1. Casa
  2. Articoli
  3. Siamo in un apartheid della droga?

Siamo in un apartheid della droga?

La legalità delle droghe sta cambiando sotto i nostri occhi. Nuova Zelanda provato vietare ai giovani di acquistare legalmente le sigarette, mentre il Regno Unito proibito il possesso di protossido di azoto. La Tailandia potrebbe recriminalizzare la cannabis in seguito faticando a controllare il suo mercato aperto, mentre i Paesi Bassi sta pilotando il primo programma europeo sulla cannabis ricreativa. Ma può essere difficile identificare cosa motiva tali cambiamenti nelle leggi sulla droga e quanto questi siano significativi.

In questo articolo, offriamo l’“apartheid sulla droga” come quadro teorico per contestualizzare come e perché esistono ed emergono le politiche sulla droga. Perché, come società globale, abbiamo politiche sulle droghe sorprendentemente simili, in cui alcune droghe sono commercializzate liberamente mentre altre sono severamente vietate? Le recenti riforme della politica sulla droga stanno mettendo in discussione questo modello?

 

Cos’è l’apartheid della droga?

Definiamo l’apartheid della droga come un sistema di inclusione ed esclusione che crea una gerarchia arbitraria nell’uso delle sostanze, privilegiando determinate droghe, i loro produttori e consumatori mentre segregando, criminalizzando e punendo altre. Questo è un processo legato al Emersione e affermazione del capitalismo con le sue origini che giacciono nel colonialismo, nell'impero, nella schiavitù, nello sfruttamento, così come l’avanzamento del capitalismo consumistico globale.

Il sistema globale di proibizione della droga è storicamente legato alle società commerciali occidentali che utilizzano la forza militare, la pulizia etnica e la manodopera a contratto per aprire i mercati internazionali della droga. Questo processo ha creato la distinzione tra fornitura lecita di droga e fornitura illecita criminale, nonostante le società e i governi legittimi partecipino alle stesse imprese di quelle impiegate dagli attuali imprenditori del mercato nero.

Il modo in cui siamo quindi arrivati ​​a definire quali farmaci, produttori, fornitori e utilizzatori siano illegittimi e dannosi e quali no, non si basa sulla ragione o sulla razionalità. È guidato dal pregiudizio e dal profitto. In quanto tale, qualsiasi esame scientifico dei “farmaci” sottolinea come lo status illegale di alcune sostanze sia illogico e come l'attuale promozione di sostanze legali sia fuorviante.

L'apartheid della droga in cui viviamo oggi è stato rafforzato dalla “guerra alla droga” di Nixon. Fin dall’inizio, questo termine è stato una contraddizione: non c’è mai stata una guerra alla droga, ma solo una guerra contro droghe particolari, cercando irrazionalmente e incoerentemente di sradicarle.

Più precisamente, è a “guerra tra la droga”: un sistema di apartheid farmaceutico che consente l’uso di determinate sostanze mettendone al bando altre. È un sistema corrotto che ha più a che fare con il controllo delle persone che fanno uso di droghe che con i rischi posti dalle droghe stesse.

L' demonizzazione di alcuni farmaci non solo aggrava la miseria umana, ma impedisce anche il dibattito sullo status sociale e legale delle droghe. In questo senso, l’apartheid sulla droga vede le leggi sulla droga come strumenti ideologici attraverso i quali vengono applicate le norme morali, politiche ed economiche dominanti, rafforzando le relazioni di potere sottostanti che criminalizzano ed emarginano alcuni gruppi nella società – principalmente i poveri, i neri e le persone di colore, indipendentemente dal fatto che facciano uso di droghe. o no.

 

Le conseguenze dell'apartheid della droga

La risposta globale ai farmaci è quindi governata più da chi produce o utilizza una sostanza che dalla tossicità intrinseca o dai rischi ad essa associati. Ciò significa che le politiche sulla droga, che hanno lo scopo di ridurre i danni legati alla droga, finiscono per rafforzarli. Ciò avviene attraverso due modalità principali.

In primo luogo, legittimano tattiche violente e dannose. La guerra alla droga è, per definizione, intesa a sradicare una sostanza attraverso mezzi militari. L’apartheid della droga definisce sia l’uso illegale di droghe che chi ne fa uso come pericolosi, che richiedono l’obliterazione o il dominio. In tal modo, incolpa i gruppi minoritari come la ragione per cui esistono i danni legati alla droga, giustificando la necessità di un apparato statale violento per controllare coloro che usano, producono e vendono droghe illegali. Attraverso il razzismo, il colonialismo e la guerra di classe, questi gruppi sopportare il peso della violenza della guerra alla droga, poiché sono stati intenzionalmente presi di mira come responsabili dei danni legati alla droga.

In secondo luogo, l’apartheid della droga crea una cortina di fumo per i danni più ampi legati alla droga, quelli causati principalmente dalle sostanze legali e socialmente accettate. Questo processo nasconde l’intero spettro dei danni, in particolare quelli associati allo zucchero, ai medicinali, all’alcol e al tabacco. Quindi, mentre le aziende farmaceutiche, l’industria dell’alcool, del tabacco e della caffeina, così come i produttori di alimenti e bevande che caricano i loro prodotti con zucchero, causano la percentuale maggiore di danni legati alla droga (dall’obesità, alla carie, alla perdita del sonno, alle malattie del fegato, al cancro), i loro commerci si svolgono con poca o nessuna violenza di stato, operando (nel bene e nel male) principalmente attraverso l’autoregolamentazione.

È importante sottolineare che l’apartheid della droga definisce chi la società vede come persone che fanno uso di “droghe” e cosa intendiamo come danni legati alla droga: questo maschera la realtà che siamo contro tutti i consumatori di droga e che i danni più importanti legati alla droga derivano in realtà da sostanze culturalmente accettate, integrate e promosse. Tutti sperimentano costi legati alla droga ad un certo punto della loro vita, ma una minoranza di questi riguarda le droghe illegali, i cui danni sono esacerbati dalla loro criminalizzazione.

 

Andare oltre l’apartheid della droga

Anche se alcuni paesi hanno liberalizzato le loro politiche sulla droga, l’apartheid sulla droga è ancora la norma.

I mercati legali della droga si reinventano continuamente: mentre le leggi sul tabacco possono inasprirsi, appaiono nuovi mercati. Lo abbiamo visto con lo svapo, dove prodotti relativamente non regolamentati spesso bersaglio giovani. Se da un lato il rafforzamento delle leggi sul tabacco rafforza l’idea che le politiche sulla droga proteggono la società, dall’altro potrebbero semplicemente spostare i danni della droga altrove. L'apartheid della droga si modernizza, si affina e si mantiene.

L’”allentamento” delle leggi sulla cannabis – attraverso la depenalizzazione o la regolamentazione – dovrebbe essere analizzato anche attraverso il quadro dell’apartheid sulla droga. Diverse giurisdizioni in tutto il mondo hanno entrambe le cose depenalizzata possesso di cannabis o integrandola con altre droghe legalmente privilegiate come un nuovo prodotto mercificato.

Tuttavia dovremmo chiederci se ciò rappresenti un indebolimento dell’apartheid sulla droga, o semplicemente la metamorfosi del proibizionismo, in cui si crea l’apparenza di un cambiamento progressivo della politica sulla droga, ma la logica alla base e i risultati rimangono invariati.

La riforma della cannabis è stata guidata principalmente dai farmaci redditività piuttosto che l'accesso del paziente, ingiustizie storiche o diritti umani. Sono state adottate poche o nessuna riforma sull’equità sociale o sulla riparazione dei danni storici. Anche le riforme sulla cannabis sono avvenute nel vuoto, con pochi cambiamenti alla legalità di altre sostanze; il che significa che l’apartheid della droga continua.

Sebbene tali riforme possano rappresentare il primo passo verso lo smantellamento del modello proibizionista difettoso, riformare selettivamente alcune droghe senza criticare il sistema proibizionista fallito può generare esiti controproducenti e riforme non riformiste.

 

Sfuggire al fantasma del proibizionismo

Le giurisdizioni in cui sono state introdotte la depenalizzazione e la legalizzazione rimangono perseguitate dalla fantasmi del proibizionismo. In Canada, dove la cannabis è legale e alcune droghe sono depenalizzate, continuiamo a vedere gruppi indigeni incarcerato in modo sproporzionato. Il sistema di depenalizzazione australiano potrebbe effettivamente aumentare il numero di persone che fanno uso di droghe in contatto formale con il sistema della giustizia penale. Anche il modello portoghese di depenalizzazione del possesso di tutte le droghe ha lottato per sradicare lo stigma legato alla droga, dove è ancora visto come un crimine o una patologia.

Nel frattempo, le riforme della politica sulla droga vengono valutate attraverso i tassi di consumo di droga, decessi correlati alla droga, dipendenza, malattie, criminalità e infrazioni alla guida. Gli stessi parametri utilizzati per calcolare l’efficacia sono fondati sul proibizionismo e legati all’apartheid della droga.

I problemi dei mercati della droga non può essere risolto senza abolire l’apartheid della droga e il mondo proibizionista che esso sostiene. Fino a quando la dicotomia arbitraria tra droghe privilegiate e proibite non sarà eliminata, i danni associati alle droghe legali e illegali rimarranno irrisolvibili.

Fino a quando non ricostruiremo la nostra comprensione della “droga” a livello sociale, giuridico e politico, con le convinzioni che tutte le droghe sono droghe e che siamo tutti tossicodipendenti, consentiremo a chi possiede i mezzi di produzione di trarre profitto, deviando i danni intrinseci del capitalismo sulle pratiche di consumo di una piccola minoranza. In tal modo, continueremo ad aumentare i danni subiti da tutti nella società.

Articoli precedenti
I drogati non esistono
pagina successiva
Cambiamenti geopolitici: come la produzione di cocaina si sta spostando in Europa

Contenuti correlati