1. Casa
  2. Articoli
  3. In vista delle elezioni europee, i sostenitori lanciano il Manifesto della politica sulla droga

In vista delle elezioni europee, i sostenitori lanciano il Manifesto della politica sulla droga

In preparazione alle prossime elezioni del Parlamento europeo di giugno, Correlazioni Rete europea per la riduzione del danno (C-EHRN) hanno lanciato il Manifesto della politica sulla droga del 2024.

Il Manifesto, avviato da C-EHRN e NEWNet Enjoying Safer Nightlife, propone quattro principi guida per una “politica europea sulla droga pragmatica, innovativa e centrata sui diritti umani” che garantirebbe un’applicazione coerente delle politiche sulla droga in tutto il blocco.

In un evento di lancio questa settimana, C-EHRN, insieme a UNITE e IDPC, ha evidenziato le ambizioni del Manifesto nonché un piano d'azione.

 

Principi guida

Il Manifesto evidenzia che il consumo di droga in Europa ha raggiunto livelli record, con preoccupazioni legate alla diffusa comparsa e prevalenza di nuove sostanze psicoattive. Secondo l'Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (EMCDDA) nel 8.5 sono state sequestrate la cifra record di 2021 tonnellate di nuove sostanze psicoattive Rapporto europeo sulla droga 2023: ciò include 400 nuovi composti rilevati solo nel 2021. Da quest'anno, l'EMCDDA sta monitorando un numero record di 930 nuove sostanze psicoattive oltre ai tradizionali mercati della droga della cannabis, dell'eroina e di altri mercati della droga più consolidati.

Dai catinoni sintetici ai nuovi oppioidi, esiste una miriade di sostanze con profili di sicurezza sconosciuti che sono apparse come conseguenza della dura repressione delle sostanze tradizionali. Ecco perché il primo principio del Manifesto è quello di aumentare gli investimenti in sanità e assistenza sociale, invitando le istituzioni dell'UE a interventi sanitari rispetto alle forze dell'ordine. Ciò include servizi di riduzione del danno, come la prevenzione dell’HIV/AIDS e dell’HCV, il naloxone da portare a casa, sale per il consumo di droga e servizi di controllo della droga.

Di seguito c'è la chiamata a abbandonare le politiche di guerra alla droga, che non sono riusciti a ridurre le dimensioni dei mercati illegali della droga, a ridurre la violenza legata al mercato o a ridurre lo stigma relativo alla ricerca di sostegno per le questioni legate alla droga. In pratica, ciò significa che gli organismi europei per la salute e i diritti umani dovrebbero assumere un ruolo guida nella definizione delle politiche europee sulla droga, garantendo che non siano dirette solo dalle forze dell’ordine.

Ciò è particolarmente importante data l'imminente trasformazione dell'OEDT nell'Agenzia europea per la droga (EUDA). Anche se il suo mandato sembra includere un ruolo importante nella consultazione della società civile, ce ne sono stati preoccupazioni da parte della società civile che la nuova EUDA sarà un veicolo principalmente incentrato sulla sicurezza che ridurrà la priorità degli interventi in materia di salute e diritti umani a favore della lotta alle minacce esterne (come la criminalità organizzata transnazionale). Gli indicatori delle politiche sulla droga dovrebbero quindi espandersi per includere gli impatti sociali del controllo della droga – come l’accesso ai servizi e il rispetto dei diritti delle persone che fanno uso di droghe – insieme alla prevenzione della criminalità e alla riduzione della domanda.

La terza ambizione del Manifesto è: garantire la partecipazione della società civile e della comunità al processo decisionale, principalmente attraverso il finanziamento di forum come il Forum della società civile sulla droga nell’UE. Al di là dei finanziamenti, la loro consultazione dovrebbe essere significativa, in modo che le comunità che alla fine saranno colpite da queste politiche siano in grado di influenzarne la creazione.

Come principio finale, il Manifesto invita all’esplorazione di approcci innovativi ai mercati della droga, compresa la loro regolamentazione responsabile. Con il consenso europeo su come controllare le droghe e i loro danni sempre più frammentato – con paesi simili Germania e Malta con modelli di cannabis legale e città come Berna considerando la regolamentazione della cocaina– l’esplorazione e il monitoraggio delle alternative consentirà politiche maggiormente basate sull’evidenza.

 

Le sfide nell’unificazione delle politiche europee sulla droga

Considerata la natura non vincolante della politica antidroga dell’UE, la sfida più grande resta quella di garantire l’attuazione delle politiche concordato dai membri. Un panorama frammentato delle politiche sulla droga significa che i paesi vicini possono avere leggi sulla droga divergenti, con permessi, sanzioni e punizioni diverse.

Le leggi sulla cannabis nell’Europa centrale illustrano questo punto: in Lussemburgo, l'acquisto di cannabis è legale, ma è consentito solo il consumo privato; in pubblico è possibile possederne al massimo tre grammi. In Germania, è consentita la detenzione pubblica fino a 25 grammi. In Belgio, il possesso pubblico di cannabis è depenalizzato, con una multa potenzialmente assegnata per possesso pubblico “ostentato”. Lo spostamento di cannabis tra questi paesi potrebbe rendere qualcuno passibile di un'accusa di traffico internazionale. Affrontare questa situazione come cittadino, insieme a funzionari delle forze dell’ordine con vari gradi di conoscenza delle leggi sulla droga, potrebbe essere un incubo dal punto di vista legale e dei diritti umani.

“La collaborazione transfrontaliera è fondamentale quando si tratta di politiche che attualmente non sono di competenza dell’UE. Le politiche non allineate rischiano di danneggiare coloro che ne hanno maggiormente bisogno”, ha detto a TalkingDrugs Sven Clement, un membro eletto del Parlamento lussemburghese per il Partito Pirata.

“Mentre [i paesi] devono mantenere l’autonomia legislativa, dobbiamo anche mettere in atto soluzioni transfrontaliere pragmatiche”, ha aggiunto.

 

Mettere in pratica il Manifesto

Al momento del suo lancio, 16 candidati membri del Parlamento Europeo (MEP) hanno firmato il loro sostegno al Manifesto, così come altri sindaci e consiglieri locali europei. Hanno firmato il documento anche quasi 300 organizzazioni della società civile.

In definitiva, il Manifesto sarebbe più efficace se fosse implementato all’interno dei processi decisionali europei.

“Attraverso questo Manifesto, vogliamo dare ai parlamentari europei il potere di condurre un dialogo a livello regionale e nazionale su politiche efficaci sulla droga incentrate sulla salute e sui diritti umani”, ha affermato Beatrix Vas, coordinatrice delle politiche sulla droga di UNITE.

Katrin Schiffer, direttrice del C-EHRN, ha detto a TalkingDrugs di aver invitato gli eurodeputati a presentare il Manifesto alla commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni del Parlamento europeo, che si occupa di questioni di diritto penale e diritti civili dell'UE. Inoltre, il C-EHRN sta spingendo affinché gli eurodeputati garantiscano che la società civile sia coinvolta nelle udienze legate alla droga e riceva finanziamenti per condurre progetti di politica sulla droga basati sulla salute e sulla riduzione dei danni a cui è stata tolta priorità negli ultimi anni.

Alla domanda su come garantire che i politici rispettino gli impegni assunti nel Manifesto, Clement è stato schietto.

"Chiamaci, inviaci un'e-mail, nominaci e svergognaci quando non reagiamo e, peggio ancora, non consegniamo", ha detto. “I politici servono per il piacere dei loro elettori, quindi spetta agli elettori minacciare i nostri seggi se non manteniamo la parola data”.

Articoli precedenti
La nuova coalizione chiede la legalizzazione della droga in Nuova Zelanda
pagina successiva
Divieto, colonizzazione e indebolimento dei diritti degli indigeni

Contenuti correlati