttanti a prescriverlo, non riuscendo a soddisfare la sua richiesta. Come in Gran Bretagna, i pazienti devono continuare a ricorrere al mercato nero. Detto questo, qualsiasi discussione sulla depenalizzazione o legalizzazione sarebbe stata impensabile negli anni 2000.

 

Indicatori di cambiamento

Sembra, tuttavia, che il motore del potenziale cambiamento non si troverà nella sfera politica ma nella più ampia “sfera pubblica”. Un paio di anni fa ho intervistato un ministro strettamente legato ad un disegno di legge del 2000 che mirava a criminalizzare ogni possesso di droga. Ella ha sostenuto che, a suo avviso:

 

Nessuna malattia correlata al tumore o qualsiasi altra malattia rappresenta una minaccia così grande come i narcotici in Polonia… e nel mondo.

Ma questo punto di vista non sembra essere condiviso dalla maggioranza dei polacchi, che credono sempre più che la cannabis debba essere regolamentata. Il sondaggio Eurobarometro ha dimostrato che solo il 27% degli intervistati polacchi è d'accordo con l'affermazione secondo cui la cannabis dovrebbe essere regolamentata nel 2008. Nel 2021, questa percentuale è salita al 71%. Altri studi attitudinali come il Rapporto nazionale polacco sulla droga (in 2006 ed 2019) dimostrano una tendenza crescente simile nel sostegno.

Accordo con l'affermazione: "la cannabis dovrebbe essere regolamentata", con le risposte "fortemente d'accordo" e "d'accordo" combinate. Fonte: FlashEurobarometro (2011 ed 2021.)

 

Ci sono altri indicatori di cambiamento. Il Progetto scolastico europeo sull’alcol e le altre droghe (ESPAD), attivo in Polonia dal 1995, chiede ai bambini in età scolare quali siano i danni associati alle droghe, compresa la cannabis. I loro dati mostrano che il consumo occasionale e regolare di cannabis non è più considerato dannoso come negli anni ’1990. Nel 1995, l’81% degli intervistati pensava che fumare cannabis comportasse regolarmente “rischi elevati” (come percepito dagli intervistati), percentuale che è scesa al 60% nel 2019. Il 53% degli intervistati nel 1995 pensava che fumare cannabis di tanto in tanto comportasse rischi elevati alla salute; l'iterazione più recente dello studio (2019) ha mostrato che era sceso al 23%.

 

Non puoi controllare tutte le informazioni

Tutto ciò potrebbe riflettere cambiamenti nel rapporto tra persone, stato e media. Negli anni ’1990 e all’inizio degli anni 2000, i funzionari governativi polacchi erano in una posizione molto migliore per creare e rafforzare alcune narrazioni sulla droga.

All’epoca, il governo polacco fu molto proattivo nel diffondere al pubblico messaggi orientati all’astinenza. Molti di questi erano basati su tattiche di paura e affermazioni esagerate. Alcuni dei lettori polacchi più anziani potrebbero ricordare una pubblicità in cui una madre di un bambino tossicodipendente si pronunciava a sostegno della criminalizzazione, dicendo: “meglio tenere mio figlio in prigione che in un cimitero”. Queste campagne furono efficaci nel persuadere molti membri del pubblico che tutte le droghe – sia la cannabis che l’eroina polacca – erano la stessa cosa; e quello ha portato a un altro.

Non sto dicendo che questa influenza sia completamente diminuita – non è così, ma ciò che è cambiato è l’accesso alle informazioni. Un intero canale YouTube chiamato "Wiem CoĆpie" (So cosa sto prendendo) è stato istituito nel 2017 per istruire i polacchi sulle questioni legate alla droga. Altre figure stanno lavorando per cambiare lo stigma legato alla droga: il il rapper Mata ha avviato una campagna nazionale per la depenalizzazione della cannabis; hanno creato i liceali campagne di informazione per i giovani adulti per discutere gli effetti delle droghe. Questi prodotti nazionali coesistono insieme a crescenti prove internazionali, disponibili su Internet e nei media popolari, il cui accesso era molto più limitato alle generazioni più anziane cresciute sotto il regime comunista pre-Internet.

È quindi molto più difficile per i politici influenzare l’opinione pubblica sulle droghe e su come dovrebbero essere trattate le persone che ne fanno uso, quando ci sono prove crescenti e prospettive mutevoli su di esse. Le opinioni dogmatiche che venivano facilmente diffuse e accettate negli anni ’1990 (come “fumerai cannabis e poi prenderai eroina”) vengono ora derise dai più giovani. Questi miti dannosi sono stati sfatati anche grazie al duro lavoro di società civiche come la Rete polacca per la politica sulla droga (PDPN) o il Società libera della canapa.

Questa panoramica non vuol dire che la Polonia sarà il prossimo paese a depenalizzare le droghe. I sostenitori continueranno a lottare per cambiare l’opinione pubblica sulle droghe e su coloro che le usano finché il governo li dipingerà come responsabili della criminalità e di altri comportamenti sociali indesiderati. Tuttavia, evidenzia che anche un paese che è stato politicamente contrario al cambiamento della politica sulla droga, non è stato in grado di resistere al cambiamento della marea globale della droga. Dai vantaggi economici e medici creati dalla cannabis terapeutica, al miglioramento del trattamento delle persone che fanno uso di droghe (da parte del sistema di giustizia penale), questi piccoli segnali di progresso dovrebbero essere motivo di speranza per il futuro.

Nel complesso, credo che il cambiamento stia avvenendo, per quanto lento possa sembrare. Questi cambiamenti potrebbero non essere avvertiti immediatamente, soprattutto da coloro che vivono in Polonia e sono frustrati dal sistema attuale. Tuttavia è importante riconoscere che il Paese si trova in una situazione diversa rispetto all’inizio del millennio.

Dobbiamo continuare a spingere per una più ampia accettazione delle prove relative alla politica progressista sulla droga, proprio come stanno facendo il PDPN e la Free Hemp Society, e garantire che ciò si traduca in successi politici concreti.

Articoli precedenti
Potenziamenti cerebrali scatenati: uso di potenziatori cognitivi tra gli studenti universitari
pagina successiva
Futuro Coca: immaginare un nuovo futuro per la coca in Colombia

Contenuti correlati