1. Casa
  2. Articoli
  3. Recensione: “Verso la giustizia nelle politiche sulla droga”

Recensione: “Verso la giustizia nelle politiche sulla droga”

I testi accademici sullo stato della riforma della politica sulle droghe costituiscono la spina dorsale di questo settore: la validità delle nostre soluzioni deriva dall’essere basate sull’evidenza. Accanto ai riduttori del danno di base, questa conoscenza viene messa in pratica o creata in prima linea: una relazione simbiotica tra coloro che pensano e insegnano e coloro che agiscono e agiscono, è la chiave per creare sostegno al cambiamento e immaginare le sfide future.

L' libro appena uscito "Verso la giustizia nella politica sulla droga: riduzione del danno, diritti umani e cambiamento dei contesti della politica sulla droga” è una riflessione critica sui risultati raggiunti dalla riduzione del danno e su alcune delle barriere che dovrà affrontare in un futuro non troppo lontano. Facendo il punto sullo stato della riduzione del danno globale, sui suoi successi e fallimenti, gli editori Damon Barrett e Rick Lines hanno raccolto capitoli di persone incredibili provenienti da tutto il mondo che hanno intaccato – praticamente e intellettualmente – il sistema globale di proibizione della droga.

"In tutta onestà, il libro era in parte per noi stessi all'inizio", ha detto Lines a TalkingDrugs. “Ci ha dato l’opportunità di invitare alcune persone davvero straordinarie da tutto il mondo a scrivere su domande interessanti sullo stato attuale della riforma sulla droga. Speriamo che il risultato finale abbia un pubblico molto più ampio di quello che abbiamo noi due”.

Lines continua: “Penso che volessimo qualcosa per quelli 'dentro' e 'fuori'. Alcuni capitoli potrebbero informare le persone che non hanno familiarità con la politica sulla droga su ciò che sta accadendo in questo momento, ma anche capitoli che possono insegnare a quelli di noi che sono in giro da un po' qualcosa di nuovo. Questo è stato sicuramente il caso di entrambi”.

 

Critica schiacciante del proibizionismo

“Decretando l’illegalità della domanda e dell’offerta di una sostanza, lo Stato, invece di assumersi la responsabilità di regolare il mercato per tutelare la salute delle persone, in realtà pone le basi per un business che sarà sviluppato e gestito dagli elementi peggiori della società.” il libro inizia dando il tono a un'esplorazione approfondita degli abusi dei diritti umani commessi con il pretesto di controllare i danni della droga.

Dall’abbandono delle popolazioni andine ai modelli coercitivi di “trattamento” della droga in tutta l’Asia, il libro evidenzia come i diritti umani siano sempre rimasti indietro nel campo delle politiche sulla droga. La repressione dell’uso, della vendita e della produzione di sostanze è stata la priorità per il controllo della droga sin dall’inizio dei moderni sistemi di controllo della droga, con livelli variabili di punizione. Come ha commentato nel libro Ernesto Zedillo, ex presidente del Messico, il proibizionismo “viola i diritti costituzionali, impedisce agli individui di perseguire progetti di vita legittimi, crea permanentemente disuguaglianza e genera danni gravi e massicci alla vita e alla salute degli individui”.

Lines, Barrett e molti dei contributori del libro hanno seguito da vicino il crescente riconoscimento e l'implementazione della riduzione del danno alla livello delle Nazioni Unite; Durante questo periodo, i progressi sulle questioni relative alle politiche sulla droga si sono alternati a livello internazionale, con alcune nazioni che hanno intensificato le loro guerre contro la droga mentre altre hanno sperimentato la depenalizzazione o la regolamentazione.

Fondamentalmente, il libro traccia i vari modi in cui la realtà pratica del proibizionismo sulla droga frantuma l’illusione che il proibizionismo salvi vite umane e riduca i danni della droga. In questo contesto, la riduzione del danno non è più un approccio “radicale”: è un approccio ragionevole sempre più adottato in tutto il mondo.

 

Realizzare la giustizia nella politica sulla droga

I contributi del libro si concentrano sul raggiungimento della “giustizia nella politica sulla droga”, interpretata dagli editori come difesa dei diritti umani e riduzione del danno. Ogni capitolo approfondisce un’area specifica all’interno della quale la riforma può proteggere i diritti delle persone che fanno uso di droghe.

I capitoli di “Drug Policy Justice” sono divisi in cinque temi:

  1. Lo spazio delle politiche sulla droga in evoluzione, e la necessità urgente di includere altre lotte simili all’interno della riforma della politica sulla droga. Ciò include affrontare questioni di giustizia sociale in tutto il mondo, riconoscere il controllo razzista delle leggi sulla droga (in particolare nel Nord del mondo) e sfidare approcci isolati che trascurano le ingiustizie storiche e altre forme di oppressione moderna.
  2. Monitorare i progressi esplora le lezioni apprese da altri prodotti e dagli sforzi di riforma della politica sulla droga in corso.
  3. Riduzione del danno in un panorama in evoluzione cerca di rispondere alle domande future sul ruolo della riduzione del danno in un mondo in trasformazione post-proibizionismo. La necessità di ridurre il danno scomparirebbe del tutto o emergerebbero nuovi danni? La sfera digitale crea un’ancora di salvezza per i progetti di riduzione del danno nei regimi punitivi che puniscono severamente le azioni fisiche? E come evitare la patologizzazione del consumo di droga non trasformando i consumatori di droga da “criminali” a “pazienti”?
  4. Problemi emergenti di diritti dal lato dell’offerta offre uno sguardo approfondito alla Colombia, uno dei paesi che ha sopportato il peso maggiore dei costi violenti, militarizzati e classisti della guerra alla droga a causa del suo ambiente di produzione di cocaina.
  5. Fare i conti con il passato conclude il libro con un’analisi internazionale di un sistema globale di controllo della droga sempre più frammentato e si chiede se le riforme a livello nazionale faranno crollare le convenzioni internazionali. Il capitolo finale si concentra sul Regno Unito: dalle guerre dell’oppio alle paure moralistiche delle minoranze che gestiscono le reti del traffico di droga, il paese ha utilizzato la retorica della “Guerra alla droga” per costruire un nemico identificabile che possa tenere insieme la nazione e la sua gente. Il costo è stato un numero senza precedenti di decessi legati alla drogae uno stato considerato istituzionalmente, strutturalmente e sistemicamente razzista da parte degli osservatori internazionali.

Guardando al futuro

Ho chiesto a Lines e Barrett se la loro carriera nell’ambito della riforma della politica sulla droga e dei diritti umani abbia dato loro speranza per il futuro.

“Molto è cambiato in termini di diritti umani, ma anche nulla. Abbiamo fatto molti progressi sulla pena di morte, ad esempio, ma il livello è molto basso e non l'abbiamo ancora superato del tutto", ha affermato Barrett.

“Molte, molte più persone muoiono di overdose e questa non è altro che una questione di diritto alla vita, soprattutto se guardiamo la cosa attraverso la lente dell’incuria statale. È decisamente difficile in questo momento, ma ogni speranza è riposta nella comunità della riduzione del danno e della riforma della politica sulla droga, che è sempre fonte di ispirazione”.

Valutare il cambiamento delle politiche sulla droga a livello globale è una sfida difficile; ogni regione e nazione risponde ai problemi della droga in modi unici. Questo libro rappresenta un momento per fare il punto sui progressi compiuti nel ottenere il riconoscimento della riduzione del danno, ma ci ricorda anche che questo viaggio di dignità, patrocinio e giustizia non finirà mai.

“Quando abbiamo iniziato a lavorare sui diritti umani e sulle politiche sulla droga presso Harm Reduction International nel 2007, lo abbiamo fatto in un contesto in cui le droghe erano state ignorate nello spazio dei diritti umani per decenni. Pertanto, quando la società civile ha avviato un’azione di advocacy collaborativa in questo ambito, è stato principalmente per denunciare e respingere pratiche e leggi abusive che erano profondamente radicate”, ha aggiunto Lines.

“I diritti umani sono un concetto dinamico, quindi è importante che anche i nostri sforzi guardino al futuro, per garantire che i diritti umani siano parte della politica in evoluzione e dello spazio politico fin dall'inizio”.

Articoli precedenti
Cambiamenti geopolitici: come la produzione di cocaina si sta spostando in Europa
pagina successiva
Il paradosso del proibizionismo è chiaro con la ketamina nel Regno Unito

Contenuti correlati