1. Casa
  2. Articoli
  3. Dopo due anni, i mercati farmaceutici ucraini continuano a cambiare

Dopo due anni, i mercati farmaceutici ucraini continuano a cambiare

Febbraio ha segnato due anni dall’invasione russa dell’Ucraina. Ciò non solo ha causato lo spostamento di milioni di persone dalla loro patria verso l’Europa e oltre, ma ha spostato in modo permanente i mercati della droga ucraini e con essi i modelli di consumo delle persone.

Essendo un paese con a fondamenta precedentemente solide per la riduzione del danno, i servizi antidroga ucraini hanno dovuto farlo adattarsi alla guerra. Molti spazi sono diventati rifugi di fortuna, fornendo assistenza umanitaria alle persone che fanno uso di droghe, garantendo un accesso stabile ai farmaci per l’HIV o ai sostituti degli oppioidi come il metadone. Tuttavia, a causa della guerra non sono cambiate solo le organizzazioni che aiutano le persone che fanno uso di droghe; anche coloro che li producono, li spostano e li vendono hanno cambiato i loro modi.

 

Cambiare i mercati della droga

L’iniziativa globale contro la criminalità organizzata transnazionale (GI-TOC), un think tank con sede in Svizzera, segue lo sviluppo dei mercati della droga dall'inizio della guerra. In un recente evento di lancio il loro ultimo rapporto Facendo il punto sui cambiamenti del mercato ucraino della droga, hanno evidenziato quanto sia cambiato il panorama del traffico di droga.

Prima dell'invasione, l'Ucraina aveva una mercato ben consolidato per le droghe internamente, con cannabis, stimolanti di tipo anfetaminico e nuove sostanze psicoattive che sono le sostanze più comunemente usate.

Anche l’Ucraina ha svolto un ruolo importante nel traffico di droga per l’Europa orientale, poiché si trova in una posizione strategica per i flussi di droga attraverso Europa, Africa e Asia. Odessa è stato storicamente il principale punto di ingresso della cocaina che entra nell’Europa orientale dall’America Latina, nonché dei precursori cinesi di anfetamine e altre sostanze sintetiche. L’Ucraina è stata, almeno da allora, una via chiave per il flusso di eroina verso l’Europa primi del '2000, che scorre dall'Oriente (in particolare dall'Asia centrale) al resto dell'Europa.

 

Rotte del traffico di cocaina in Ucraina, ad agosto 2023. Fonte: GI-TOC

 

L’Ucraina ha sempre avuto un gruppo significativo di persone che facevano uso di eroina, con circa 320,000 adulti lo iniettano in tutta l'Ucraina (che rappresentano circa lo 0.7% della popolazione). L'invasione ha destabilizzato i principali punti di ingresso dell'eroina, causando immediate carenze nel loro accesso; Il GI-TOC ha confermato che fino ad oggi l’eroina continua a scarseggiare in tutta l’Ucraina. Anche l'accesso alla cocaina è stato gravemente destabilizzato: i porti di Odessa sono stati temporaneamente bloccati l'inizio della guerra, il che significa che sia le spedizioni “normali” che quelle di droga hanno avuto difficoltà a entrare nel paese.

Con l'accesso limitato e molti dei consumatori tradizionali (più ricchi, di classe superiore) di cocaina in fuga dal paese, il prezzo della droga è aumentato per tutto il 2022. Solo quando i ricchi sfollati ucraini sono tornati nel loro paese, il mercato ha iniziato a normalizzarsi: i prezzi si sono stabilizzati solo ai livelli pre- livelli di guerra dal maggio 2023 in poi quando sono diventate disponibili nuove rotte di transito della cocaina attraverso la Romania (e nell’Ucraina occidentale).

 

Grafico a barre che evidenzia che i mercati della droga ucraini stanno cambiando, con un aumento dei prezzi della cocaina dopo l'invasione russa nel febbraio 2022.
Prezzo medio al dettaglio (in €) della cocaina in Ucraina, dal 2017 ad agosto 2023. Fonte: GI-TOC

 

Con l’eroina, lo spostamento del mercato è stato difficile da realizzare. Un’industria illecita di metadone e buprenorfina si è sviluppata in modo significativo: l’offerta proviene sia da coloro che dirottano il metadone dalle cliniche private, ma anche da metadone prodotto illegalmente.

 

L'aumento dei sali

Il consumo di droghe sintetiche era in aumento già prima della guerra: il numero di laboratori di produzione di anfetamine arrestati dalla polizia ucraina è passato da 17 nel 2019 a 67 in 2020. I mercati della droga ristretti, così come una maggiore domanda di farmaci da parte di coloro che affrontano le loro nuove vite in prima linea, o le nuove realtà nell’Ucraina in tempo di guerra, hanno creato le condizioni fertili affinché i “sali” dominassero il mercato.

I catinoni, comunemente noti come sali, sono una classe di stimolanti sintetici utilizzati in tutto il mondo: i precursori provengono da tutto il mondo e i cuochi sono in grado di creare laboratori improvvisati in tutto il paese per produrre e distribuire facilmente questi farmaci. Quelli più comunemente presenti in Ucraina sono attualmente l'alfa-PVP e il mefedrone.

I sali sono sempre più utilizzati dai giovani in tutta l’Ucraina: secondo quanto riferito, bambini di 14 anni li usano per affrontare lo stress e il trauma continuo della guerra. Tuttavia, GI-TOC ha confermato dalla ricerca sul campo che il consumo di sali si estende anche a coloro che sono in prima linea.

L’acquisto di droga in prima linea è facile: i soldati portano con sé la droga dalle città, oppure utilizzano venditori di droga specializzati in prima linea. Esistono gravi preoccupazioni per la salute legate all’uso dei sali, che sono associati a disagio psicologico (come paranoia intensa, funzionamento sociale compromesso) e complicazioni renali.

 

Khimprom – un nuovo modello di produzione e traffico di droga

Una preoccupazione degna di nota è stata l’ascesa del Khimprom e il loro approccio innovativo alla produzione di farmaci. Khimprom è un'impresa criminale che opera in Russia e Ucraina dal 2014.

"La grande innovazione [del Khimprom] sta nell'eliminazione del fattore umano, proprio come le principali piattaforme di commercio online... Tutto passa attraverso la rete, paradossalmente riducendo anche la violenza", ha detto a TalkingDrugs Ruggero Scaturro, autore del rapporto GI-TOC.

Il gruppo si distingue per il suo approccio unico alla produzione di farmaci. I Khimprom conducono essenzialmente un modello di business “in franchising”: chiunque può mettersi in contatto con loro per evidenziare il proprio interesse nella produzione e vendita di farmaci; Khimprom fornisce quindi loro i precursori e le infrastrutture necessarie per avviare la produzione. Il nuovo "proprietario del franchising" inizia quindi a produrre e vendere farmaci attraverso il mercato online proprietario di Khimprom, RuTor.

Khimprom ha portato avanti un modello interessante e chiaramente di successo. Il loro approccio al franchising ha inoltre consentito loro di espandere la propria portata; in cui già operano Kazakistan (dove si trovavano 15 tonnellate di precursori già sequestrato), Georgia, Repubblica Ceca e Slovacchia, e potrebbero espandersi ulteriormente con il loro modello. Gestiscono anche una linea dedicata all'esperienza del cliente, dove le persone possono chiamare per qualsiasi dubbio sulla qualità dei prodotti che hanno acquistato.

Oltre a pagare bene i propri membri, il Khimprom ha anche condotto campagne pubbliche per ridurre la concorrenza. La loro campagna di cartelloni pubblicitari ha chiamato “Prendi il mazziere” hanno utilizzato celebrità ucraine per incoraggiare le persone a chiamare la polizia contro i loro spacciatori in cambio di una grossa ricompensa finanziaria.

"Il Khimprom può contare su individui influenti negli ambienti istituzionali - probabilmente forze dell'ordine - che facilitano i loro traffici indirizzando i sequestri verso clan rivali", ha aggiunto Scaturro.

L'abile utilizzo dell'influenza ad alto livello e del sostegno pubblico da parte del Khimprom ha permesso loro di sopprimere la concorrenza in tutta l'Ucraina e di consolidare il loro ruolo di principali trafficanti di droga durante questo periodo turbolento.

 

Una nota sulla cannabis ucraina

Gran parte delle notizie relative alla droga in Ucraina riguardano la sua mossa per legalizzare la cannabis terapeutica. Sostenuto da Lo stesso Zelenskij, la cannabis terapeutica è stata considerata necessaria per riabilitare i soldati di ritorno e i traumi legati alla guerra. Mentre il disegno di legge veniva firmato nel dicembre 2023, entrerà in vigore nel luglio 2024. La cannabis era già la sostanza più utilizzata in Ucraina prima della guerra; la legalizzazione medica può essere utile per sostenere l'economia del paese e fornire sostegno mentale alle persone colpite dalla guerra.

Tuttavia, i collegamenti con la criminalità organizzata e il suo uso diffuso non saranno risolti dalla regolamentazione medica. Molti dettagli sul modello ucraino della cannabis non sono ancora definiti: mentre il modello sarà principalmente incentrato sulla farmacia, i requisiti di licenza e le rigorose pratiche di produzione fanno sì che alcuni esperti si aspettino che la produzione legale di cannabis ucraina avverrà solo nel 2026. Ciò significa che il mercato illecito rimarrà un’importante fonte di accesso per i pazienti medici e per i consumatori ricreativi. È improbabile che l’infrastruttura per la produzione e la vendita illegale di cannabis scompaia presto.

 

I mercati della droga in Ucraina continueranno a cambiare?

Per Scaturro, “i flussi di cocaina [nel 2024] dipenderanno probabilmente da ciò che farà Odessa in futuro, e anche dalla guerra, considerando che molti consumatori facoltosi hanno lasciato l’Ucraina, portando con sé la loro dipendenza”. Ha inoltre commentato che gli oppioidi sintetici, in particolare il metadone, rimarranno sostanze importanti nel mercato ucraino; sembra che anche i sali siano qui per restare.

Nel 2024 e negli anni a venire, sarà importante che l’Ucraina ritorni alle sue tradizioni di riduzione del danno, sostenendo le persone con un accesso stabile ai farmaci. L’impatto duraturo della guerra è innegabile; sarà importante ridurre i danni derivanti dalla guerra e le conseguenti abitudini alla droga per molti anni a venire. La continua criminalizzazione della droga significa che le organizzazioni per la riduzione del danno in Ucraina sono una sfida hanno sempre affrontato rimarrà, solo esacerbato dalla guerra in corso.

Intervenendo in un webinar online sul rapporto del GI-TOC, Ganna Dovbakh, capo della Eurasian Harm Reduction Association (EHRA), ha condiviso la sua preoccupazione per la mancanza di servizi di sostegno per le persone che denunciano stimolanti di tipo anfetaminico come i sali. La conoscenza psichiatrica deve essere integrata con le risposte alla dipendenza per garantire che le persone che sviluppano problemi di salute mentale a causa dei sali siano supportate e comprese. Mentre l'EHRA ha risorse sviluppate Per supportare le persone che fanno uso di queste nuove sostanze psicoattive, ci sono poche informazioni disponibili su quali potrebbero essere gli effetti a lungo termine del loro uso.

 

Articoli precedenti
Una revisione post mortem dell'Assemblea dei cittadini irlandesi sull'uso di droghe
pagina successiva
Trovare la normalità: potenziatori cognitivi e iperproduttività

Contenuti correlati

Смертная казнь и реформы: наркополитика в Малайзии и Dругих странах Юго-Восточной Азии

Il nome della Malesia otmenitь законодательство, которое предусматривает обязательную смертную казнь для людей, кот орые продают наркотики. Такое решение рассматривается правительством несмотря на…